“BA­STA STE­REO­TI­PI SULLA PEL­LE NE­RA”

Can­ta (come suo pa­dre) e re­ci­ta (come sua ma­dre). Ma più che “li­be­rar­si” dei suoi ge­ni­to­ri fa­mo­si Zoë Kra­vi­tz vuo­le mo­stra­re qua­li so­no gli al­tri vol­ti del­la “cul­tu­ra black”. Che non è fat­ta so­lo di gang, dro­ga e quar­tie­ri dif­fi­ci­li. Ma an­che di gio­va­ni c

Corriere della Sera - Io Donna - - Figlie Orgogliose - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Ro­ger Ki­sby Mad Max: Fu­ry Road re per l’in­fer­no) Do­pe, Ro­bin­son, Ascen­so- Mad Max, Di­ver­gent. Do­pe. Fol­lia e ri­scat­to, nerd nerd

guer­rie­ra di

è uno scric­cio­lo con lun­ghi ca­pel­li rac­col­ti in trec­ci­ne, pa­rec­chi ta­tuag­gi e qual­che pier­cing. Porta jeans e t- shirt ab­bon­dan­ti, è sim­pa­ti­ca e, ol­tre ai ge­ni­to­ri, di fa­mo­so ha avu­to an­che un fi­dan­za­to: Mi­chael Fas­sben­der, uno che in que­sti ul­ti­mi an­ni è fis­so nel­le clas­si­fi­che de­gli at­to­ri più hot. I ge­ni di papà Len­ny, Zoë Kra­vi­tz li ha usa­ti per fon­da­re una sua band, la Ele­va­tor Fight, quel­li di mam­ma Li­sa Bo­net ( la De­ni­se dei ma an­che la bol­len­te crea­tu­ra che se­du­ce Mic­key Rour­ke in

per con­qui­sta­re ruo­li in ko­los­sal come ap­pun­to, o la se­rie Noi pe­rò ci in­con­tria­mo per un film in­di­pen­den­te che pur­trop­po non ha avu­to di­stri­bu­zio­ne in sa­la, ma è usci­to in que­sti gior­ni so­lo on li­ne e in dvd: di Rick Fa­muy­i­wa. In slang vuol di­re “dro­ga” ma in ita­lia­no è di­ven­ta­to

a com­bat­ti­va ag­giun­gen­do una no­ta dram­ma­ti­ca a un film che è so­prat­tut­to di­ver­ten­te e che per una vol­ta evi­ta mol­ti ste­reo­ti­pi. Mal­com è un ra­gaz­zo di co­lo­re un po’ che vi­ve in un quar­tie­re co­sì co­sì di Los Angeles a mag­gio­ran­za ne­ra, ma an­zi­ché di­ven­ta­re ca­po di una gang vor­reb­be an­da­re ad Har­vard. E con i suoi ami­ci al­tret­tan­to si tro­va coin­vol­to in una se­rie di com­pli­ca­ti even­ti le­ga­ti a dro­ga e spac­cio in cui c’en­tra an­che Zoë. «Leg­ge­re la sce­neg­gia­tu­ra è sta­to come re­spi­ra­re una boc­ca­ta d’aria fre­sca » rac­con­ta. «Fi­nal­men­te qual­co­sa di di­ver­so».

Di­ver­so da co­sa?

Ogni sce­neg­gia­tu­ra che ri­ce­vo ri­guar­da la “cul­tu­ra black”. I ruo­li per le don­ne di co­lo­re so­no mol­to ri­pe­ti­ti­vi. Ha pre­sen­te la sce­na del film in cui Mal­com va dal pre­si­de? Que­sto gli dice che, se vuo­le es­se­re am­mes­so all’uni­ver­si­tà, nel­la let­te­ra di pre­sen­ta­zio­ne de­ve rac­con­ta­re la so­li­ta sto­ria del po­ve­ro ra­gaz­zo ne­ro con ma­dre sin­gle...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.