IN FON­DO L’UNI­CO SIN­CE­RO È RAZ­ZI

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore / 3 - Cl­sa­bel­li@tin.it

es­sen­do una per­so­na ab­ba­stan­za coe­ren­te ri­man­go sem­pre un po’ scos­so quan­do sco­pro che la coe­ren­za non è la vir­tù del­la qua­le ama­no ci­bar­si i con­tem­po­ra­nei. Po­chis­si­me so­no le per­so­ne coe­ren­ti tra quel­le che riem­pio­no le pa­gi­ne dei gior­na­li. E la­scia­mo per­de­re, per ca­ri­tà di pa­tria, quel­lo che di­ce­va ad En­ri­co di sta­re se­re­no. Ho fat­to per an­ni in­ter­vi­ste sui vol­ta­gab­ba­na ed or­mai avrei do­vu­to far­ci il cal­lo. Gen­te che fa­ce­va cam­pa­gne elet­to­ra­li con­tro Ber­lu­sco­ni e poi pas­sa­va con Ber­lu­sco­ni. Gen­te che giu­ra­va eter­na fe­del­tà al Ca­va­lie­re e poi lo tra­di­va co­me un Giu­da di pe­ri­fe­ria. Gen­te che ha pre­so il vo­to del­le de­stre che pas­sa a si­ni­stra. Gen­te che è sta­ta vo­ta­ta per op­por­si che en­tra in mag­gio­ran­za. Eb­be­ne no, non ci ho fat­to il cal­lo. Ri­man­go sem­pre un po’ tur­ba­to, so­prat­tut­to per la di­sin­vol­tu­ra con la qua­le que­sti fe­no­me­ni av­ven­go­no. Nes­su­no che mai am­met­tes­se: «Sa­pe­te che vi di­co? Ho cam­bia­to idea. E sa­pe­te per­ché? Per­ché mi con­vie­ne». In real­tà l’uni­co che lo dis­se fu il tan­to vi­tu­pe­ra­to An­to­nio Raz­zi che dis­se: «Ho il mu­tuo da pa­ga­re». Gli al­tri ama­no di­re, sen­za scop­pia­re a ri­de­re, che non so­no lo­ro ad ave­re cam­bia­to po­si­zio­ne ri­spet­to a tut­ti gli al­tri ma so­no sta­ti tut­ti gli al­tri ad ave­re cam­bia­to po­si­zio­ne ri­spet­to a lo­ro. Pe­rò io quan­do leg­go il gior­na­le ci cre­do sem­pre al­le co­se che leg­go. Sa­rà l’in­ge­nui­tà, ma mi rie­sce dif­fi­ci­le pen­sa­re che Vit­to­rio Fel­tri di­ven­te­rà ren­zia­no, e che Al­fio Mar­chi­ni, ram­pol­lo di di­na­stia co­mu­ni­sta, vo­glia di­ven­ta­re sin­da­co di Roma con l’aiu­to dei fa­sci­sti. Co­mun­que tran­quil­li: non ci riu­sci­rà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.