“FI­NAL­MEN­TE AMO DI PIù IL MIO COR­PO” I pa­pa­raz­zi, le sfi­la­te, la mo­da. So­prat­tut­to, due ge­ni­to­ri stra­fa­mo­si che ado­ra (pa­pà John­ny e mam­ma Va­nes­sa Pa­ra­dis). E qual­che pro­ble­ma con se stes­sa. Che Li­ly-Ro­se Depp ha su­pe­ra­to gra­zie an­che a una cer­ta Isa­do­ra

Corriere della Sera - Io Donna - - Dynasty - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Tho­mas Lai­sné cer The Dan­cer the dan-

Han­no ra­gio­ne mam­ma e pa­pà: Li­ly-Ro­se è una ra­gaz­za con la te­sta sul­le spal­le. A 17 an­ni ha gi­ra­to quat­tro film, è un vol­to del­la mai­son Cha­nel, ha par­te­ci­pa­to a una cam­pa­gna con­tro le eti­chet­te in ma­te­ria ses­sua­le di­chia­ran­do «Non so­no ete­ro al 100 per cen­to» per poi pre­ci­sa­re su Ista­gram: in­ten­de­vo sol­tan­to di­re che il mio orien­ta­men­to ses­sua­le non de­ve in­te­res­sa­re a nes­su­no, non che io non sia ete­ro. Sem­pre su Ista­gram ( l’uni­co suo so­cial uf­fi­cia­le, av­ver­te) non ha esi­ta­to a di­fen­de­re il pa­dre dal­le ac­cu­se di mal­trat­ta­men­ti che gli ha ri­vol­to la or­mai ex mo­glie Am­ber Heard: «È la per­so­na più dol­ce che ci sia, è sem­pre sta­to me­ra­vi­glio­so sia con mio fra­tel­lo, sia con me e chiun­que lo co­no­sca di­reb­be la stes­sa co­sa ». In­som­ma, la ra­gaz­za sa co­me muo­ver­si. Ve­dre­mo co­me an­drà: se sa­rà un me­teo­ra co­me al­tri fi­gli fa­mo­si o se dav­ve­ro fa­rà del ci­ne­ma il suo me­stie­re. Sot­ti­le, dia­fa­na, bion­da, me­sco­la­te sul vi­so le bel­lez­ze non ca­no­ni­che di sua ma­dre Va­nes­sa Pa­ra­dis e di suo pa­dre John­ny Depp (si so­no la­scia­ti nel 2012 do­po 14 an­ni in­sie­me e due fi­gli), Li­ly ha in più una cer­ta gra­zia tut­ta sua: pro­ba­bil­men­te a quel­la de­ve il ruo­lo di una gio­va­nis­si­ma e an­co­ra sco­no­sciu­ta Isa­do­ra Dun­can, una del­le bal­le­ri­ne più ori­gi­na­li di tut­ti i tem­pi, nel film di Ste­pha­nie Di Giu­sto al ci­ne­ma in au­tun­no: la pro­ta­go­ni­sta è Loïe Ful­ler (in­ter­pre­ta­ta da So­ko), pio­nie­ra del­la dan­za con­tem­po­ra­nea nei pri­mi an­ni del No­ve­cen­to, ma

è Li­ly-Isa­do­ra, di cui Loïe si in­na­mo­ra non so­lo ar­ti­sti­ca­men­te. Gra­zia? «Ho ot­te­nu­to la par­te per­ché Ste­pha­nie è un’ami­ca di fa­mi­glia » scher­za lei con una ri­sa­ta. Una fa­mi­glia piut­to­sto im­pe­gna­ti­va, la sua: la pa­pa­raz­za­no da quan­do è na­ta. Sa­rà at­trez­za­ta più di al­tri ad af­fron­ta­re il la­to sgra­de­vo­le del­lo sho­w­bizz. No, so­no so­lo più abi­tua­ta. Non c’è nien­te che ti pre­pa­ri e a vol­te può es­se­re ve­ra­men­te du­ra, ma se sce­gli que­sto la­vo­ro lo sai che è co­sì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.