Pao­la Cor­tel­le­si

In­cin­ta, sen­za la­vo­ro, con una pi­sto­la e un ma­ri­to Pe­ter Pan. Nel suo nuo­vo film Pao­la Cor­tel­le­si ve­ste i pan­ni, an­co­ra una vol­ta, di una don­na sull’or­lo di un abis­so. Co­sì di­ver­sa da lei che è cir­con­da­ta da amo­re e gio­ia. E che ai gio­va­ni (com­pre­sa sua f

Corriere della Sera - Io Donna - - Da Prima Pagina - Di Pao­la Pia­cen­za, fo­to di To­ni Tho­rim­bert per Io don­na

An­co­ra una vol­ta in­ter­pre­to una don­na sul ba­ra­tro: in­cin­ta, sen­za la­vo­ro e con un ma­ri­to Pe­ter Pan. Un dram­ma a mo­do mio, che conf­na con la com­me­dia. Per­ché quan­do c’è di mez­zo la vi­ta non si può non ri­de­re

An­che un ar­ri­ve­der­ci può es­se­re stra­zian­te. Quel­lo che Pao­la Cor­tel­le­si ha pro­nun­cia­to que­sta mat­ti­na all’in­di­riz­zo di sua fglia sul­la so­glia dell’asi­lo do­ve­va suo­na­re co­me la ri­ti­ra­ta da Wa­ter­loo. «“Non mo­stra­te­vi emo­ti­vi, i bam­bi­ni se ne ac­cor­go­no” ti di­co­no le mae­stre men­tre tu in­goi le la­cri­me» spie­ga l’at­tri­ce al­le pre­se con la la­ma a dop­pio ta­glio dell’in­se­ri­men­to. «Da un la­to la­vo­ri da ge­ni­to­re co­scien­zio­so per ren­der­li in­di­pen­den­ti, per fa­vo­ri­re la so­cia­liz­za­zio­ne, l’in­gres­so nel mon­do, dall’al­tro ogni pas­so ver­so la lo­ro au­to­no­mia è una sti­let­ta­ta nel cuo­re per­ché è un pas­so che li al­lon­ta­na da te» rac­con­ta. E im­prov­vi­sa­men­te è co­me se le no­te di Ba­loc­chi e pro­fu­mi si dif­fon­des­se­ro nel­la stu­dio fo­to­gra­f­co: «Mam­ma, mor­mo­ra la bam­bi­na…». Pao­la Cor­tel­le­si guar­da esta­sia­ta gli abi­ti an­co­ra ap­pe­si sul­le gruc­ce che tra po­co in­dos­se­rà per il ser­vi­zio fo­to­gra­f­co che ve­de­te in que­ste pa­gi­ne: «E di­re che per Ric­car­do (Mi­la­ni, re­gi­sta e sce­neg­gia­to­re, ma­ri­to dell’at­tri­ce, ndr) avrei una na­tu­ra­le pro­pen­sio­ne per il look “suo­ra lai­ca”». Si ri­cre­de­rà. A Pao­la Cor­tel­le­si la ma­ter­ni­tà (e il pen­sie­ro sul­la ma­ter­ni­tà, es­sen­do al de­but­to co­me sce­neg­gia­tri­ce) cal­za co­me un guan­to. Tra il 2005 e il 2007, mol­to pri­ma che na­sces­se la pic­co­la Lau­ra, ave­va por­ta­to ai quat­tro an­go­li del­la pe­ni­so­la

Gli ul­ti­mi sa­ran­no ul­ti­mi, uno spet­ta­co­lo tea­tra­le in cui da­va vo­ce a set­te per­so­nag­gi, com­pre­so il bam­bi­no che por­ta­va in pan­cia, il qua­le «nel­la not­ta­tac­cia » in cui si svol­ge­va l’azio­ne de­ci­de­va, in­tem­pe­sti­vo, di ve­ni­re al­la lu­ce. Quel­lo spet­ta­co­lo che tan­te sod­di­sfa­zio­ni ha già da­to al­la Fre­go­li del­la Mas­si­mi­na ora è un flm: stes­so ti­to­lo, stes­sa sto­ria, ma tut­ta di­ver­sa. Pao­la sta­vol­ta, mor­den­do pro­ba­bil­men­te il fre­no, in­ter­pre­ta un per­so­nag­gio so­lo, Lu­cia­na Co­lac­ci,

pro­le­ta­ria del­la cin­tu­ra ro­ma­na che, in­cin­ta al no­no me­se, si ve­de por­ta­re via il la­vo­ro e la vi­ta. E rea­gi­sce co­me rea­gi­reb­be una fe­ra in di­fe­sa dei suoi pic­co­li.

189 re­pli­che e 250mi­la spet­ta­to­ri a tea­tro, pre­mi co­me se pio­ves­se, un mo­no­lo­go ap­pa­ren­te­men­te in­tra­du­ci­bi­le. Cor­tel­le­si, ma chi gliel’ha fat­to fa­re?

Era una sto­ria ur­gen­te no­ve an­ni fa quan­do l’ab­bia­mo por­ta­ta in sce­na. Al­lo­ra si co­min­cia­va a par­la­re nel­le cro­na­che dei pri­mi at­ti di di­spe­ra­zio­ne com­mes­si da chi im­prov­vi­sa­men­te per­de­va il la­vo­ro. Era­no sto­rie di per­so­ne nor­ma­li che si tra­sfor­ma­va­no in aguz­zi­ni, vi­cen­de di uo­mi­ni mi­ti che di­ven­ta­va­no

cri­mi­na­li. Be’… io tro­vo che sia an­co­ra più ur­gen­te ades­so. La ma­dre di Lui­gi Prie­ti, l’au­to­re dell’at­ten­ta­to del 2013 di fron­te a Pa­laz­zo Chi­gi, di­chia­ra­va ai gior­na­li­sti: «Ha fat­to co­la­zio­ne, ha pre­so le si­ga­ret­te, le chia­vi del­la mac­chi­na, ha det­to:

“Esco...”» . For­se noi ave­va­mo pre­cor­so i tem­pi rac­con­tan­do nel 2005 la sto­ria di una don­na che pren­de in ostag­gio la re­spon­sa­bi­le del suo li­cen­zia­men­to. Ma poi, man ma­no che il tem­po pas­sa­va e io leg­ge­vo le in­ter­vi­ste dei parenti di chi ave­va com­mes­so at­ti si­mi­li, mi ren­de­vo con­to che pra­ti­ca­men­te tut­ti de­scri­ve­va­no per­so­ne sen­za pre­ce­den­ti, one­ste, “nor­ma­li”. Al­lo­ra mi so­no chie­sta: «Ma se in ognu­no di noi al­ber­ga que­sto de­mo­ne, che può usci­re al­lo sco­per­to op­pu­re no, qual è la scin­til­la?». E che co­sa c’è di più lon­ta­no da un aguz­zi­no di una don­na in sta­to in­te­res­san­te? Ma que­sta don­na si tro­va in un tur­bi­ne di emo­zio­ni che non rie­sce più a te­ne­re a ba­da e im­prov­vi­sa­men­te fni­sce al bor­do dell’abis­so.

Di­ran­no: “Cor­tel­le­si ve­te­ro­mar­xi­sta”.

E io ri­spon­de­rò che ven­go dal­la Mas­si­mi­na, dal tre­di­ce­si­mo, non ra­gio­no mai per teo­rie no­no­stan­te sia­no di un cer­to li­vel­lo, ra­gio­no per espe­rien­za. Nel­la mia fa­mi­glia si è sem­pre la­vo­ra­to nor­mal­men­te, dal lu­ne­dì al ve­ner­dì. Lo stes­so de­sti­no di mol­ti, si­cu­ra­men­te del­le per­so­ne co­me Lu­cia­na Co­lac­ci. Nel flm lei lo di­ce chia­ro al ma­ri­to: « Sia­mo na­ti in que­sto am­bien­te, in que­sta clas­se so­cia­le, non ab­bia­mo le car­te in re­go­la per fa­re il sal­to». Ma lui è un bam­bi­no­ne, un uo­mo amo­re­vo­le e inaf­f­da­bi­le, bel­lo e spi­ri­to­so che la fa mo­ri­re dal ri­de­re, ma è un Pe­ter Pan su cui non si può con­ta­re.

Nel­la mia fa­mi­glia si è sem­pre la­vo­ra­to nor­mal­men­te, dal lu­ne­dì al ve­ner­dì. Lo stes­so de­sti­no del­la mia eroi­na pro­le­ta­ria

Un Pe­ter Pan in­ter­pre­ta­to da Ales­san­dro Gass­man. Ha spo­sa­to il ruo­lo?

L’ha ado­ra­to. Non che con­di­vi­des­se, ma in­ter­pre­ta­re un per­so­nag­gio co­sì è una man­na per un at­to­re: un uo­mo che nel­la vi­ta cer­ca “le drit­te per svol­ta­re”, che di­ce: “Ades­so mi entra un af­fa­re”. Ma l’Ita­lia non è la Si­li­con Val­ley!

Una com­me­dia, un dram­ma o un “dra­me­dy” co­me si di­ce in Ame­ri­ca?

Dra­me­dy, sen­za dub­bio. Spe­ria­mo di aver tro­va­to il giu­sto equi­li­brio. Ci so­no mo­men­ti du­ri e dram­ma­ti­ci, ma quan­do c’è di mez­zo la vi­ta non si può non ri­de­re. Par­lia­mo di gen­te che non ha al­tre am­bi­zio­ni se non quel­le rac­chiu­se nel­la bat­tu­ta: «Ri­vo­glio lo sti­pen­dio bas­so mio».

Le aspet­ta­ti­ve non pos­so­no che es­se­re ra­so­ter­ra nell’era del jobs act?

Cer­to, a vent’an­ni noi so­gna­va­mo e osa­va­mo di più. Og­gi ve­do ra­gaz­zi, con mol­ti più stru­men­ti di quel­li che ave­va­mo noi, ce­de­re al­la cu­pez­za, al­la di­sil­lu­sio­ne. Gio­va­ni che han­no due pro­spet­ti­ve: an­dar­se­ne op­pu­re op­ta­re per “stia­mo a ve­de­re, qual­co­sa ac­ca­drà”. Do­vreb­be es­se­re: “Sa­rò io a far ac­ca­de­re qual­co­sa!”. A vent’an­ni de­vi ave­re il tur­bo…

Co­me con­vin­ce­rà la sua bam­bi­na, che ora va all’asi­lo, ma pre­sto sa­rà in­di­pen­den­te e af­fron­te­rà il du­ro mon­do del la­vo­ro, a met­te­re il tur­bo?

Vor­rei che non le suc­ce­des­se quel­lo che pa­ven­ta Da­rio Fo: «Da adul­to ti per­di il gu­sto del so­gno».

Con Da­rio Fo sta fa­cen­do le pro­ve di uno spet­ta­co­lo su Ma­ria Cal­las.

Che poi si ve­drà su RaiUno a di­cem­bre. È un rac­con­to a due sul­la di­vi­na, era sta­to scrit­to per Fran­ca Ra­me. Non so per­ché Da­rio ab­bia scel­to me…

L’avrà sen­ti­ta can­ta­re…

Quan­do me l’ha pro­po­sto mi ha det­to: «Io non vo­glio rac­con­ta­re quan­to fos­se bra­va la Cal­las, que­sto lo sap­pia­mo tut­ti, vo­glio rac­con­ta­re co­me una don­na cui Dio o il de­sti­no ab­bia­no fat­to il do­no di un si­mi­le ta­len­to, non ab­bia ret­to di fron­te al­la man­can­za…». È la cre­pa che si apre nel­la vi­ta di chi ci sem­bra ab­bia tut­to, Amy Wi­ne­hou­se, Wit­ney Hou­ston… Ma es­se­re sul­le co­per­ti­ne, coi ri­flet­to­ri sem­pre pun­ta­ti, su­bi­re com­men­ti, con­get­tu­re sul­la pro­pria vi­ta con­su­ma.

A lei non suc­ce­de?

Ma io ho i pie­di pian­ta­ti a ter­ra e non ho il ta­len­to del­la Cal­las!

I me­dia la ama­no. La co­sa più in­tru­si­va che si è vi­sta di re­cen­te è la fo­to di lei con la Pau­si­ni che brin­da­va­te a Ca­po­dan­no.

Le ho avu­te an­che io le in­tru­sio­ni: quan­do ero in­cin­ta mi da­va­no la cac­cia per fo­to­gra­far­mi col pan­cio­ne. E quel­la è una fa­se in cui sei fra­gi­le, guar­di la pub­bli­ci­tà dei ri­ga­to­ni e pian­gi. La mia for­tu­na è un’al­tra…

Di­ca…

Io ho avu­to l’amo­re, ce l’ho e ce l’ho avu­to, non me l’han­no ne­ga­to. Ho avu­to quel­lo dei miei ge­ni­to­ri, dei miei fra­tel­li, di mio ma­ri­to e del­la mia pic­co­la.

Per­ciò non lo cer­ca in mo­do spa­smo­di­co quan­do sa­le sul palcoscenico.

Cos’al­tro è esi­bir­si se non cer­ca­re amo­re? Ogni vol­ta che en­tri in sce­na fai l’amo­re con de­gli estra­nei…

Che sfac­cia­ta…

Sì, an­che io ho bi­so­gno di quel­la sen­sa­zio­ne: pri­ma c’è la boc­ca del­lo sto­ma­co che si chiu­de e poi, se tut­to va be­ne, ar­ri­va la con­di­vi­sio­ne, si apre una li­nea di co­mu­ni­ca­zio­ne in­ti­ma e bel­lis­si­ma con chi è di fron­te a te. Ma io non lo cer­co so­lo lì. Re­ci­ta­re è la pas­sio­ne del­la mia vi­ta, ma se non tro­vo l’amo­re sul­le as­si di un palcoscenico o non ne tro­vo ab­ba­stan­za, ho sem­pre la mia vi­ta. E con­to su quel­la.

Que­sta è una dra­me­dy. Ci so­no mo­men­ti du­ri e dram­ma­ti­ci, ma quan­do c’è di mez­zo la vi­ta, al­la fi­ne, non si può non ri­de­re...

Gli ul­ti­mi sa­ran­no ul­ti­mi.

Pao­la Cor­tel­le­si e Ales­san­dro Gass­man in

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.