Il tuo po­sto è qui

Corriere della Sera - Io Donna - - Romanzi Coinvolgenti -

lun­go un ar­co di vent’an­ni che per i pro­ta­go­ni­sti rap­pre­sen­ta­no il pe­rio­do tra la fi­ne dell’uni­ver­si­tà e la mez­za età o tra l’in­fan­zia e la ma­tu­ri­tà. «Nes­su­no di lo­ro sta be­ne nel­la pro­pria pel­le» rac­con­ta O’Far­rell da­van­ti a una taz­za di tè a Edim­bur­go, cit­tà do­ve lei, ir­lan­de­se di na­sci­ta, vi­ve con il ma­ri­to ( Wil­liam Sut­clif­fe, scrit­to­re an­che lui), tre fi­gli pic­co­li (abi­li cri­ti­ci let­te­ra­ri), due gat­ti e una tar­ta­ru­ga. A pro­po­si­to di pel­le: l’ec­ze­ma del pic­co­lo Niall pro­vo­ca un cer­to do­lo­re fi­si­co nel let­to­re. Na­sce da un’espe­rien­za per­so­na­le? Pur­trop­po sì. Mia fi­glia ne sof­fre da quan­do è na­ta. Ab­bia­mo pro­va­to di tut­to sen­za riu­sci­re ad aiu­tar­la com­ple­ta­men­te. Ades­so sta un po’ me­glio: mi pia­ce pen­sa­re che sia per via del­la po­ma­ta che le pre­pa­ro io. Quel­le tra­di­zio­na­li non fun­zio­na­va­no. Mi ha an­che aiu­ta­to con il ro­man­zo. Le ho da­to un pa­io di sce­ne da leg­ge­re e mi ha cor­ret­to: non sa­pe­vo che la pel­le sem­bra scot­ta­re quan­do hai l’ec­ze­ma. Scri­ve­re mi ha per­mes­so di esor­ciz­za­re un po’ l’im­po­ten­za che si pro­va quan­do un fi­glio sof­fre. Al­lo stes­so tem­po l’ec­ze­ma di Niall è una me­ta­fo­ra, è l’espres­sio­ne fi­si­ca del fa­sti­dio, dell’in­sof­fe­ren­za, dell’in­sod­di­sfa­zio­ne che pro­va­no i per­so­nag­gi. Al­la fi­ne è Niall l’eroe. La pro­ta­go­ni­sta fem­mi­ni­le è un’at­tri­ce che all’im­prov­vi­so sva­ni­sce nel nul­la e si co­strui­sce una vi­ta com­ple­ta­men­te ano­ni­ma. Com’è na­ta l’idea del per­so­nag­gio? Clau­det­te è un per­so­nag­gio che mi por­ta­vo den­tro da un po’. È na­ta da un bre­vis­si­mo in­con­tro in un bar di Lon­dra. Ero en­tra­ta a pren­de­re un caf­fè. Ave­vo mio fi­glio nel mar­su­pio. Mi so­no se­du­ta a un ta­vo­lo sen­za fa­re trop­po ca­so agli al­tri oc­cu­pan­ti, quan­do ho co­min­cia­to a cap­ta­re una stra­na at­mo­sfe­ra. Mi so­no vol­ta­ta e ho vi­sto che ac­can­to a me c’era un’at­tri­ce fa­mo­sis­si­ma, una don­na che in È sem­pre il mio pri­mo let­to­re. È un cri­ti­co one­sto e se­ve­ro, ma an­che mol­to bra­vo. Il se­gre­to è non pren­de­re le sue os­ser­va­zio­ni in mo­do per­so­na­le. Non sem­pre è fa­ci­le. Quan­do ho scrit­to il pri­mo ro­man­zo - abi­ta­va­mo a Luc­ca - mi ha det­to: «È bel­lo, ma de­vi ri­scri­ve­re la se­con­da par­te». So­no usci­ta a fa­re una pas­seg­gia­ta per sbol­li­re la rab­bia. Ho fat­to il gi­ro del­le vec­chie mu­ra del­la cit­tà. Ave­va ra­gio­ne. Lei lo trat­ta con la stes­sa se­ve­ri­tà? Cer­to. È cre­sciu­ta in un pe­rio­do in cui ver­so gli ir­lan­de­si c’era dif­fi­den­za. Og­gi il di­bat­ti­to è sull’Eu­ro­pa e la dif­fi­den­za è spo­sta­ta ver­so al­tri “stra­nie­ri”. È un de­jà vu?

di Mag­gie O’Far­rell (Guan­da) è la sto­ria di Da­niel, lin­gui­sta, e Clau­det­te, ex di­va del ci­ne­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.