DAL­LA PAR­TE DEL­LE RA­NE

Corriere della Sera - Io Donna - - Il Pane Le Rose - E no no Giar­di­ni e no, Il­lu­stra­zio­ne di An­drea Pi­stac­chi Ani­ma­li e Ani­ma­li

Non so per­ché, fin da quan­do ero bam­bi­no, al­le vo­ci de­gli uma­ni ho pre­fe­ri­to quel­la del­le ra­ne». Que­sta af­fer­ma­zio­ne la­pi­da­ria che tro­va­te nel li­bro di Um­ber­to Pa­sti, ( Bom­pia­ni), po­treb­be sem­bra­re sur­rea­le. Ma non lo è poi co­sì tan­to, in tem­pi in cui a grac­chia­re fa­sti­dio­sa­men­te so­no gli uo­mi­ni, men­tre è sem­pre più ra­ro ascol­ta­re un bel con­cer­to di ra­ne. Amia­mo Pa­sti per la pas­sio­ne (non so­lo giar­di­nie­ra), di cui ab­bia­mo go­du­to nei suoi pre­ce­den­ti li­bri, co­me te­sto fon­da­men­ta­le per tut­ti gli aman­ti del ge­ne­re o, me­glio, per tut­ti gli aman­ti di poe­sia, let­te­ra­tu­ra e buon vi­ve­re. Per­ché lo scrit­to­re rie­sce sem­pre a stu­pir­ci con la sua gra­zia e il suo sti­le uni­co, sve­lan­do­ci mon­di sco­no­sciu­ti do­ve tor­na­no pro­ta­go­ni­sti pian­te, fio­ri e ani­ma­li in un pae­sag­gio di cui spes­so ab­bia­mo di­men­ti­ca­to l’esi­sten­za. A il­lu­strar­lo, con il suo trat­to de­li­ca­to e fa­vo­li­sti­co, an­co­ra una vol­ta è Pier­re Le-Tan. Co­sì io, ter­ro­riz­za­ta dai ser­pen­ti che giu­di­co per­fi­de in­si­die na­sco­ste nell’er­ba, mi ri­tro­vo in­na­mo­ra­ta di Ca­ro­li­na, un’in­no­cua Co­ro­nel­la au­stria­ca, ser­pen­tel­lo di com­pa­gnia de­scrit­ta co­me un’ami­ca del cuo­re più af­fet­tuo­sa di un cuc­cio­lo ca­sa­lin­go. Ma tan­ti so­no i per­so­nag­gi che po­po­la­no il mon­do del­lo scrit­to­re: tri­to­ni, ra­ne e ca­ni ran­da­gi, ma­gi­ca­men­te a tra­sfor­ma­ti in ve­ri eroi da ro­man­zo.

Um­ber­to Pa­sti è or­mai un cit­ta­di­no del mon­do, un viag­gia­to­re pe­ren­ne che si di­vi­de tra Mi­la­no e il Ma­roc­co do­ve i suoi giar­di­ni pren­do­no vi­ta con nuo­ve sco­per­te, co­me il Nar­ci­so dell’in­gle­se, dal profumo e dal­la bel­lez­za am­ma­lian­te, con una sto­ria av­ven­tu­ro­sa e pie­na di mi­ste­ri che, da buon cac­cia­to­re di pian­te, lo scrit­to­re rac­con­ta, in­se­guen­do nel de­ser­to le sue mi­ste­rio­se fio­ri­tu­re.

è un pic­co­lo li­bro pre­zio­so che ci aiu­ta a rie­du­ca­re lo sguar­do di­ven­ta­to cie­co al pae­sag­gio. So­lo do­po che ab­bia­mo ri­gua­da­gna­to la ca­pa­ci­tà di os­ser­va­re con oc­chi amo­ro­si la na­tu­ra, Pa­sti ce ne mo­stra lo scem­pio. L’ul­ti­mo ca­pi­to­lo del li­bro de­scri­ve una lot­ta cor­po a cor­po, so­ste­nu­ta con tut­ti gli abi­tan­ti di un pic­co­lo vil­lag­gio ma­roc­chi­no, per sal­va­re pian­te e ani­ma­li di un fiu­me in sec­ca: un di­sa­stro am­bien­ta­le pro­cu­ra­to da un pro­get­to in­co­scien­te, ma ap­pro­va­to dal­le au­to­ri­tà, a ope­ra di un pro­prie­ta­rio ter­rie­ro che ha pro­sciu­ga­to il ter­ri­to­rio per an­naf­fia­re i suoi cam­pi da po­lo. To­glie­re l’ac­qua ai po­ve­rac­ci in no­me di un fan­to­ma­ti­co svi­lup­po so­ste­ni­bi­le, che ser­ve so­lo per ar­ric­chi­re i ric­chi, è uno sport in­ter­na­zio­na­le in cui or­mai sia­mo cam­pio­ni. Ma Pa­sti ci in­se­gna a ri­bel­lar­ci e, se ser­ve, a but­tar­ci an­che nel fan­go per sal­va­re sa­la­man­dre, ra­ne, iris ac­qua­ti­ci. E tri­to­ni che, quan­do fan­no l’amo­re, so­no timidi e im­pac­cia­ti co­me ado­le­scen­ti. fio­re con­si­glia­to: Nar­ci­so Whi­te Mar­vel, fio­re dop­pio tut­to bian­co, pro­fu­ma­to. Mol­to par­ti­co­la­re e at­traen­te. Vi­va­io Flo­ria­na Bul­bo­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.