Mi­ra­cles from Hea­ven,

Corriere della Sera - Io Donna - - Ri) Cominciare A 40 Anni - Mi­ra­cles from Hea­ven

O de­pri­men­te, di­rei. Ma il film mi ha aiu­ta­to mol­to, of­fren­do­mi una pro­spet­ti­va di­ver­sa. Ab­bia­mo gi­ra­to du­ran­te l’esta­te, ed è sta­to un pe­rio­do dif­fi­ci­le per me; ma pen­sa­vo ai miei bam­bi­ni, e quan­do tor­na­vo a ca­sa e li ve­de­vo sa­ni e al­le­gri tut­to il re­sto mi sem­bra­va po­co im­por­tan­te. È una ma­dre se­re­na? Mi chie­do spes­so che co­sa si­gni­fi­chi per lo­ro ave­re due ge­ni­to­ri fa­mo­si. Non lo so. Noi cer­chia­mo di pre­pa­rar­li, di par­lar­glie­ne, di mo­stra­re lo­ro an­che gli aspet­ti po­si­ti­vi. Ma per ades­so sem­bra­no ve­de­re so­lo quel­li ne­ga­ti­vi. Qua­li, in par­ti­co­la­re? I pa­pa­raz­zi so­no la lo­ro os­ses­sio­ne. Non pos­sia­mo an­da­re a Disneyland o ai giar­di­net­ti per­ché ci se­guo­no e scat­ta­no fo­to tut­to il tem­po. Li in­ner­vo­si­sco­no. Lei è una don­na for­te. Chi de­ve rin­gra­zia­re per que­sta sua so­li­di­tà? È ve­ro, mi sen­to for­te: a 40 an­ni le don­ne fi­nal­men­te ac­cet­ta­no l’idea di es­ser­lo sen­za do­ver­si giu­sti­fi­ca­re. Già da bam­bi­na, co­mun­que, ero mol­to de­ter­mi­na­ta: se non ero bra­va in cer­te at­ti­vi­tà, ri­pro­va­vo fi nché ce la fa­ce­vo. Ho al­le spal­le una fa­mi­glia che è un gran­de so­ste­gno: pos­so con­ta­re su mia ma­dre, sul­le mie so­rel­le e su un grup­po di ami­ci fi­da­ti. Quan­do hai dei fi gli spes­so di­ven­ti una mam­ma- orsa. Vi­go­ro­sa e pro­tet­ti­va: lei ha sa­pu­to na­vi­ga­re in ac­que dif­fi­ci­li nell’ul­ti­mo an­no. Sì, ma so­no an­co­ra trop­po coin­vol­ta. For­se quan­do ci in­con­tre­re­mo per i miei pros­si­mi film po­tre­mo par­lar­ne, ma non ora. Lei è cre­sciu­ta in una fa­mi­glia mol­to uni­ta e an­che re­li­gio­sa. Si an­da­va a mes­sa ogni do­me­ni­ca, du­ran­te le va­can­ze fre­quen­ta­va­mo le scuo­le bi­bli­che e la no­stra vi­ta so­cia­le e spor­ti­va ruo­ta­va intorno al­la chie­sa, co­me suc­ce­de al­la mag­gior par­te del­le fa­mi­glie in We­st Vir­gi­nia. Poi a Los An­ge­les, con i bam­bi­ni da ti­ra­re su, mi so­no un po’ im­pi­gri­ta e non ho più avu­to tem­po da de­di­ca­re al­la re­li­gio­ne. Pe­rò qual­che tem­po fa ne ho par­la­to con i miei fi­gli, e lo­ro si so­no mo­stra­ti en­tu­sia­sti. Ades­so ogni do­me­ni­ca an­dia­mo in chie­sa in­sie­me. La sua era una chie­sa esi­gen­te? Oh no, per nul­la, al con­tra­rio: il no­stro mi­ni­stro era afroa­me­ri­ca­no e gay, e la chie­sa era piut­to­sto pro­gres­si­sta e aper­ta a ogni for­ma re­li­gio­sa. Ri­tie­ne che la gua­ri­gio­ne di An­na­bel, in­spie­ga­bi­le dal pun­to di vi­sta scien­ti­fi­co, sia un mi­ra­co­lo, co­me cre­de la sua fa­mi­glia? Ne ho par­la­to con il me­di­co che ha se­gui­to il ca­so. Mi ha ri­spo­sto: “Che co­sa ne sap­pia­mo noi di quel­lo che è suc­ces­so a An­na­bel quan­do è ca­du­ta e ha par­la­to con Dio? E chi so­no io per po­ter di­re a un bam­bi­no che non è ve­ro che Dio l’ha sal­va­to?”. Guarigioni a par­te, che co­sa con­si­de­ra un mi­ra­co­lo? Un per­fet­to bic­chie­re di vi­no (ri­de)… Da­re al­la lu­ce una crea­tu­ra: con­ce­pi­re un es­se­re uma­no e in me­no di un an­no te­ner­lo tra le tue brac­cia - non è un mi­ra­co­lo? Ul­ti­ma do­man­da: che co­sa fa­rà se Do­nald Trump di­ven­ta pre­si­den­te? Tra po­co co­min­ce­rò la mia cam­pa­gna per la si­gno­ra Clin­ton. Ec­co che co­sa fa­rò.

Jen­ni­fer Gar­ner e Mar­tin Hen­der­son in una sce­na di di Pa­tri­cia Rig­gen.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.