SE­DU­TI IN QUEL BI­STROT...

Corriere della Sera - Io Donna - - Indirizzi - Il­lu­stra­zio­ne di An­drea Pi­stac­chi Un et­no­lo­go al bi­strot

Do­po aver­ci rac­con­ta­to i non-luo­ghi me­tro­po­li­ta­ni, dove la no­stra so­li­tu­di­ne ur­ba­na cre­sce a di­smi­su­ra, il francese Marc Au­gé, con il suo nuo­vo e im­per­di­bi­le li­bro, ( Raf­fael­lo Cor­ti­na), ri­va­lu­ta per tut­ti noi quel­lo che per i fran­ce­si, più che uno spa­zio pub­bli­co, è da sem­pre una se­con­da ca­sa: il bi­strot. Eser­ci­zio pub­bli­co di dif­fi­ci­le tra­du­zio­ne per­ché non è so­lo un bar con ta­vo­li­ni, né un ri­sto­ran­te con po­che pre­te­se, ben­sì un lo­ca­le in cui si può scon­fig­ge­re l’iso­la­men­to cau­sa­to dal­lo stress cit­ta­di­no, col­ti­van­do re­la­zio­ni con gli ha­bi­tué, leg­gen­do, scri­ven­do o so­lo guar­dan­do il mon­do che pas­sa. «Il bi­strot non è un club e non esclu­de nes­su­no. È uno spa­zio aper­to su al­tri spa­zi, sulla stra­da e sulla vi­ta ». Per Au­gé, i cen­tri com­mer­cia­li, le sta­zio­ni, i gran­di al­ber­ghi so­no aree ano­ni­me pri­ve di me­mo­ria, luo­ghi del­la mo­der­ni­tà, de­pu­ta­ti al pas­sag­gio fret­to­lo­so e ne­vro­ti­co di un quo­ti­dia­no ma­lin­co­ni­co. Tutt’al­tra mu­si­ca l’am­bien­te del bi­strot che ci ri­por­ta al­la «no­stra con­di­zio­ne uma­na di av­ven­to­ri cu­rio­si e af­fa­ma­ti di no­vi­tà ».

La Fran­cia è gran­de mae­stra di vi­ta in que­sto cam­po, ma an­che noi non scher­zia­mo. Chi non co­no­sce la gio­ia di la­sciar­si cul­la­re dal rit­mo del cap­puc­ci­no con cor­net­to del bar di quar­tie­re dove le pic­co­le con­ver­sa­zio­ni ri­tua­li sul tem­po e il cam­pio­na­to di cal­cio ci tra­ghet­ta­no con dol­cez­za ver­so la gior­na­ta la­vo­ra­ti­va? Mo­men­ti an­co­ra in­ti­mi per­ché vi­ci­ni al risveglio, an­ti­che con­sue­tu­di­ni che ci re­ga­la­no un’ar­mo­nia for­se il­lu­so­ria con il mon­do e ap­pa­ga­no con po­co il no­stro bi­so­gno di re­la­zio­ni or­mai so­sti­tui­to, qua­si del tut­to, da Fb. Geor­ges Si­me­non non avreb­be scrit­to una ri­ga, se non fos­se­ro esi­sti­ti i bi­strot. E io avrei un ca­rat­te­re più ira­sci­bi­le, sen­za la so­sta al bar sot­to ca­sa. Ora, gra­zie ad Au­gé, so an­che che: «In un bi­strot pos­sia­mo tra­scor­re­re il tem­po a la­vo­ra­re, a stu­dia­re, a scri­ve­re o sem­pli­ce­men­te a guar­dar­ci at­tor­no, os­ser­van­do lo spet­ta­co­lo del­la vi­ta... Ci è da­ta in­som­ma la pos­si­bi­li­tà di sen­tir­ci esi­ste­re nel­lo sguar­do de­gli al­tri». E scu­sa­te se è po­co. A dif­fe­ren­za dei luo­ghi che na­sco­no per es­se­re di pas­sag­gio, te­sti­mo­ni di flus­si più che di so­ste, que­ste oa­si me­tro­po­li­ta­ne so­no in­ve­ce un pro­lun­ga­men­to dei no­stri ap­par­ta­men­ti, li­be­ri pe­rò da bam­bi­ni ur­lan­ti e piat­ti da la­va­re. So­no se­con­de ca­se di mi­cro-vil­leg­gia­tu­ra esen­ti da Imu, gra­va­te so­lo dal­la tas­sa di po­chi spic­cio­li di man­cia. In cam­bio, ci fan­no ri­vi­ve­re la no­ta sin­dro­me di “Se­du­to in quel caf­fè io non pen­sa­vo a te…”. Poi, d’im­prov­vi­so, suc­ce­de qual­co­sa. E, se non suc­ce­de, ba­sta l’ec­ci­tan­te sen­sa­zio­ne di aper­tu­ra sul mon­do che ci fa sen­ti­re vi­vi an­che so­lo per lo spa­zio di una con­su­ma­zio­ne.

fio­re con­si­glia­to: pe­ren­ne, a fio­re dop­pio dal­le sfu­ma­tu­re ro­sa-aran­cio e gial­lo, che fio­ri­sce da ago­sto a ot­to­bre.

Da­hlia Art Nou­veau,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.