Vi­via­mo in un mon­do fan­ta­sti­co. Cer­te vol­te pran­zo con mia so­rel­la: io a New York lei in Bra­si­le, con il nostro piat­to da­van­ti al com­pu­ter

Corriere della Sera - Io Donna - - Colpo Di Scena - Junk food ndr).

Ho chia­ma­to il mio ami­co Nar­ci­so Ro­dri­guez, uno dei mi­glior sti­li­sti del mon­do. Mi ha det­to: ci pen­so io. Ab­bia­mo scel­to tes­su­ti, co­lo­ri... Mia ma­dre era una sar­ta, io so­no cre­sciu­ta tra aghi e fi li. Ero l’ad­det­ta agli or­li. Sa co­me si fa l’or­lo a un ve­sti­to di se­ta? De­ve pren­de­re il bor­do, ar­ro­to­lar­lo un po’, estrar­re de­li­ca­ta­men­te qual­che fi lo (in­tan­to mi fa ve­de­re la par­te pra­ti­ca usan­do il suo fou­lard, Ha im­pa­ra­to qual­co­sa og­gi, eh? Più di una. Lei non è spo­sa­ta e non ha fi­gli ma ha so­rel­le, fra­tel­li e ni­po­ti in Bra­si­le. Sie­te una gran­de fa­mi­glia uni­ta co­me quel­la che si ve­de in Aqua­rius? Ne­gli an­ni ’80 ci sia­mo un po’ al­lon­tan­ta­na­ti, in real­tà. Ma io vi­ve­vo a New York, ed era l’epo­ca in cui se vo­le­vi co­mu­ni­ca­re qual­co­sa in mo­do ve­lo­ce man­da­vi un te­le­gram­ma. L’al­tro gior­no sta­vo par­lan­do con mia so­rel­la di que­sti an­ni di se­pa­ra­zio­ne. Mi di­ce­va: “Sei tu a es­ser­ti di­stac­ca­ta”. E io: “Fa­ci­le dir­lo su Sky­pe, quan­te let­te­re mi hai scrit­to tu?”. Og­gi il mon­do è fan­ta­sti­co: cer­te vol­te io e mia so­rel­la pran­zia­mo in­sie­me con il nostro piat­to da­van­ti al pc, io a New York lei a Ni­te­roi, in Bra­si­le, io con i miei crac­ker in­te­gra­li bio­lo­gi­ci, lei con i suoi bi­scot­ti per cui la sgri­do. Sta at­ten­ta al­la die­ta? Cer­co di star be­ne. Che per me si­gni­fi­ca an­che po­ter gi­ra­re sul set in pi­gia­ma e pan­to­fo­le a chie­de­re se c’è bi­so­gno di una ma­no. O in­fa­got­tar­mi e co­prir­mi quan­do fa fred­do: a New York d’in­ver­no mi scam­bia­no per il ti­zio del­le con­se­gne...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.