STO­RIA DI CE­SA­RE E DANIELA

Corriere della Sera - Io Donna - - Il Pane Le Rose - Pri­le Il­lu­stra­zio­ne di An­drea Pi­stac­chi po­st par­tum,

L’abi­to da spo­sa con cui la ve­dia­mo sul­la co­per­ti­na del li­bro Pe­sce d’a(Sper­ling & Ku­p­fer), Daniela non l’ha mai in­dos­sa­to dav­ve­ro. Per­ché, per scel­ta, lei e Ce­sa­re non so­no spo­sa­ti, ma so­no una fa­mi­glia che nes­sun cer­ti­fi­ca­to avreb­be po­tu­to ren­de­re più uni­ta e so­li­da­le. Ce­sa­re Boc­ci è un at­to­re fa­mo­so, tut­ti lo co­no­sco­no e lo ama­no co­me il bel Mi­mì Au­gel­lo, vi­ce­com­mis­sa­rio di Mon­tal­ba­no. In que­sto li­bro, iro­ni­co e com­mo­ven­te, c’è il rac­con­to di un al­tro suc­ces­so per­so­na­le che è sta­to mol­to più du­ro da con­qui­sta­re e che so­lo og­gi, do­po un per­cor­so do­lo­ro­so, Ce­sa­re e la sua com­pa­gna Daniela Spa­da han­no sen­ti­to il bi­so­gno di rac­con­ta­re. Per se stes­si e, so­prat­tut­to, per da­re for­za a tut­te le per­so­ne, e so­no tan­te, che si tro­va­no a com­bat­te­re con­tro un brut­to col­po del de­sti­no ar­ri­va­to all’im­prov­vi­so a spez­za­re i pic­co­li ri­ti di un quo­ti­dia­no a vol­te non ab­ba­stan­za ap­prez­za­to.

Se­di­ci an­ni fa, il pri­mo apri­le, a una set­ti­ma­na dal par­to, men­tre al­lat­ta la sua bim­ba Mia, a Daniela suc­ce­de qual­co­sa di ter­ri­bi­le e im­pen­sa­to: vie­ne col­ta da un ic­tus im­prov­vi­so. So­lo più tar­di si ca­pi­rà che a col­pir­la è un’em­bo­lia so­lo do­po una tra­fi­la an­go­scian­te e pie­na di umi­lia­zio­ni du­ran­te la qua­le i me­di­ci pen­sa­no che si trat­ti di “una cri­si di ner­vi”, d’al­tron­de una puer­pe­ra è sog­get­ta a que­sti sbal­zi d’umo­re! Daniela ri­ma­ne in co­ma per un me­se. Quan­do si ri­sve­glia non ri­cor­da più nul­la, nean­che di aver par­to­ri­to. È da qui che co­min­cia quel­la che Daniela e Ce­sa­re chia­ma­no una nuo­va vi­ta, fat­ta di ria­bi­li­ta­zio­ne, fa­ti­ca e co­rag­gio, rac­con­ta­ti sen­za re­to­ri­ca, an­zi spin­gen­do il ta­sto del­la leg­ge­rez­za. Do­po 16 an­ni, Daniela am­met­te che «ha ac­cet­ta­to in par­te la sua ma­lat­tia». Pas­so do­po pas­so, ha riac­qui­sta­to un’au­to­no­mia, cer­to ha do­vu­to ri­nun­cia­re a tan­te pas­sio­ni, dal­la mo­to­ci­clet­ta al bal­lo, ma ne ha con­qui­sta­te al­tre, co­me la cu­ci­na, an­che se am­met­te che le de­co­ra­zio­ni dei dol­ci le ven­go­no un po’ “mos­se”. Al­la do­man­da che si pon­go­no nel li­bro sul per­ché ab­bia­no de­ci­so di con­di­vi­de­re la lo­ro vi­cen­da, Ce­sa­re e Daniela ri­spon­do­no: «Per­ché, nel­la ma­lau­gu­ra­ta ipo­te­si che suc­ce­da o sia suc­ces­so a voi, non sa­rà la fi­ne del mon­do. Non sa­rà la fi­ne del­la vo­stra vi­ta. Sa­rà la fi­ne di una vi­ta più fa­ci­le e spen­sie­ra­ta… per­ché la vo­stra, con tut­ti i li­mi­ti e le dif­fi­col­tà, sa­rà sem­pre la vo­stra vi­ta». La let­tu­ra di que­sto li­bro è più av­vin­cen­te di tan­te bat­ta­glie sur­rea­li con “tro­ni di spa­de” o me­no. Ci vuo­le un co­rag­gio da leo­ni per af­fron­ta­re una sfi­da di que­sta por­ta­ta. E una mon­ta­gna d’amo­re, in­gre­dien­te fon­da­men­ta­le co­me ci as­si­cu­ra­no gli au­to­ri: «Cer­to se tut­to que­sto non fos­se suc­ces­so, sa­reb­be sta­to me­glio, mol­to ma mol­to me­glio. Ma è ca­pi­ta­to e noi l’ab­bia­mo af­fron­ta­to in­sie­me. Ec­co que­sta è la sto­ria di noi che non ci siamo ar­re­si». fio­re con­si­glia­to: Ro­sa All My Lo­ving, ibri­do di thea,

ri­fio­ren­te con gran­di fio­ri co­lor ro­sa ci­lie­gia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.