UN PAE­SE DI MA­LE­DU­CA­TI

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 2 - Blog.io­don­na.it/fa­bri­zio- ron­co­ne

Tre­no Frec­cia Ros­sa 1000, Ro­ma-Mi­la­no, va­go­ne nu­me­ro 2, bu­si­ness: ec­co uno spac­ca­to di Ita­lia ar­ro­gan­te, ma­le­du­ca­ta, stu­pi­da. Ci viag­gi se­du­to ac­can­to per 2 ore e 55 mi­nu­ti e ca­pi­sci un muc­chio di co­se su que­sto po­ve­ro, di­sgra­zia­to, bel­lis­si­mo Pae­se. Fran­cy, amo­re, co­me stai? Hai sa­pu­to di Gior­gi­no? Ma dim­mi tu… Non è paz­ze­sco? E al­lo­ra sa­prai pu­re che… (ap­pe­na par­ti­ti dal­la sta­zio­ne Ter­mi­ni: si­gno­ra sui 40, ben ve­sti­ta, aria va­ga­men­te ra­di­cal- chic, al te­le­fo­ni­no con vo­ce al­ta, qua­si ur­lan­do per tut­ta la mezz’ora che se­gui­rà). Si­gno­ra, le di­spia­ce ab­bas­sa­re il to­no del­la vo­ce, per cor­te­sia? Fran­cy, amo­re, scu­sa… C’è qui un si­gno­re che non ho ca­pi­to co­sa vuo­le… Di­ce a me? Sì, si­gno­ra, di­co a lei: vor­rei leg­ge­re il gior­na­le, dor­mi­re, pen­sa­re al­la Ro­ma. Ma se lei ur­la co­sì, non ci rie­sco. Fran­cy, no, aspet­ta un at­ti­mo, che que­sto ce l’ha pro­prio con me… E quin­di, mi fac­cia ca­pi­re, io avrei il to­no del­la vo­ce al­to? E le da­rei fa­sti­dio? E se le di­ces­si che a me da fa­sti­dio il suo iPad? Si­gno­ra, ma il mio iPad è si­len­zio­so… (a que­sto pun­to, dai se­di­li vi­ci­ni, si al­za­no vo­ci di pro­te­sta. “Ha ra­gio­ne il si­gno­re!”. “Lo spen­ga quel cel­lu­la­re!”). Bel­lo, bra­vo: ha aiz­za­to tut­to il va­go­ne con­tro di me, con­tro una don­na… Lei è pro­prio un fa­sci­sta! E voi, an­che voi sie­te de­gli squa­dri­sti! Una non può più nem­me­no par­la­re al cel­lu­la­re… Va be­ne, si­gno­ra: fac­cia co­me vuo­le. E cer­to! Mi­ca mi fac­cio det­ta­re le re­go­le da un fa­sci­sta! Fran­cy, te­so­ro, scu­sa­mi… Di­ce­va­mo?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.