LE COL­PE STO­RI­CHE DI HIL­LA­RY

Corriere della Sera - Io Donna - - Lettere Dal Nordafrica - Co­ming out New York Ti­mes,

pre­mes­so che chi scri­ve ti­fa­va Clin­ton nel 2008 con­tro Oba­ma, per­ché la ri­te­ne­va più pro­gres­si­sta; pre­mes­so pu­re che chi scri­ve non pen­sa che sia sta­ta lei, co­me so­stie­ne Mau­reen Do­wd sul ad aver uc­ci­so il fem­mi­ni­smo. Pre­mes­so que­sto e al­tro, i guai di Hil­la­ry Clin­ton nel­le pri­ma­rie 2016 pa­io­no un se­gna­le del de­cli­no di un ti­po di fem­mi­ni­smo pre­do­mi­nan­te al­me­no sui me­dia e in tv, quel­lo per fem­mi­ne di ce­to me­dioal­to. Che ha col­pe sto­ri­che: è im­plo­so nel “pen­sie­ro del­la dif­fe­ren­za”, igno­ran­do di­rit­ti e pro­ble­mi del­le don­ne me­no av­van­tag­gia­te, non ha di­fe­so ab­ba­stan­za il di­rit­to al­la con­trac­ce­zio­ne e all’aborto, ha sco­rag­gia­to il

del­le don­ne non ete­ro (in Ita­lia di si­cu­ro), si è oc­cu­pa­to del­le istan­ze da si­gno­re con la colf. Poi, va be­ne, è nor­ma­le che le ra­gaz­ze pre­ca­rie dell’Oc­ci­den­te vo­ti­no un Ber­nie Sanders il cui mes­sag­gio è: «So­no con voi, per­ché ab­bia­te dei la­vo­ri pa­ga­ti de­cen­te­men­te e ma­ga­ri dei con­ge­di di ma­ter­ni­tà» (ne­gli Sta­ti Uni­ti non esi­sto­no) piut­to­sto che una Hil­la­ry che vuo­le es­se­re la pri­ma don­na pre­si­den­te, co­sti quel che co­sti. Poi, va be­ne, è nor­ma­le che - sem­pre chi scri­ve - in­con­tri un’ab­bien­te gio­vin si­gno­ra hil­la­ri­sta che, do­po aver cre­sciu­to i suoi pic­ci­ni ed es­se­re sta­ta mol­to com­pa­ti­ta dal­le ami­che per non aver po­tu­to rea­liz­zar­si, ha pre­so un la­vo­ro part-time e spie­ga: «Pe­rò gli ho det­to che a lu­glio-ago­sto non ci so­no, se non fac­cio due me­si di va­can­za io sti­ro, scu­sa». Pre­go. Ci so­no fem­mi­ne con que­stio­ni più ur­gen­ti, si te­me.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.