DO­PO MR. GREY SO­NO LA PU­PA DI UN AL­TRO BOSS

Da­ko­ta John­son

Corriere della Sera - Io Donna - - OLFATTO - di Pao­la Pia­cen­za, fo­to di Ric­car­do Ghi­lar­di

Da­ko­ta john­son è una ra­gaz­za “col­ti­va­ta”. E non so­lo per­ché sul brac­cio si­ni­stro ha un ta­tuag­gio in la­ti­no (“Ac­ta non ver­ba”, fat­ti non pa­ro­le) o per­ché usa ter­mi­ni ra­ra­men­te sen­ti­ti nel­le in­ter­vi­ste con le at­tri­ci hol­ly­woo­dia­ne (di­ce “di­par­ti­ta”, non “mor­te”). Ma so­prat­tut­to per­ché quan­do par­la del de­sti­no lo fa co­me se aves­se ap­pe­na fni­to di re­ci­ta­re Ti­to An­dro­ni­co e non in un gang­ster mo­vie nel ruo­lo del­la pu­pa del boss. Il boss poi è John­ny Depp, re­spon­sa­bi­le di una lun­ga li­sta di mor­ti am­maz­za­ti e di al­me­no al­tret­tan­ti “fuck”. Cri­mi­na­le e psicopatico at­ti­vo a Sou­th Bo­ston tra gli an­ni ’70 e gli ’80, il suo Whi­tey Bul­ger è il ti­po che ti dà del­lo spio­ne (“rat­to” per es­se­re pre­ci­si) so­lo se spif­fe­ri la ri­cet­ta del­la non­na. E lei tan­to pu­pa non è. Sul­lo scher­mo, in Black Mass, L’ul­ti

mo gang­ster (dall’8 ot­to­bre nei ci­ne­ma), ci re­sta po­co. Ma è du­ra di­men­ti­car­la. An­che per­ché sua è la sce­na ma­dre del flm e se c’è una per­so­na, l’uni­ca, che lo spa­ven­to­so Bul­ger - oc­chi ce­ru­lei, stem­pia­tu­ra pro­nun­cia­ta e vo­ce ro­ca co­me Ray Liot­ta in Quei bra­vi ra­gaz­zi - ri­spet­ti, quel­la è lei. Lo stra­no de­sti­no del­le ra­gaz­ze nel­le sto­rie di ma­la­vi­ta: rap­pre­sen­ta­re un rag­gio di lu­ce nel­le te­ne­bre. Lu­ca Gua­da­gni­no, che l’ha vo­lu­ta nel suo, al con­tra­rio as­so­la­tis­si­mo, A Big­ger Spla­sh sem­pli­ce­men­te rin­gra­zia «gli dei del ci­ne­ma » per aver­la po­sta sul suo cam­mi­no. Quan­do

Da­ko­ta John­son, 26 an­ni il 4 ot­to­bre, sa­rà in Black Mass e, a fne no­vem­bre, in

A Big­ger Spla­sh. Sta per

gi­ra­re i se­quel di Cin­quan­ta sfu­ma­tu­re di gri­gio.

glie­lo di­cia­mo, Da­ko­ta sgra­na gli oc­chi co­me avreb­be fat­to sua ma­dre, Me­la­nie Griff­th, in Na­ta ie­ri: «Dav­ve­ro?».

Black Mass

In lei in­ter­pre­ta una ma­dre de­ci­sa a non la­scia­re che suo fglio se­gua la stes­sa tra­gi­ca stra­da del pa­dre. È dav­ve­ro pos­si­bi­le sfug­gi­re a quel­lo che sem­bra un de­sti­no se­gna­to?

In­ter­pre­to una don­na con le idee chia­re su ciò che è im­mo­ra­le e con cui un bam­bi­no non do­vreb­be mai fa­re i con­ti, ma co­no­sce il suo am­bien­te, sa che suo fglio pri­ma o poi en­tre­rà nel cri­mi­ne or­ga­niz­za­to, che tor­ne­rà a ca­sa con gli oc­chi pesti e che i suoi in­se­gna­men­ti non pos­so­no reg­ge­re il con­fron­to con il ca­ri­sma del pa­dre. Un uo­mo che gli di­ce: «È le­ci­to pic­chia­re i tuoi com­pa­gni. L’im­por­tan­te è non far­si bec­ca­re». Lei non ac­cet­ta l’idea, ma è do­lo­ro­sa­men­te con­sa­pe­vo­le del fat­to che è par­te del de­sti­no di suo fglio. Qua­li le­zio­ni han­no in­ve­ce tra­smes­so a lei i suoi ge­ni­to­ri e sua non­na (il pa­dre è l’at­to­re Don John­son, la non­na l’at­tri­ce Tip­pi He­dren, pro­ta­go­ni­sta de­gli Uc

cel­li e di Mar­nie di Al­fred Hit­ch­cock)?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.