I tee­na­ger og­gi han­no pau­ra del ter­ro­ri­smo e di non tro­va­re la­vo­ro: non do­vreb­be­ro es­se­re que­stio­ni pre­do­mi­nan­ti a quella età. Ma lo­ro so­no cre­sciu­ti du­ran­te la cri­si più spa­ven­to­sa del se­co­lo

Corriere della Sera - Io Donna - - Figli Dei Selfie - Smart­pho­ne ge­ne­ra­tion,

agen­zie di co­mu­ni­ca­zio­ne al mon­do. Non è con­ve­nien­te per un’azien­da por­si la do­man­da di co­me at­ti­ra­re que­sti con­su­ma­to­ri: è ne­ces­sa­rio. Per coin­vol­ger­li è es­sen­zia­le ca­pi­re co­sa sti­mi­no, in co­sa cre­da­no, quan­to sia­no di­ver­si da chi li ha pre­ce­du­ti. È la stes­sa at­ten­zio­ne ri­chie­sta al­la so­cie­tà che li ac­co­glie, al­la scuo­la che li for­ma, al­la fa­mi­glia che li cre­sce. Tre for­ze li stan­no “mo­del­lan­do”. La tec­no­lo­gia, in­nan­zi­tut­to. I ra­gaz­zi na­ti do­po il 1995 so­no la pri­ma ve­ra

o - se vo­glia­mo - i pri­mi ve­ri na­ti­vi di­gi­ta­li. «L’86% di lo­ro pos­sie­de uno smart­pho­ne, il 73% non po­treb­be far­ne a me­no» di­ce No­ree­na Her­tz, che ab­bia­mo in­con­tra­to a Mi­la­no in occasione del net­work PNC ( The Po­wer of New Cul­tu­re) or­ga­niz­za­to da Lui­sa Ba­gno­li, esper­ta in con­su­len­za di­re­zio­na­le. E poi il ter­ro­ri­smo e il ti­mo­re di non tro­va­re la­vo­ro: gli at­tua­li tee­na­ger so­no spa­ven­ta­ti da que­stio­ni che a quell’età non do­vreb­be­ro es­se­re pre­do­mi­nan­ti. «La Generazione K» spie­ga Her­tz, che ov­via­men­te si ri­fe­ri­sce ai tee­na­ger oc­ci­den­ta­li «non ha avu­to espe­rien­za di­ret­ta di at­tac­chi ter­ro­ri­sti­ci, ma è abi­tua­ta al­le im­ma­gi­ni di bom­be e de­ca­pi­ta­zio­ni sul­la pro­pria ti­me­li­ne di Fa­ce­book». Ed è cre­sciu­ta du­ran­te la peg­gio­re cri­si eco­no­mi­ca dell’Oc­ci­den­te dal 1929: «Il 97% di lo­ro è pre­oc­cu­pa­to per la di­soc­cu­pa­zio­ne, il 73% per i de­bi­ti».

so­no ra­gaz­zi an­sio­si, im­mer­si in un con­te­sto che vo­glio­no cam­bia­re. An­che in mo­di con­trad­dit­to­ri: «So­lo il 6% di lo­ro si fi­da dei brand glo­ba­li, contro il 60% de­gli adul­ti. Ma tut­ti vor­reb­be­ro la­vo­ra­re in Goo­gle» rac­con­ta Her­tz. «Sem­bra­no più fi­du­cio­si nel­le ban­che: for­se ci ve­do­no la pro­te­zio­ne dei lo­ro ri­spar­mi». Que­sto li ac­co­mu­na

Lo you­tu­ber PewDiePie fir­ma co­pie del suo li­bro a New York.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.