“SO­NO LA PRI­MA JA­NE DEL­LA STO­RIA CHE STRA­PAZ­ZA TAR­ZAN” È fe­li­ce­men­te fi­dan­za­ta, ma tor­ne­reb­be “al­la ma­gia del pas­sa­to”. È se­xy, ma non per se­dur­re. È una star, ma odia Hol­ly­wood. Ri­trat­to di Mar­got Rob­bie, espo­nen­te del­la nuo­va le­va di at­tri­ci-guer­rie­re.

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Kurt Iswarien­ko Sui­te fran­ce­se) Tar­zan, Sui­ci­de Squad, The Wolf of Wall Street The Le­gend of

Vai a sa­pe­re se mar­got rob­bie sia dav­ve­ro un’in­ge­nua te­me­ra­ria, che di­ce sem­pre quel­lo che pen­sa e non ha pro­ble­mi nel mo­strar­si (an­che al gior­na­li­sta) sen­za un fi­lo di truc­co e con un look de­ci­sa­men­te an­ti-glam. O se in­ve­ce la ra­gaz­za, che a 25 an­ni è già una star di Hol­ly­wood, sia una fur­ba di tre cot­te, una che gio­ca d’astu­zia con i me­dia per crea­re un’im­ma­gi­ne al­ter­na­ti­va, fre­sca e “sim­pa­ti­ca”. Al­la Jen­ni­fer La­w­ren­ce pri­ma ma­nie­ra, per in­ten­der­ci. Fat­to sta che per la no­stra nuo­va in­ter­vi­sta (sia­mo già a quo­ta cin­que) si pre­sen­ta con un vi­so tra­spa­ren­te, su­per ca­sual, e ti strin­ge su­bi­to in un ab­brac­cio af­fet­tuo­so da vec­chia ami­ca. Per con­fi­dar­ti poi, tut­to d’un fia­to, co­me sia già stu­fa dei truc­chet­ti hol­ly­woo­dia­ni. Per que­sto, con­ti­nua, ha mes­so su con al­tri tre ami­ci (uno è il suo boy­friend, Tom Ac­ker­ley, l’as­si­sten­te re­gi­sta in­con­tra­to nel 2014 sul set di la ca­sa di pro­du­zio­ne Luc­kyC­hap En­ter­tain­ment. Que­st’esta­te dell’at­tri­ce au­stra­lia­na di si par­le­rà pa­rec­chio, per­ché la ve­dre­mo in due film mol­to at­te­si: di­ret­to da Da­vid Ya­tes (con Ale­xan­der Skar­sgård-Tar­zan), e in ba­sa­to sul co­mic book del­la DC, di­ret­to da Da­vid Ayer. Se og­gi Mar­got vuo­le con­vin­ce­re il gior­na­li­sta che è una gio­va­ne in gam­ba, bel­la sul se­rio e di­ver­ten­te, ha - lo am­met­tia­mo - col­pi­to nel se­gno.

Mar­got Rob­bie, 25 an­ni, au­stra­lia­na, è di­ven­ta­ta fa­mo­sa in pa­tria con la soap ope­ra e si è af­fer­ma­ta a Hol­ly­wood con

Sem­bra non ave­re bi­so­gno di espres­sio­ni ri­cer­ca­te, di arie o del­le im­man­ca­bi­li Lou­bou­tin: ma­glia bei­ge gi­ro­col­lo, pan­ta­lo­ni sul ros­so, ca­pel­li lun­ghi bion­di, oc­chi az­zur­ris­si­mi, due lab­bra che po­treb­be­ro fa­re sog­ge­zio­ne a Mick Jag­ger, par­la a raf­fi­ca e ri­de vo­len­tie­ri. Co­min­cia­mo da Tar­zan. La sua Ja­ne Por­ter è cre­sciu­ta nel­la Lon­dra vit­to­ria­na, tra ri­gi­di cor­set­ti... La in­ter­rom­po: vuo­le sa­pe­re co­me l’ho vi­sta io, que­sta nuo­va Ja­ne? Psi­co­lo­gi­ca­men­te for­te, per­si­no stoi­ca, straor­di­na­ria­men­te abi­le: è una don­na in­di­pen­den­te, cre­sciu­ta in Con­go, quin­di ca­pa­ce di pren­der­si cu­ra di sé. Non è cer­to una don­zel­la che gri­da al soc­cor­so. È pur sem­pre una don­zel­la in cor­set­to. Mac­ché, non lo por­ta! Nel­le sce­ne lon­di­ne­si in­dos­sa ve­sti­ti d’epo­ca, sen­za cor­set­to. A me pa­re no­te­vo­le che non si con­for­mi agli ste­reo­ti­pi del­la don­na vit­to­ria­na. Tan­ti suoi per­so­nag­gi ci­ne­ma­to­gra­fi­ci - la Nao­mi di The Wolf of Wall Street, Ta­nya, l’am­bi­zio­sa cor­ri­spon­den­te di guer­ra di Whi­skey Tan­go Fox­trot, co­sì co­me la sua Ja­ne e Har­ley, la fe­ro­ce psi­co­lo­ga

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.