“CHIA­MA­VO PA­Pà, MA MI PA­RE­VA DI PAR­LA­RE CON BAT­MAN” L’in­fan­zia sul set, Ro­bert De Niro in gi­ro per ca­sa. E og­gi, i fa­mi­lia­ri coin­vol­ti co­me col­la­bo­ra­to­ri: Do­me­ni­ca Ca­me­ron-Scor­se­se ha di­ret­to il suo pri­mo lun­go­me­trag­gio se­guen­do i sug­ge­ri­men­ti del pa­dre M

Corriere della Sera - Io Donna - - Nate Col Cinema - No­cen­za Pa­ris, di Mar­co Con­so­li, fo­to di Lar­ry Bu­sac­ca Ta­xi Dri­ver, L’età dell’inCa­si­nò, Al­mo­st New En­gland ndr)

Ci so­no sta­ti mo­men­ti du­ran­te la la­vo­ra­zio­ne in cui non sa­pe­vo co­me af­fron­ta­re un pro­ble­ma. Al­lo­ra al­za­vo la cor­net­ta e chia­ma­vo mio pa­dre, che mi sug­ge­ri­va che co­sa avreb­be fat­to lui in una si­tua­zio­ne si­mi­le. Era co­me ave­re il te­le­fo­no per chia­ma­re Bat­man, an­che se ho cer­ca­to di non abu­sa­re del mio su­pe­re­roe! ». Ri­de Do­me­ni­ca Ca­me­ron- Scor­se­se spie­gan­do co­me suo pa­dre Mar­tin, il leg­gen­da­rio au­to­re di

e l’ha aiu­ta­ta per il suo de­but­to al­la re­gia in

pre­sen­ta­to all’ul­ti­mo Tri­be­ca Film Fe­sti­val (in usci­ta nel 2017). Fi­glia del­la gior­na­li­sta, scrit­tri­ce e sce­neg­gia­tri­ce Ju­lia Ca­me­ron ( la se­con­da del­le cin­que mo­gli di suo pa­dre), Do­me­ni­ca è at­tri­ce e re­gi­sta tea­tra­le e di cor­to­me­trag­gi. E per il suo pri­mo “lun­go” ha scel­to la sto­ria di un ban­chie­re (in­ter­pre­ta­to da Wal­ly Mar­za­no-Le­sne­vi­ch, an­che sce­neg­gia­to­re) che fal­li­sce ed è co­stret­to a tor­na­re nel­la ca­sa dei ge­ni­to­ri, spe­ri­men­tan­do co­sì l’im­pat­to che la cri­si dei mu­tui ha avu­to sul­le per­so­ne ca­re. «L’idea mi ha at­trat­to per­ché a Chi­ca­go, do­ve abi­to, ho vi­sto ami­ci e pa­ren­ti coin­vol­ti in vi­cen­de si­mi­li; ma an­che per­ché la cri­si si è ri­ver­sa­ta sull’in­du­stria del ci­ne­ma, do­ve i fi­nan­zia­men­ti per i film in­di­pen­den­ti so­no crol­la­ti. Co­sì il film cui ave­vo la­vo­ra­to per anni e con cui vo­le­vo esor­di­re (trat­to dal­lo spet­ta­co­lo tea­tra­le di Ri­chard Nel­son, si è bloc­ca­to. An­che se spe­ro di ri­met­ter­ci ma­no». Co­me ha su­pe­ra­to l’im­pas­se? Il do­no di ave­re i miei ge­ni­to­ri co­me mo­del­li di vi­ta mi ha aiu­ta­to a ca­pi­re che non c’era nien­te di per­so­na­le in que­sto fal­li­men­to, ma che può ac­ca­de­re a chiun­que. Per­si­no mio pa­dre ha avu­to dif­fi­col­tà fi­nan­zia­rie. Quin­di ho vi­sto tut­to in pro­spet­ti­va e mi so­no det­ta che do­ve­vo fa­re co­me lo­ro: sce­glie­re di ap­pas­sio­nar­mi a un pro­get­to an­che se non l’ave­vo svi­lup­pa­to io. È ve­ro che è in­ter­ve­nu­ta sul­la sce­neg­gia­tu­ra, esal­tan­do le re­la­zio­ni fa­mi­lia­ri? Sì, per­ché una sto­ria sui pro­ble­mi fi­nan­zia­ri può di­ven­ta­re an­che mol­to fred­da; in­ve­ce io ave­vo bi­so­gno di scal­dar­la e di mo­stra­re le ri­ca­du­te del­la cri­si sul­le per­so­ne e sul­le re­la­zio­ni. So­no sem­pre sta­ta at­trat­ta da que­ste di­na­mi­che, per­ché

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.