Il mio gros­so gras­so ma­tri­mo­nio gre­co 2

Corriere della Sera - Io Donna - - Matrimoni Riusciti - Ma­chi­sta my ba­by!

la sce­neg­gia­tu­ra, con le­vi­tà e dol­cez­za af­fron­ta an­co­ra il te­ma del rap­por­to tra ge­ni­to­ri e fi­gli, quel­lo del­la con­ser­va­zio­ne e pre­ser­va­zio­ne dell’amo­re nel­la mez­za e tar­da età e per­si­no i rap­por­ti omo­ses­sua­li in una so­cie­tà co­me quel­la de­gli im­mi­gra­ti gre­ci. In­som­ma non tra­la­scia nul­la, con iro­nia e one­stà in­tel­let­tua­le. Co­me nel­la pri­ma am­mis­sio­ne, mol­to per­so­na­le, che fa. «Do­po lo straor­di­na­rio suc­ces­so del film i pro­dut­to­ri mi chie­se­ro di scri­ve­re il se­gui­to, ma io ri­fiu­tai per­ché non avrei po­tu­to rac­con­ta­re emo­zio­ni e sen­sa­zio­ni che non ave­vo pro­va­to: sa­reb­be sta­to fal­so, avrei de­lu­so gli spet­ta­to­ri. Tou­la e Ian di­ven­ta­no ge­ni­to­ri al ter­mi­ne del­la sto­ria, un fi­na­le che scel­si au­gu­ran­do­mi che fos­se di buon au­spi­cio per me che sta­vo ten­tan­do di di­ven­ta­re ma­dre». Si è sot­to­po­sta an­che al­la fe­con­da­zio­ne in vi­tro. Poi lei e suo ma­ri­to, l’at­to­re Ian Go­mez (che ha una par­te nel film), ave­te scel­to l’ado­zio­ne. Nel 2008 ab­bia­mo adot­ta­to Ila­ria. Ave­va tre an­ni. Una scel­ta bel­lis­si­ma, di cui mi fac­cio spon­sor an­che nel film. Amo la ma­ter­ni­tà, ho sem­pre avu­to una pre­di­spo­si­zio­ne na­tu­ra­le ver­so que­sta for­ma di amo­re co­sì pro­fon­do e in­ten­so. So­no di­ven­ta­ta ma­dre in ma­nie­ra re­pen­ti­na e ina­spet­ta­ta ma di lì a po­co ho com­pre­so tut­te le pau­re, le gio­ie e an­che il pa­ni­co di una mam­ma. Il gior­no in cui ho por­ta­to Ila­ria per la pri­ma vol­ta all’asilo ni­do non vo­le­vo stac­car­mi da lei: mi so­no re­sa con­to di es­se­re co­me i miei ge­ni­to­ri. Ed è co­sì che mi è ve­nu­ta l’idea del se­quel. In cui sua fi­glia Pa­ris, in­ter­pre­ta­ta da Ele­na Kam­pou­ris, co­me una Tou­la ado­le­scen­te, ten­ta di af­fran­car­si dal suo asfis­sian­te pa­ren­ta­do an­dan­do al col­le­ge. Mi ri­cor­do che nel­la co­mu­ni­tà gre­ca di Win­ni­peg fui la pri­ma a par­ti­re per l’uni­ver­si­tà. Mio pa­dre mi di­ce­va che do­ve­vo tor­na­re su­bi­to a ca­sa e quan­do sep­pe da mia ma­dre che mi ero com­pe­ra­ta un di­va­no let­to pian­se per l’in­te­ro wee­kend. Sto già pen­san­do a co­me fa­rò quan­do Ila­ria an­drà al col­le­ge, per non im­paz­zi­re do­vrò se­guir­la, pren­de­re una se­con­da lau­rea e di­vi­de­re la stan­za con lei. Tra lei e John Cor­bett c’è una chi­mi­ca che, al­me­no sul pic­co­lo scher­mo, ri­cor­da quel­la tra Leo DiCa­prio e Ka­te Win­slet. Quan­do gli ho te­le­fo­na­to per do­man­dar­gli se vo­le­va tor­na­re a es­se­re Ian, la pri­ma co­sa che gli ho chie­sto è sta­ta se vo­le­va ba­ciar­mi an­co­ra. E lui ha ri­spo­sto sì, Ci vo­glia­mo be­ne dav­ve­ro, è ra­ro in un mon­do ci­ni­co co­me quel­lo del ci­ne­ma. Per me un film è co­me una fa­vo­la che si rac­con­ta ai bam­bi­ni pri­ma di spe­gne­re la lu­ce del­la ca­me­ret­ta, de­ve es­se­re un viag­gio nel­la bel­lez­za e nel­la fan­ta­sia e John non po­te­va che es­se­re il prin­ci­pe idea­le. La vo­stra cor­te di pa­ren­ti in­ve­ce non sa­reb­be trop­po in­gom­bran­te nel­la real­tà di tut­ti i gior­ni? Ma­tri­mo­nio e fa­mi­glia so­no si­no­ni­mi. Non ave­re se­gre­ti per il tuo nu­cleo fa­mi­lia­re al­lar­ga­to può es­se­re sof­fo­can­te, ma io ri­nun­cio vo­len­tie­ri al­la pri­va­cy in cam­bio del con­for­to che si pro­va a es­se­re ab­brac­cia­ti e con­for­ta­ti da una zia quan­do qual­co­sa va stor­to. I miei ge­ni­to­ri, fra­tel­li e cu­gi­ni ve­ri com­pa­io­no an­che in que­sto film. E il mio ve­ro pa­pà pen­sa an­co­ra che i gre­ci ab­bia­no in­ven­ta­to tut­to.

L’in­gom­bran­te fa­mi­glia di

di Kirk Jo­nes e, a de­stra, Nia Var­da­los con John Cor­bett.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.