Gian­na Nan­ni­ni

Col­pa for­se del­la ma­ter­ni­tà re­cen­te che ti to­glie per un po’ cer­ti “ar­do­ri” e ti fa gi­ra­re la vi­ta in­tor­no a Pe­ne­lo­pe, 5 an­ni, al­la qua­le Gian­na Nan­ni­ni de­di­ca l’ul­ti­mo al­bum. Men­tre a noi ri­ve­la cos’è ri­ma­sto di quell’ado­le­scen­te sfrenata. Tra la mu­si­ca

Corriere della Sera - Io Donna - - Da Prima Pagina - Di Raf­fae­la Car­ret­ta, fo­to di Ge­rald Jen­kins

Mi sen­to un al­be­ro cre­sciu­to che pro­teg­ge con la sua om­bra. Il mio nuo­vo di­sco espri­me la fe­li­ci­tà di vi­bra­re uni­ti a qual­cun al­tro, ma per me non è il mo­men­to dei col­pi di ful­mi­ne. L’amo­re è come una can­zo­ne: ti ar­ri­va so­lo se ar­ri­va. A me è ar­ri­va­to con mia fglia

C’è mol­ta Gian­na Nan­ni­ni bam­bi­na nel vi­deo del­la can­zo­ne Vi­ta nuo­va: in grem­biu­li­no ro­sa all’asi­lo, sor­ri­den­te con orec­chi­ni e fioc­co d’or­di­nan­za nei ca­pel­li men­tre ab­brac­cia un ca­gno­li­no, e na­tu­ral­men­te, nel pri­mo gi­ro sulla bi­ci a ro­tel­le. « Pe­ne­lo­pe ha vi­sto le fo­to e su­bi­to le ha ba­cia­te: ave­vi la mia età? Mi ha fat­to te­ne­rez­za… Vi­ta nuo­va l’ha sentita una vol­ta e già la sa­pe­va a me­mo­ria. È sve­glis­si­ma, un fe­no­me­no nei puzz­le e nel gio­ca­re a bri­sco­la. E poi, par­la tre lin­gue, scri­ve can­zo­ni, ha una bel­lis­si­ma vo­ce: ma non glie­lo di­co, non fac­cio trop­pi sa­la­me­lec­chi». Vab­bè, si ca­pi­sce il ten­ta­ti­vo, ep­pu­re ba­sta la parola “Pe­ne­lo­pe”, e Nan­ni­ni sti­ra le lab­bra al sor­ri­so, nel­la pul­sio­ne qua­si in­vo­lon­ta­ria, ben no­ta al­le ma­dri, dell’or­go­glio ver­so la pro­pria crea­tu­ra. Chi­nar­si sulla pro­pria in­fan­zia per sin­to­niz­zar­si con quel­la di una fglia, c’en­tra pa­rec­chio con il nuo­vo cd Hi­ts­to­ry (esce il 6 no­vem­bre in ver­sio­ne dop­pia o tri­pla) che, a par­te sei ine­di­ti, ri­per­cor­re la sua bio­gra­fa mu­si­ca­le. «È an­che un mo­do per rac­con­ta­re a mia fglia chi so­no. La se­ra, pu­re se dor­mo in pie­di, le leg­go sem­pre una fia­ba: ora toc­ca al­la mia ».

A qua­si qua­rant’an­ni dall’ini­zio, Nan­ni­ni ha con­ser­va­to l’aria spic­cia del­la roc­ker. Nel trian­go­lo del­la fac­cia, co­sì al­le­gra­men­te in­dif­fe­ren­te al­le ru­ghe, qual­co­sa d’im­pre­ve­di­bi­le è sem­pre a un pas­so dal pren­de­re il so­prav­ven­to, come se nel duel­lo tra caos e or­di­ne si co­no­sca già il vin­ci­to­re. An­che la ce­le­bre vo­ce scar­ta­ve­tra­ta va ve­lo­ce, se­guen­do lam­pi d’im­pul­so. «La vo­ce più ero­ti­ca del mon­do: lo dice il mio bat­te­ri­sta in­gle­se Si­mon Phi­lips, non io. Ven­go dal­la ro­man­za puc­ci­nia­na che ha il tem­po dell’emo­zio­ne, non del rit­mo. Ho fa­ti­ca­to a tro­va­re un bat­ti­to eu­ro­peo den­tro la me­lo­dia me­di­ter­ra­nea ».

Ep­pu­re, non è tut­to qui. E la sto­ria del­la vo­ce - come si è for­ma­ta, che co­sa è di­ven­ta­ta - in una vi­ta spe­sa a in­se­gui­re le on­de so­no­re, ap­pa­re il se­tac­cio che ne trat­tie­ne me­glio il sen­so, la scia lu­cen­te che in­di­ca la di­re­zio­ne. « Cre­do di aver avu­to un trau­ma a 14 an­ni: ave­vo una ses­sua­li­tà mol­to pro­nun­cia­ta, pen­sa­vo so­lo a quel­lo. Det­to in

Cre­do di aver avu­to un trau­ma all’età di 14 an­ni: ave­vo una ses­sua­li­tà mol­to pro­nun­cia­ta, pen­sa­vo sol­tan­to a quel­lo. Ed è come se la mia vo­ce si fos­se for­ma­ta su quel cal­co

se­ne­se, ero una ma­ia­la... D’esta­te, a Via­reg­gio, m’in­na­mo­ro di Mar­co. Pe­rò so­no ter­ro­riz­za­ta per­ché il bab­bo mi ha spie­ga­to: ora hai le me­strua­zio­ni, se vai con un ra­gaz­zo re­sti in­cin­ta… Co­sì mi but­to nel ses­so, sen­za mai ar­ri­va­re al­la con­clu­sio­ne. Tut­ta la mia ado­le­scen­za è sta­ta co­sì: pet­ting a mil­le e ri­tar­da­re la pri­ma vol­ta. Ed è come se la mia vo­ce si sia for­ma­ta su quel cal­co, ab­bia as­sor­bi­to l’eco di un richiamo ses­sua­le ine­sau­ri­bi­le, per­ché a un pas­so dal li­mi­te». Sem­bra in­cre­di­bi­le, ma all’epo­ca, me­tà an­ni Set­tan­ta, c’è an­co­ra un’idea im­pli­ci­ta che non ap­par­tie­ne so­lo a bab­bo Nan­ni­ni, pro­prie­ta­rio di una sto­ri­ca pa­stic­ce­ria: «Fa­re la can­tan­te era un po’ come bat­te­re il mar­cia­pie­de. In­fat­ti, do­po l’esi­bi­zio­ne nei lo­ca­li di Mi­la­no, po­te­va ar­ri­va­re l’of­fer­ta, più o me­no ve­la­ta, di un ar­ro­ton­da­men­to eco­no­mi­co: quan­to?».

In Ita­lia si pen­sa di po­ter de­ci­de­re per

un al­tro, ve­di il ri­co­no­sci­men­to nel­le cop­pie omo del

fi­glio del part­ner. Ti fa schi­fo? Non lo fai. Ma non puoi im­por­lo ad al­tri

og­gi nan­ni­ni ha 59 an­ni, è ma­dre di una fi­glia di cinque, ha scrit­to can­zo­ni ma­gni­fi­che. Che co­sa ri­ma­ne di quell’ado­le­scen­te con la minigonna che il pa­dre ta­gliò a pez­zet­ti (e lei scap­pò in tre­no la­scian­do una let­te­ra d’ad­dio)? «Mi sen­to un al­be­ro cre­sciu­to che pro­teg­ge con la sua om­bra. Vi­ta nuo­va espri­me que­sto: la fe­li­ci­tà di vi­bra­re uni­ti a qual­cun al­tro. E l’ho im­pa­ra­to dall’amo­re per mia fi­glia. Quan­do fa­ce­vo la ma­ia­la, che in­ten­dia­mo­ci, va sem­pre be­ne, c’era un al­tro ti­po di de­di­zio­ne…».

In­na­mo­rar­si è un van­tag­gio o un in­tral­cio quan­do scri­ve una can­zo­ne? «È una do­man­da che per me ave­va sen­so una vol­ta. La per­so­na che ami può es­se­re un’an­ten­na che cap­ta qual­co­sa. Ep­pu­re, non è l’ispi­ra­zio­ne: quel­la per­so­na è un ca­so. E ma­ga­ri, an­che, un fa­sti­dio. Nel­la so­li­tu­di­ne ho scrit­to le can­zo­ni più bel­le». Per can­ta­re l’amo­re bi­so­gna scar­ni­fi­car­lo, ri­por­ta­re il cuo­re al­la sua nu­da es­sen­za sen­za tem­po: « Guar­dan­do in­die­tro mi sen­to una suo­ra. Se la tua mis­sio­ne è la mu­si­ca, al­la fi­ne tut­to le gi­ra in­tor­no. Un po’ come San­ta Ca­te­ri­na in mis­sio­ne dal Papa per far­gli cam­bia­re idea ».

Ora pe­rò tut­to gi­ra in­tor­no an­che a que­sta ma­ter­ni­tà as­sor­ben­te, lo spar­tiac­que fi sso del­la vi­ta nuo­va: «Non è que­sto il mo­men­to dei col­pi di ful­mi­ne. L’amo­re è come una can­zo­ne: ti ar­ri­va so­lo se ar­ri­va. E a me non ar­ri­va. La fa­se or­mo­na­le do­po-par­to che spe­gne cer­ti ar­do­ri du­ra quat­tro o cinque an­ni. E c’è la vi­ci­nan­za di Pe­ne­lo­pe, le ener­gie van­no in quel­la di­re­zio­ne, come se il cor­do­ne om­be­li­ca­le sia an­co­ra lì a te­ner­ci stret­te».

si ca­pi­sce che fa an­co­ra rab­bia la po­le­mi­ca sull’età ai tem­pi del­la gra­vi­dan­za: «In­cre­di­bi­le, in Ita­lia c’è an­co­ra l’idea che uno pos­sa de­ci­de­re per un al­tro. Ve­di la di­scus­sio­ne sul ri­co­no­sci­men­to nel­le cop­pie omo­ses­sua­li del fi glio del part­ner. Ti fa schi­fo? Non lo fai. Pe­rò non puoi im­por­lo a chi la pen­sa di­ver­sa­men­te. Du­ran­te la gra­vi­dan­za te­me­vo so­lo una co­sa: che le cat­ti­ve­rie fil­tras­se­ro den­tro, nel­la pan­cia, fa­cen­do ma­le al­la bam­bi­na. Del re­sto non mi fre­ga­va, era un pro­ble­ma lo­ro». All’in­ter­no del­la co­ver di

Vi­ta nuo­va c’è uno stre­pi­to­so gio­co dell’oca: ogni ca­sel­la è una tap­pa del­la vi­ta di Nan­ni­ni. La for­ma ri­cal­ca il sim­bo­lo del Ter­zo Pa

ra­di­so di­se­gna­to da Mi­che­lan­ge­lo Pi­sto­let­to, mas­si­mo ar­ti­sta con­tem­po­ra­neo con cui Gian­na Nan­ni­ni col­la­bo­ra da an­ni. Ac­can­to ai due cer­chi del se­gno ma­te­ma­ti­co dell’in­fi ni­to, Pi­sto­let­to ne ha ag­giun­to uno cen­tra­le, quel­lo del­la ri­na­sci­ta, il ven­tre ma­ter­no che ge­ne­ra la vi­ta.

«È sta­to pro­fe­ti­co. Quan­do ho scrit­to Ma­ma per la sua installazione non ero an­co­ra in­cin­ta. Lui è po­ten­te, un gran­de sti­mo­la­to­re di crea­ti­vi­tà. Ti guar­da e ti at­tra­ver­sa. Chis­sà, for­se so­no ri­ma­sta in­cin­ta di Pi­sto­let­to».

Gian­na Nan­ni­ni, 59 an­ni. Il suo ul­ti­mo al­bum,

Hi­ts­to­ry, è usci­to in que­sti gior­ni (sei ine­di­ti e suc­ces­si del pas­sa­to). Sua fglia Pe­ne­lo­pe è na­ta 5 an­ni fa.

Gian­na Nan­ni­ni, 59 an­ni, è na­ta a Sie­na. Hi­ts­to­ry è il suo ven­tu­ne­si­mo al­bum re­gi­stra­to in stu­dio, cui si ag­giun­go­no tre al­bum dal vi­vo e quat­tro rac­col­te.

La co­ver dell’ul­ti­mo al­bum di Gian­na Nan­ni­ni. La fo­to è sta­ta scat­ta­ta da un com­pa­gno di scuo­la

del­la pic­co­la Pe­ne­lo­pe.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.