Pre­mes­sa: le cor­ri­de non ci piac­cio­no. E ci scon­vol­go­no quan­do a la­sciar­ci la vi­ta so­no i to­re­ri, co­me è suc­ces­so po­chi gior­ni fa. Ep­pu­re quel mon­do af­fa­sci­na nuo­ve le­ve di ma­ta­do­res. Noi ab­bia­mo in­con­tra­to Lea Vi­cens, 29 an­ni, che di­ce: «È spet­ta­co­lo del

Corriere della Sera - Io Donna - - Morte & Arena - di Eli­sa­bet­ta Ro­sa­spi­na, fo­to di Fe­de­ri­co Scop­pa

a cin­que se­co­li na­sco­no so­lo per sof­fri­re e mo­ri­re nell’are­na. Che qual­cu­no può pen­sa­re sia me­glio di un mat­ta­to­io, ma co­mun­que è una tra­gi­ca fi­ne. Per mi­glia­ia di to­ri, ogni an­no. Tal­vol­ta an­che per i to­re­ri. La Spa­gna sem­bra stan­ca di tan­to san­gue, se so­no esat­te le sta­ti­sti­che che par­la­no di un 65 per cen­to di spa­gno­li po­co o per nul­la in­te­res­sa­ti ad as­si­ste­re al sa­cri­fi­cio di una be­stia stre­ma­ta dai pi­ca­do­res e con­dan­na­ta a pie­ga­re le gi­noc­chia con una spa­da con­fic­ca­ta tra le sca­po­le, al net­to dell’en­fa­si he­ming­wa­ya­na. Ca­na­rie e Ca­ta­lo­gna han­no abo­li­to le cor­ri­de e il 33,8 per cen­to del­la na­zio­ne, com­po­sto so­prat­tut­to da gio­va­ni, plau­de al­la fi­ne di una cru­del­tà d’al­tri tem­pi. Ep­pu­re il mon­do de “los to­ros” re­si­ste, rea­gi­sce agli at­tac­chi, ri­cor­re al­la Cor­te co­sti­tu­zio­na­le. Si for­ma­no nuo­ve le­ve di ma­ta­do­res che vo­glio­no per­pe­tua­re la tra­di­zio­ne, og­get­to or­mai di un du­ro con­fron­to so­cia­le: «Ri­ce­via­mo con­ti­nua­men­te mi­nac­ce e au­gu­ri di mor­te. Per­fi­no la ve­do­va di Vic­tor Bar­rio, il gio­va­ne to­re­ro uc­ci­so po­chi gior­ni fa nell’are­na di Te­ruel, è sta­ta inon­da­ta di mes­sag­gi or­ri­bi­li di per­so­ne che si com­pia­ce­va­no del­la fi­ne di suo ma­ri­to. Qui in Spa­gna stan­no na­scen­do or­ga­niz­za­zio­ni giu­ri­di­che per pro­teg­ge­re il mon­do tau­ri­no da que­sti at­tac­chi». Lea Vi­cens è na­ta 29 an­ni fa nel sud del­la Fran­cia, a Nî­mes, non lon­ta­no dal­le man­drie di to­ri e ca­val­li bra­di del­la Ca­mar­gue, e ora vi­ve in An­da­lu­sia, a Si­vi­glia. Non di­scen­de da ma­ta­do­res, ma fin dall’ado­le­scen­za D

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.