Ho im­pa­ra­to da mia non­na Fran­ce­sca a con­si­de­ra­re il tem­po un al­lea­to: met­te a po­sto le co­se e le cu­ra

Corriere della Sera - Io Donna - - Ragazzi Del 56 - Cy. sur­ro­ga-

pa­ce. Era la don­na più bel­la del mon­do: mia ma­dre al con­fron­to non era nien­te. Mi in­se­gna­va a cu­ci­na­re e mi rac­con­ta­va sto­rie. In­si­ste­va mol­tis­si­mo sul fat­to che il do­lo­re non in­se­gna, non ser­ve a nul­la, che dob­bia­mo sot­ter­ra­re quel­lo che è ac­ca­du­to sen­nò non si va avan­ti. Ri­cor­do che vo­le­vo stu­dia­re il te­de­sco e mam­ma: “In que­sta ca­sa il te­de­sco non si do­vrà sen­ti­re mai” (ave­va le sue ra­gio­ni, vi­sto che era cre­sciu­ta a Mi­la­no sot­to i bom­bar­da­men­ti...). Non­na la ri­pren­de­va: “La­scia che im­pa­ri quel che vuo­le. Col­ti­va­re la rab­bia dan­neg­gia”. E ri­pe­te­va: “Bi­so­gna al­lear­si al tem­po, che met­te a po­sto le co­se, cu­ra”. Non ha nes­sun rim­pian­to? No. Quan­do avrò 90-95 an­ni (la mia in­ten­zio­ne è di ar­ri­va­re a quell’età) po­trò dir­mi: ho fat­to tut­to quel che ho sen­ti­to di fa­re. Co­me fe­steg­ge­rà, in­tan­to, i 60? Sa­rò in Ci­le per un con­cer­to. Quan­do non la­vo­ra, gior­na­ta ti­po? In­daf­fa­ra­tis­si­ma, con i miei fi­gli. Die­go e Ta­deo (per lo­ro sì che or­ga­niz­ze­rò un par­ty!) stan­no per com­pie­re cin­que an­ni. Ivo e Tel­mo, in­ve­ce, ne avran­no cin­que a ot­to­bre. Mia ma­dre abi­ta as­sie­me a me, in que­sto po­sto me­ra­vi­glio­so e tran­quil­lo a Pa­na­ma. È tor­na­to là do­ve tut­to par­tì. Non ca­pi­vo per­ché so­no na­to qui: mia ma­dre ac­com­pa­gna­va mio pa­dre in tour “tau­ri­no” nell’Ame­ri­ca cen­tro-me­ri­dio­na­le, po­te­va ac­ca­de­re ovun­que... Ades­so pren­de un sen­so. Stan­do a Ma­drid sof­fri­vo quan­do do­ve­vo la­scia­re i pic­co­li per le tour­née, in­ve­ce Pa­na­ma è equi­di­stan­te dal­le ca­pi­ta­li d’Ame­ri­ca (do­ve ho il gros­so del la­vo­ro): pos­so rien­tra­re spes­so. Quan­do ha av­ver­ti­to un’esi­gen­za co­sì for­te di pa­ter­ni­tà? Do­po i 40 an­ni, ca­pi­ta­va il lu­ne­dì e il gio­ve­dì. A po­co a po­co è au­men­ta­ta: si è pre­sen­ta­ta ogni gior­no del­la set­ti­ma­na e mi so­no mes­so a pen­sa­re al mo­do. Vo­le­vo una si­tua­zio­ne chiara, in cui nes­su­no po­tes­se por­tar­me­li via: so­no fi­glio di di­vor­zia­ti, ho vi­sto tan­te cop­pie sfa­sciar­si e usa­re i bam­bi­ni co­me ar­ma. Co­sì ho de­ci­so di an­da­re ne­gli Sta­ti Uni­ti e di aver­li via

Co­me si di­ce in ita­lia­no? Si chia­ma “ma­ter­ni­tà sur­ro­ga­ta” ed è al cen­tro del­le cri­ti­che per la mer­ci­fi­ca­zio­ne del cor­po del­la don­na. E cer­to, voi ave­te il Va­ti­ca­no... Se mi­glia­ia di per­so­ne che - per ra­gio­ni di­ver­se - non riu­sci­va­no ad ave­re una fa­mi­glia, gra­zie a que­ste pra­ti­che ci rie­sco­no, non è un pro­gres­so? E i bam­bi­ni sa­ran­no mol­to ama­ti per­ché mol­to de­si­de­ra­ti, mol­to cer­ca­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.