I con­si­gli di zio Lu­chi­no Vi­scon­ti, l’ami­ca Ma­ria Cal­las, il co­ro jazz... Ma an­che un in­ci­den­te as­sur­do e do­lo­ro­so. Anna Ga­stel, neo presidente di Mi­To, ci rac­con­ta co­me l’equi­li­brio di una vi­ta si so­sten­ga sul­la mu­si­ca

Corriere della Sera - Io Donna - - Note Di Successo - Di Can­di­da Mor­vil­lo, fo­to di Gio­van­ni Ga­stel la Son­nam­bu-

Anna ga­stel ha re­spi­ra­to mu­si­ca fin da bam­bi­na. Da quan­do la non­na, Car­la Erba in Vi­scon­ti di Mo­dro­ne, la por­ta­va nel suo palco al­la Sca­la di Mi­la­no e lei era co­sì pic­co­la che le scap­pò un ur­lo nel mez­zo del­la di Vin­cen­zo Bel­li­ni. «Non si gri­da al­la Sca­la!» le sus­sur­rò la non­na. Ma il re­gi­sta, che era suo zio Lu­chi­no Vi­scon­ti, si era in­ven­ta­to un ef­fet­to sce­ni­co per cui sem­bra­va che men­tre Ma­ria Cal­las cam­mi­na­va su un pon­ti­cel­lo can­tan­do il suo do­lo­re, s’af­flo­scias­se su se stes­sa e scom­pa­ris­se nel nul­la. Era il 1955 e Anna, due an­ni, te­ne­va tan­to al­la Cal­las, che era co­me un’al­tra zia, non so­lo per via di Lu­chi­no, ma per­ché era l’ami­ca più ca­ra di sua sorella mag­gio­re, Cri­sti­na. «La ve­de­vo spes­so e, in ca­sa, la sua vo­ce ri­suo­na­va ovun­que: il non­no e mia sorella ascol­ta­va­no sem­pre i suoi di­schi e io can­ta­vo co­pren­do­ne la vo­ce, fin­ché il mio can­to non so­mi­glia­va al suo e mi chie­de­vo stu­pi­ta: ma so­no io? Da ra­gaz­zi­na, l’ho poi fat­to con Mi­na ». Si di­ce che sua non­na sve­glias­se i set­te figli al­le sei ob­bli­gan­do­li tut­ti a suo­na­re uno stru­men­to per due ore. La sua edu­ca­zio­ne mu­si­ca­le com’è sta­ta? Io ho stu­dia­to pia­no e, più tar­di, ho pre­so le­zio­ni di can­to. Po­che, ma, per for­tu­na, si can­ta so­prat­tut­to con l’anima e il cuo­re. Amo il can­to per­ché lo stru­men­to sei tu, c’è qual­co­sa di ma­ieu­ti­co nel ti­ra­re fuo­ri l’uni­ci­tà del­la tua vo­ce, che è il mi­ra­co­lo del­la per­so­na­li­tà. Il mo­men­to in cui la tua vo­ce si al­za li­be­ra è un’emo­zio­ne. Nei ca­si più for­tu­na­ti, lo è an­che per chi ascol­ta. Sta sor­ri­den­do co­me se pen­sas­se a qual­co­sa di pre­ci­so. Per­ché? Per­ché, da ra­gaz­za, a 25 o 26 an­ni,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.