LE PA­RO­LE CHE NON MI HAI DET­TO Vuoi far­mi “be­re” una sto­riaI En­tra nei det­ta­gli (an­che in­cre­di­bi­li)

Corriere della Sera - Io Donna - - Momento Divino - Un Racconto - Ae­gu­sa, di Ca­mil­la Ba­re­sa­ni

ltre che dal­la bel­lez­za del­la sto­ria che si vuo­le nar­ra­re, l’ar­te del rac­con­to è fat­ta da al­cu­ni truc­chi del me­stie­re. Co­me pos­sia­mo con­vin­ce­re qual­cu­no che non stia­mo men­ten­do, men­tre rac­con­tia­mo un epi­so­dio mi­ra­bo­lan­te, ve­ro o fal­so che siaI Ca­pi­ta spes­so che un ro­man­zo o un film, scrit­tu­ra me­ra­vi­glio­sa o at­to­ri ec­cel­len­ti, non ci con­vin­ca­no pro­prio per­ché non riu­scia­mo a so­spen­de­re l’in­cre­du­li­tà, va­le a di­re che non cre­dia­mo al­la sto­ria, ci sem­bra fin­ta an­che se sot­to sot­to ab­bia­mo ac­cet­ta­to che lo sia, da­to che è un ro­man­zo o un film. Tut­ta que­sta pre­mes­sa per­ché la set­ti­ma­na scor­sa, du­ran­te un lun­go tra­mon­to si­ci­lia­no, mi è ca­pi­ta­to di es­se­re se­du­ta ac­can­to a un vec­chio ami­co e la­sciar­lo par­la­re. Se mi ha con­vin­to di una co­sa di cui ero scet­ti­ca, cioè che un Mar­sa­la se­mi­sec­co sia un vi­no adat­to an­che al mio pa­la­to che di so­li­to non ama la dol­cez­za («Ma sa di frut­ta stu­fa­ta e mie­le bru­cia­to!» mi ha det­to), non al­tret­tan­to gli è riu­sci­to men­tre mi rac­con­ta­va le pro­prie stra­bi­lian­ti av­ven­tu­re ses­sual­sen­ti­men­ta­li. Non so­no riu­sci­ta a cre­de­re nean­che per un

La sche­da di Ge­la­sio Gae­ta­ni d’Ara­go­na

istan­te al­le sue sto­rie: era tut­to ge­ne­ri­co, sen­za ap­pi­gli de­scrit­ti­vi che ren­des­se­ro le sce­ne vi­vi­de, pal­pi­tan­ti. Al­la fi­ne, gli ho det­to: «Ca­ro Lu­cio, per far­mi be­re que­sto bic­chie­re di Mar­sa­la co­sì spe­cia­le, lo hai de­scrit­to con una pre­ci­sio­ne di det­ta­gli che mi ha fat­to in­cu­rio­si­re: ho pen­sa­to che tu ne fos­si esper­to e che ci fos­se da fi­dar­si. Ma del­le tue av­ven­tu­re sen­ti­men­ta­li, in­ve­ce, mi hai de­scrit­to so­lo le azio­ni: nien­te no­mi, fac­ce, por­zio­ni di cor­pi, odo­ri. Nien­te di nien­te. Ti fac­cio l’esem­pio di Már­quez, che ha scrit­to ro­man­zi fan­ta­sti­ci - non so­lo per bel­lez­za ma, let­te­ral­men­te, per fan­ta­sia: sto­rie in­cre­di­bi­li, cui pe­rò noi let­to­ri ab­bia­mo cre­du­to dal­la pri­ma all’ul­ti­ma ri­ga. E sai per­chéI Per­ché c’è un truc­co. Már­quez ha spie­ga­to co­me fa­ce­va: “Se di­ci che ci so­no de­gli ele­fan­ti che vo­la­no in cie­lo, la gen­te non ti cre­de­rà. Pe­rò se di­ci che ci so­no 425 ele­fan­ti nel cie­lo, for­se qual­cu­no ti da­rà cre­di­to. ” un truc­co gior­na­li­sti­co che si può an­che ap­pli­ca­re al­la let­te­ra­tu­ra”. Ca­pi­sciI Ora ver­sa­mi un se­con­do bic­chie­re e ri­co­min­cia da ca­po. Rac­con­ta­mi tut­to, co­me fa­reb­be un gran­de nar­ra­to­re».

(l’in­ten­di­to­re)

Da mol­ti è an­co­ra con­si­de­ra­to “il vi­no per le sca­lop­pi­ne”. Ma non è co­sì: il Mar­sa­la è uno dei più no­bi­li vi­ni si­ci­lia­ni. Il Prin­ci­pe di Sa­li­na lo por­tò al­la boc­ca men­tre par­la­va con un emis­sa­rio po­li­ti­co che gli of­fri­va di di­ve­ni­re pro­ta­go­ni­sta del cam­bia­men­to, e al qua­le ri­spo­se che i si­ci­lia­ni cre­do­no di es­se­re gli uni­ci ca­pa­ci di cam­bia­re il mon­do, ma lo cre­do­no per­ché san­no che nul­la nel­la lo­ro Si­ci­lia cam­bie­rà mai. Ades­so io por­to al­la boc­ca un bic­chie­re di que­sto ciò che di più ra­ro l’ec­cel­len­za Florio ab­bia mai crea­to. Il co­lo­re è un do­ra­to an­ti­co che evo­ca i tra­mon­ti a Fa­vi­gna­na. Al gu­sto, sem­bra vel­lu­to. ” una “Ri­ser­va” per­si­sten­te, con sen­to­ri di frut­ta stu­fa­ta e mie­le bru­cia­to. Si per­ce­pi­sce tut­to: la sto­ria, la tra­di­zio­ne, i se­gre­ti di un gran­de vi­no. Pu­ra ar­mo­nia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.