Uno dei pre­gi del­la sto­ria è sfa­ta­re il mi­to che a un ra­gaz­zo pro­ble­ma­ti­co cor­ri­spon­da un ge­ni­to­re di­sat­ten­to. Non è co­sì. So­lo che spes­so da so­le le fa­mi­glie non ce la fan­no

Corriere della Sera - Io Donna - - Oltre Il Film - Ba­cio, Un ba­cio, Un

pri­mo è Lo­ren­zo, “lo stu­pi­do”, in­tro­ver­so, fe­ri­to da un ter­ri­bi­le lut­to fa­mi­lia­re. Poi c’è Blu, se­gna­ta a di­to co­me “la tro­ia” da quan­do ha avu­to rap­por­ti ses­sua­li con 4 ra­gaz­zi in una stes­sa not­te. Fa­ma che lei non vuo­le nean­che smen­ti­re (fi­no a un cer­to pun­to del­la sto­ria), an­zi la inor­go­gli­sce. In­fi­ne Lo­ren­zo, “il fro­cio”, l’uni­co sor­ri­den­te e ot­ti­mi­sta, che nei mo­men­ti di dif­fi­col­tà (ve­di lo smal­to al­le un­ghie) si ri­fu­gia in una real­tà pa­ral­le­la. I tre, uni­ti dal sen­tir­si di­ver­si, cre­do­no che la lo­ro ami­ci­zia pos­sa di­fen­der­li dal mon­do.

« il film è un in­vi­to a non ave­re paura, a non di­pen­de­re da quel­lo che gli al­tri pen­sa­no di noi, a non far­ci di­re co­sa è giu­sto e co­sa è sba­glia­to per paura di re­sta­re so­li, ed es­se­re in­fe­li­ci» rac­con­ta Co­tro­neo. «Og­gi il giu­di­zio scat­ta im­me­dia­to e si dif­fon­de con la ve­lo­ci­tà dei so­cial net­work, in­ca­sel­lan­do le per­so­ne in una ca­te­go­ria. E in­ve­ce, co­me di­ce a un cer­to pun­to Lo­ren­zo, un ra­gaz­zo ha bi­so­gno di tem­po per fa­re le sue scel­te. Ba­sti pen­sa­re a Blu, che non si ri­bel­la al­la fa­ma di ra­gaz­za fa­ci­le, fi­no a quan­do sco­pri­rà che la real­tà è di­ver­sa da quel­la che cre­de e sa­rà uno choc ter­ri­bi­le».

Il te­ma dell’iden­ti­tà è un fon­da­men­to dell’ado­le­scen­za, da sem­pre. «In­na­mo­ra­men­to e ami­ci­zia si in­trec­cia­no, at­tra­zio­ne e bi­so­gno d’af­fet­to si con­fon­do­no. Il bi­so­gno di es­se­re ap­prez­za­ti è prio­ri­ta­rio, per­ché l’iden­ti­tà si co­strui­sce sul­lo sguar­do de­gli al­tri» spie­ga lo psi­co­te­ra­peu­ta Ro­ber­to To­del­la. «Se a 15-16 an­ni vie­ni emar­gi­na­to, non esisti. E il bul­li­smo è tan­to più de­va­stan­te quan­to il di­leg­gia­men­to è glo­ba­le. L’iden­ti­tà si co­strui­sce pas­so do­po pas­so, que­sto si­gni­fi­ca cre­sce­re». Pur­trop­po, spes­so il tem­po non c’è: «Sia­mo in una so­cie­tà ses­si­sta e omo­fo­ba. Nel­le scuo­le, gli in­sul­ti “fro­cio” e “tro­ia” so­no un mar­chio im­me­dia­to. Ba­sta una se­ra­ta bra­va, o un look vi­sto­so per es­se­re giu­di­ca­ti co­me Blu e Lo­ren­zo» ac­cu­sa Co­tro­neo. «Ma­ga­ri, ri­spet­to a una vol­ta, l’ac­cet­ta­zio­ne so­cia­le di un “di­ver­so” è più dif­fu­sa. Pe­rò, quan­do non c’è, il ri­fiu­to rag­giun­ge pun­te di in­te­gra­li­smo e vio­len­za mai vi­ste. Vo­glia­mo par­la­re dei car­tel­li al Fa­mi­ly Day, con cop­pie gay e la scrit­ta “sba­glia­to”? La ses­sua­li­tà non si svi­lup­pa se­con­do un mo­del­lo uni­co, è com­ples­sa e sfac­cet­ta­ta, so­prat­tut­to nell’ado­le­scen­za». In que­sto ma­ra­sma di sen­ti­men­ti, la fa­mi­glia può non far­ce­la. Uno dei pre­gi del film è sfa­ta­re il mi­to che a un ra­gaz­zo pro­ble­ma­ti­co cor­ri­spon­da un ge­ni­to­re di­sat­ten­to. «Non è co­sì» so­stie­ne Co­tro­neo. «Le tre cop­pie di adul­ti han­no tan­to amo­re da da­re, ma so­no fra­gi­li. La mam­ma di Blu com­met­te mol­ti er­ro­ri. Ma quan­do la fi­glia avrà bi­so­gno d’aiu­to, ci sa­rà. I ra­gaz­zi que­ste co­se le san­no. Quan­do ho chie­sto ai gio­va­ni con chi avreb­be­ro vo­lu­to ve­de­re han­no mes­so al pri­mo po­sto gli ami­ci, ma già al se­con­do i ge­ni­to­ri».

«pur­trop­po spes­so da so­le le fa­mi­glie non rie­sco­no a pro­teg­ge­re i fi­gli. L’amo­re non ba­sta » di­ce Ma­ra Ro­man­di­ni, av­vo­ca­to di Ta­ran­to e or­ga­niz­za­tri­ce dell’Ado­le­sce­nDay, il 18 mag­gio. «Un ruo­lo fon­da­men­ta­le spet­ta al­la scuo­la: lì si do­vreb­be­ro af­fron­ta­re i te­mi fon­da­men­ta­li per la cre­sci­ta, co­sa che non ac­ca­de. Mol­ti in­se­gnan­ti si li­mi­ta­no a istrui­re, quan­do do­vreb­be­ro for­ma­re. Lo ve­dia­mo nei no­stri in­con­tri, i ra­gaz­zi han­no bi­so­gno di con­fron­tar­si con gli adul­ti».

Quan­do le scuo­le si at­ti­va­no, i ri­sul­ta­ti si ve­do­no. Gli stu­den­ti del li­ceo Car­duc­ci di Pi­sa stan­no se­guen­do un pro­get­to con­tro le bar­rie­re cul­tu­ra­li. Do­po l’an­te­pri­ma di

han­no vo­lu­to leg­ge­re il rac­con­to di Co­tro­neo da cui è trat­to il film, per par­lar­ne poi in­sie­me. «È na­to un de­si­de­rio di let­tu­ra ina­spet­ta­to» di­ce l’in­se­gnan­te Cin­zia Sala. «Ma so­no ri­ma­sti mol­ti dub­bi e han­no de­ci­so di tor­na­re al ci­ne­ma con gli ami­ci. Poi pre­pa­re­ran­no una se­rie di do­man­de per il re­gi­sta e gli at­to­ri, che noi do­cen­ti in­vie­re­mo via mail. i ra­gaz­zi han­no vis­su­to il film in chia­ve po­si­ti­va, co­me un in­vi­to al­la con­sa­pe­vo­lez­za. E que­sto cre­do sia il mes­sag­gio più im­por­tan­te».

Ivan Co­tro­neo, au­to­re e re­gi­sta di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.