TRA PO­LI­TI­CA E MAR­TI­RIO

Corriere della Sera - Io Donna - - COLONNE D'AUTORE /2 - Blog.io­don­na.it/fa­bri­zio-ron­co­ne

Al­cu­ni gior­ni fa, par­lan­do con il se­na­to­re del Pd Mi­guel Go­tor - stu­dio­so di san­ti, ere­ti­ci e in­qui­si­to­ri, flo­lo­go di Al­do Mo­ro, do­cen­te di Sto­ria mo­der­na all’Uni­ver­si­tà di To­ri­no, chia­ma­to a fa­re po­li­ti­ca da Pier Lui­gi Ber­sa­ni - è ve­nu­ta fuo­ri una sua ri­fes­sio­ne che gal­leg­gia­va in uno sta­to d’ani­mo pie­no di stu­po­re e di ama­rez­za. Sen­ti­te un po’. E in­som­ma, sì, le di­co: mi so­no con­vin­to che or­mai, per es­se­re con­si­de­ra­to cre­di­bi­le e per be­ne dal­la gen­te, dai cit­ta­di­ni, un po­li­ti­co deb­ba po­ter di­mo­stra­re di non ave­re mai avu­to a che fa­re pro­prio con la po­li­ti­ca. L’uni­ca al­ter­na­ti­va ac­cet­ta­ta è il mar­ti­rio.

Pro­se­gua.

L’aver avu­to to­ta­le estra­nei­tà ai Pa­laz­zi è la so­la for­ma di ga­ran­zia che og­gi puoi esi­bi­re. È ter­ri­bil­men­te in­giu­sto per­ché ci so­no tan­ti po­li­ti­ci che fan­no po­li­ti­ca da an­ni con coe­ren­za e pen­san­do al be­ne del Pae­se, ma è co­sì. Ap­pe­na la pla­tea in­tui­sce che non sei del tut­to estra­neo, si in­di­spet­ti­sce, fschia. Ho spe­ri­men­ta­to per­so­nal­men­te in al­cu­ni con­ve­gni che strap­pa­no ap­plau­si so­lo Al­do Mo­ro ed En­ri­co Ber­lin­guer, il pri­mo vit­ti­ma del ter­ro­ri­smo, il se­con­do mor­to du­ran­te un co­mi­zio. Al­tri po­li­ti­ci, che pu­re me­ri­te­reb­be­ro ap­plau­si e am­mi­ra­zio­ne, e pen­so a Pie­tro Nen­ni, a Gio­van­ni Spa­do­li­ni, nien­te, ze­ro: an­che lo­ro ven­go­no guar­da­ti con so­spet­to.

C’è del ve­ro in ciò che di­ce, se­na­to­re.

E ci pen­si: for­se que­sto non va­le so­lo per la po­li­ti­ca. Si sa­rà ac­cor­to, per esem­pio, che c’è un so­lo ca­ra­bi­nie­re buo­no e giu­sto: Car­lo Al­ber­to Dal­la Chie­sa. Tut­ti gli al­tri sem­bra­no tra­ma­re nel­la pe­nom­bra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.