ELO­GIO DEL­LE CON­TRAD­DI­ZIO­NI

Corriere della Sera - Io Donna - - Libri Sotto L’albero - Blog.io­don­na.it/clau­dio-sa­bel­li-fio­ret­ti

sa­reb­be bel­lo se esi­stes­se o so­lo il ne­ro o so­lo il bian­co. Sa­reb­be bel­lo se esi­stes­se il be­ne da una par­te e il ma­le dall’al­tra. O ma­ga­ri se esi­stes­se­ro, ben se­pa­ra­ti, la ge­nia­li­tà e l’idio­zia. Pur­trop­po non è co­sì. Spes­so nel­la vi­ta si è co­stret­ti a fa­re trat­ti di stra­da con gen­te che non ap­prez­zi, ave­re le stes­se idee di qual­cu­no che non sti­mi per nul­la. La sto pren­den­do al­la lar­ga. Do­ve è che vo­glio ar­ri­va­re? Chi è che di­ce­va (Chur­chill?) che la de­mo­cra­zia non è un si­ste­ma per­fet­to ma si­cu­ra­men­te non ce ne so­no di mi­glio­ri? E in fon­do se tu di­fen­di fi­no al­la mor­te il mio di­rit­to di di­re co­se che tu non con­di­vi­di, co­me di­ce­va Vol­tai­re (o for­se non pro­prio Vol­tai­re) fai la stes­sa co­sa e cioè ti ren­di con­to che de­ci­de­re è un me­stie­re im­pro­bo. Per­fi­no den­tro di noi si sca­te­na­no spes­so bat­ta­glie sen­za esclu­sio­ne di col­pi. Di­ce­va Al­tan (ma sem­bra che in real­tà il pri­mo a dir­lo sia sta­to Pi­no Ca­ru­so): “Mi ven­go­no in men­te pen­sie­ri che non con­di­vi­do”. L’ho pre­sa al­la lar­ga. Vo­le­vo di­re che il gior­na­li­smo è un me­stie­re pro­prio con­trad­dit­to­rio. Al­tri­men­ti per­ché tut­te que­ste in­ter­vi­ste, tut­ti que­sti ar­ti­co­li, tut­te que­ste ospi­ta­te di Sal­vi­ni? Dov’è la no­ti­zia? Dov’è l’in­te­res­se? Sal­vi­ni di­ce sem­pre le stes­se co­se, po­co in­te­res­san­ti la pri­ma vol­ta e po­co in­te­res­san­ti l’ul­ti­ma. Bi­so­gne­reb­be la­sciar­lo a ca­sa sua, at­tor­nia­to dall’af­fet­to dei suoi ca­ri. Ep­pu­re... an­che io l’ho in­ter­vi­sta­to, an­che io l’ho cer­ca­to. Il gior­na­li­smo è co­me la de­mo­cra­zia. Non è la mi­glio­re for­ma di co­mu­ni­ca­zio­ne ma è l’uni­ca che ab­bia­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.