“È PRO­PRIO NE­CES­SA­RIO SA­PE­RE DI CHI MI INNAMORO? Tre al­bum pub­bli­ca­ti pri­ma dei trent’an­ni, tan­ti pic­co­li ruo­li al ci­ne­ma e in tv e ora protagonista di due film ar­ri­va­ti a Can­nes. So­ko è una ra­gaz­za rea­liz­za­ta: ve­ga­na, sa­lu­ti­sta, pa­ci­fi­ca. A pat­to di non

Corriere della Sera - Io Donna - - Attrice Per Caso - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Tho­mas Lai­sne The Dan­cer, Au­gu­sti­ne Voir du pays

L’ad­det­to stam­pa si av­vi­ci­na con di­scre­zio­ne: «Mi scu­si, po­treb­be evi­ta­re do­man­de per­so­na­li con So­ko?». Con So­ko? Ma se ha già rac­con­ta­to del­la sua bi­ses­sua­li­tà, del­la mor­te del pa­dre, di quan­do se ne è an­da­ta di casa a 16 an­ni. «Sta­mat­ti­na ha in­sul­ta­to una gior­na­li­sta che le ha chie­sto di Kri­sten Stewart e ha in­ter­rot­to l’in­ter­vi­sta ». Ah be’, al­lo­ra… Già la gior­na­ta è pe­san­te, ci man­ca­no so­lo gli in­sul­ti di So­ko. In cam­bio del­la pa­ce ri­ma­nia­mo nel dub­bio: si so­no la­scia­te o no, sa­ran­no mai sta­te in­sie­me dav­ve­ro o la sto­ria con Kri­sten Stewart, l’attrice, è sta­ta un’in­ven­zio­ne del mar­ke­ting? So­ko non sem­bra una che si la­sci ma­no­vra­re. E co­mun­que, se pri­ma era ar­rab­bia­ta, ades­so ha ri­pre­so il con­trol­lo: la pri­ma co­sa che fa è bat­te­re la ma­no per dar­mi il cin­que… Abi­to ne­ro di piz­zo lun­go e tra­spa­ren­te, scar­pe con zep­pe al­tis­si­me, vi­ve a Los An­ge­les da qual­che an­no ma in Fran­cia è mol­to no­ta co­me can­tau­tri­ce ( ha pub­bli­ca­to tre al­bum punk rock con eti­chet­te in­di­pen­den­ti) e ades­so an­che co­me attrice: do­po pic­co­li ruo­li al ci­ne­ma e in tv e uno più im­por­tan­te in di Ali­ce Wi­no­cour, nel 2012, ora è protagonista di

ope­ra pri­ma di Sté­pha­nie Di Giu­sto, e co-protagonista di di Del­phi­ne e Mu­riel Cou­lin, en­tram­bi al Fe­sti­val di Can­nes ap­pe­na ter­mi­na­to. Due ruo­li mol­to di­ver­si: in uno è Loïe Ful­ler, bal­le­ri­na e co­reo­gra­fa che ri­vo­lu­zio­nò la dan­za del­la Bel­le Epo­que; nell’al­tro una sol­da­tes­sa ap­pe­na tor­na­ta dall’Af­gha­ni­stan. La sto­ria di Loïe mi ha con­qui­sta­to: non era bella né ag­gra­zia­ta ma ave­va una vo­lon­tà di ferro; fu lei a sco­pri­re Isa­do­ra Dun­can ma ne fu an­che so­vra­sta­ta. Il ruo­lo del­la sol­da­tes­sa in­ve­ce è quan­to di più lon­ta­no da me: so­no con­tro la guer­ra e la vio­len­za an­che nei film, non ca­pi­sco per­ché si com­bat­ta per il pe­tro­lio. Lo so che è in­ge­nuo, ma pre­fe­ri­sco una vi­ta da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.