So­lo chi ca­de può (for­se) ri­sor­ge­re

Corriere della Sera - Io Donna - - Sì, Guidare - Re­pub­bli­ca Ul­ti­mi. Co­sÒ le sta­ti­sti­che con­dan­na­no l’Ita­lia non­spre­ca­re.it, Emi­lia Gros­si

«i nu­me­ri so­no es­sen­zia­li per i go­ver­nan­ti per­ché li aiu­ta­no a ra­gio­na­re, a da­re un’ani­ma al lo­ro pro­get­to. E la co­no­scen­za è il pri­mo pas­so ver­so la no­stra sal­vez­za». Que­sto ri­fe­ri­men­to al­la di Pla­to­ne, nel­la pre­fa­zio­ne, è la chia­ve per ca­pi­re il sen­so di (Ei­nau­di, pagg. 118, € 16), puntuale ri­co­gni­zio­ne che An­to­nio Gal­do, gior­na­li­sta e scrit­to­re, com­pie sul­lo sta­to di sa­lu­te dell’Ita­lia. Fo­to­gra­fan­do una si­tua­zio­ne di pro­fon­da in­giu­sti­zia so­cia­le e di ar­re­tra­tez­za di un Pae­se che ha gran­di po­ten­zia­li­tà. Wel­fa­re, giu­sti­zia, sa­ni­tà: le sta­ti­sti­che non la­scia­no spe­ran­ze. È co­sì. Ugual­men­te ho scrit­to que­sto li­bro con ot­ti­mi­smo per­ché c’è un’Ita­lia che sta cer­can­do di cam­bia­re pel­le. Un cam­bia­men­to, gui­da­to dal­le don­ne, che ri­guar­da eco­no­mia, sti­li di vi­ta, con­su­mi. La po­li­ti­ca, pe­rò, non rie­sce ad ac­com­pa­gna­re que­sto pro­ces­so, lo osta­co­la. Il mio non è un li­bro con­tro Mat­teo Ren­zi, piut­to­sto un in­vi­to a sa­per co­glie­re que­sta esi­gen­za. La cor­ru­zio­ne è un fat­to­re di­la­gan­te. Ha de­ter­mi­na­to la pa­ra­bo­la di­scen­den­te del nostro Pae­se. Non sa­rà pos­si­bi­le estir­par­la com­ple­ta­men­te e gli ita­lia­ni de­vo­no ca­pi­re i dan­ni che pro­vo­ca quan­do di­ven­ta si­ste­ma. Guar­dia­mo Ro­ma do­ve ha cau­sa­to un ve­ro bloc­co so­cia­le. Qual­che co­sa fun­zio­na? Fac­cia­mo l’esem­pio del­la sa­ni­tà. Ab­bia­mo pes­si­mi ospe­da­li ac­can­to ad al­tri che so­no ot­ti­mi, cen­tri di ec­cel­len­za che pur­trop­po non rie­sco­no a im­por­si co­me mo­del­li da ap­pli­ca­re ovun­que. E di cui, spes­so, usu­frui­sce so­lo un’éli­te che sa già do­ve an­da­re. Ne con­se­gue una pro­fon­da in­giu­sti­zia so­cia­le. Quin­di le (mol­te) di­spa­ri­tà ri­man­go­no. Co­me quel­la ge­ne­ra­zio­na­le: ci so­no set­te mi­lio­ni di non­ni che man­ten­go­no fi­gli e ni­po­ti. A fron­te di gran­di spre­chi nel wel­fa­re, nel mon­do del la­vo­ro, de­ter­mi­na­ti da scelte scel­le­ra­te com­piu­te in pas­sa­to, si è crea­to una sor­ta di Sta­to so­cia­le pa­ral­le­lo. In po­li­ti­ca si co­glie qual­che spi­ra­glio di no­vi­tà? Dal mio os­ser­va­to­rio, il si­to ho ca­pi­to che gli ita­lia­ni so­no un po­po­lo che si adat­ta a tut­to e che la po­li­ti­ca fa an­co­ra gran­de fa­ti­ca a ca­pir­lo e in­ter­pre­tar­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.