“NON SO­NO SE­XY, è CHE MI FO­TO­GRA­FA­NO CO­Sì”

Si sen­te so­prat­tut­to mam­ma. Ma an­che pri­ma, quan­do la de­fi­ni­va­no sen­sua­le, Pe­né­lo­pe Cruz si fa­ce­va quat­tro ri­sa­te. Ades­so fa­rà ri­de­re noi: co­me agen­te spe­cia­le del­la di­vi­sio­ne moda nel se­quel di un cult de­men­zia­le

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Ni­co Zoo­lan­der 2 el, Ma­gnum, Fer­ra­ri: Blue ste-

Ma­glio­ne ab­bon­dan­te, sti­va­li co­mo­di, jeans, Pe­né­lo­pe Cruz è uno stra­no mi­scu­glio. Ha l’aria in­no­cua di una (mol­to) bel­la ra­gaz­za ap­pe­na usci­ta dal­la me­tro per fa­re shop­ping nel­la sua Ma­drid, ma nel­la ge­stio­ne del ri­tar­do di un’ora e mez­zo dell’in­ter­vi­sta sfrut­ta il trai­ning da diva hol­ly­woo­dia­na: tra il gior­na­li­sta e lei ci so­no tre gra­di di se­pa­ra­zio­ne - l’uf­fi­cio stam­pa che ha or­ga­niz­za­to l’in­con­tro, l’uf­fi­cio stam­pa del film, l’as­si­sten­te per­so­na­le, ed è lui l’uni­co au­to­riz­za­to a sol­le­ci­ta­re la si­gno­ra. Gli al­tri non osa­no, o non pos­so­no. Il trai­ning è evi­den­te an­che nell’abi­li­tà con cui Pe­né­lo­pe svi­co­la da qua­lun­que do­man­da sul ma­ri­to Ja­vier Bar­dem. Pre­fe­ri­sce par­la­re di (in sa­la il 12 feb­bra­io), se­quel del film sul mo­del­lo più fa­mo­so del mon­do (De­rek Zoo­lan­der, cioè Ben Stil­ler, qui an­che re­gi­sta) e sul­le espres­sio­ni del vi­so che lo han­no tra­sfor­ma­to in mi­to ( la

la la in real­tà è sem­pre la stes­sa, e mol­to idio­ta), pa­ro­dia del mon­do del­la moda usci­ta sen­za trop­po suc­ces­so nel 2001 poi di­ven­ta­ta un cult.

Tra i su­per mo­del­li Ben Stil­ler e Owen Wil­son, lei chi sa­rà?

Un’agen­te spe­cia­le dell’In­ter­pol, di­vi­sio­ne fa­shion. Im­ma­gi­ni...

Una spe­cie di po­li­ziot­ta del­lo sti­le?

In un cer­to sen­so. Pe­rò an­che una ve­ra agen­te. C’è un giallo nel film, io de­vo ri­sol­ver­lo.

Ve­dre­mo an­che lei sfo­de­ra­re una Blue steel?

è uno dei gran­di se­gre­ti del film...

Non tut­te le at­tri­ci avreb­be­ro ac­cet­ta­to un ruo­lo co­sì de­men­zia­le.

So­no una fan del pri­mo Zoo­lan­der e quin­di è sta­ta una bel­la sor­pre­sa ri­ce­ve­re la te­le­fo­na­ta di Ben Stil­ler, men­tre ero al su­per­mar­ket a com­pra­re pannolini. Ci era­va­mo in­con­tra­ti so­lo una vol­ta a ca­sa di ami­ci co­mu­ni ma gli ho det­to su­bi­to di sì.

Il film è am­bien­ta­to in par­te a Ro­ma.

Cit­tà che ado­ro, una se­con­da ca­sa. Ab­bia­mo po­tu­to gi­ra­re in po­sti che di so­li­to so­no chiu­si, co­me i sot­ter­ra­nei del­le ter­me di Ca­ra­cal­la: di una bel­lez­za in­cre­di­bi­le an­che se un po’ clau­stro­fo­bi­che, do­po die­ci mi­nu­ti avrei vo­lu­to usci­re. E an­che la bou­ti­que di Valentino al­le tre di not­te, vuo­ta, che sen­sa­zio­ne stra­na. Ci so­no mol­ti omag­gi al ci­ne­ma ita­lia­no nel film, Ros­sel­li­ni, Pa­so­li­ni, Fel­li­ni - Ben lo ama mol­to. Omag­gi in sti­le Zoo­lan­der: per esem­pio c’è un mo­men­to “Dol­ce vi­ta” do­ve an­dia­mo in mo­to con la si­ga­ret­ta in boc­ca ma Pe­né­lo­pe Cruz, 41 an­ni. È spo­sa­ta con l’at­to­re spa­gno­lo Ja­vier Bar­dem. Ha due fi­gli, Leo­nar­do e Lu­na, di 5 e 2 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.