SI­MO­NA TA­GLI E LA GUER­RA AL­LE BI­CI­CLET­TE

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore / 2 - Mro­do­ta@rcs.it

l’ita­lia è un pae­se va­ria­men­te in­gua­ia­to. Si sa. Ora - per for­tu­na - so­no sta­ti in­di­vi­dua­ti i responsabili dei di­sa­stri, dell’ar­re­tra­men­to, del de­cli­no. So­no i ci­cli­sti e i ve­ga­ni. Spe­cie se fem­mi­ne, che fan­no più ri­de­re. Od­dio, fa ri­de­re, pa­re, l’imi­ta­zio­ne in tv di cuo­chi ve­ga­ni ma­schi, pre­su­mi­bil­men­te po­co vi­ri­li. Su­sci­ta in­ve­ce vi­ri­li sim­pa­tie - sull’on­da dell’op­po­si­zio­ne al­la dit­ta­tu­ra del po­li­ti­ca­men­te corretto, che per la ve­ri­tà in Ita­lia non s’è mai vi­sta e quel­li che di­co­no “ne­gro”, “fro­cio”, e an­che, tut­to­ra, “ca­la­bre­se”, ven­go­no tro­va­ti di­ver­ten­tis­si­mi - la can­di­da­tu­ra al Co­mu­ne di Mi­la­no di Si­mo­na Ta­gli. Era la bo­nis­si­ma del Cru­ci­ver­bo­ne, la do­me­ni­ca, quan­do era­va­mo tut­ti più gio­va­ni; è an­co­ra bella e pro­ca­ce e ora cor­re per Fra­tel­li d’Ita­lia. Pro­met­te di to­glie­re le pi­ste ci­cla­bi­li per­ché ral­len­ta­no il traf­fi­co. Di­chia­ra «a New York nel­la Quin­ta Ave­nue non ho mai vi­sto una pi­sta ci­cla­bi­le» (sic) men­tre «Mi­la­no è pie­na di pi­ste ci­cla­bi­li che so­no og­get­to di stru­men­ta­liz­za­zio­ne po­li­ti­ca » ( boh). Con­ti­nua a pia­ce­re a tan­ti uomini, an­che di si­ni­stra, pro­prio per­ché è una don­na che fa di tut­to per es­se­re se­xy e per in­sul­ta­re chi va in bi­ci. Poi, non im­por­ta se i guai ve­ri so­no al­tri, che me­no car­ne e me­no scap­pa­men­ti tol­go­no la­vo­ro sì, ma agli on­co­lo­gi. Meglio es­se­re sprez­zan­ti con chi si pri­va di pro­tei­ne ani­ma­li e di mo­to­ri (meglio guar­da­re il vi­deo di Ta­gli che non rie­sce a scen­de­re da una bi­ci, è una me­ta­fo­ra del­le don­ne che cer­ca­no di com­pia­ce­re trop­po, vo­len­do, an­che).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.