“IL MIO FILM È COM­PLI­CA­TO, MA LA VI­TA LO È DI PIù” Un ca­ne ama­tis­si­mo, una ma­dre tol­le­ra­ta, l’an­go­scia di non po­ter guar­da­re il cie­lo. Lau­rie An­der­son ha mes­so nel suo do­cu­men­ta­rio il do­lo­re che non puoi man­da­re via. E il ri­cor­do del ma­ri­to Lou Reed

Corriere della Sera - Io Donna - - Giovani Dentro E Anche Fuori) - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Noah Green­berg Heart of a Dog, Heart of a Dog Lau­rie An­der­son. The Wi­th­ness of the Bo­dy); O Su­per­man Heart of a Dog,

Lau­rie an­der­son è una bel­la si­gno­ra di 69 an­ni mol­to sor­ri­den­te che par­la a bas­sa vo­ce. Un’intervista con lei se­gue un po’ lo sche­ma del suo film, al ci­ne­ma il 13 e 14 set­tem­bre: si pro­ce­de a fram­men­ti. Co­min­ci par­lan­do del suo ca­ne e un mo­men­to do­po sei in Ti­bet, guar­di sce­ne di vi­ta fa­mi­lia­ri in 8 mil­li­me­tri ma in real­tà, spie­ga lei, «la mia è una ri­fles­sio­ne sul lin­guag­gio e su co­me na­sco­no le sto­rie».

era sta­to pre­sen­ta­to l’an­no scor­so al­la Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia, do­ve que­st’an­no Lau­rie An­der­son tor­na co­me giu­ra­ta. In­cre­di­bi­le co­me mol­ti gior­na­li, per ri­cor­da­re chi sia, ab­bia­no scrit­to so­lo «la ve­do­va di Lou Reed», co­me se vi­ves­se di lu­ce ri­fles­sa: il le­ga­me con la rock­star è du­ra­to stret­tis­si­mo per più di vent’an­ni (si co­nob­be­ro nel 1992, si spo­sa­ro­no nel 2008, Lou Reed è scom­par­so nel 2013) ma An­der­son è da qua­si mez­zo se­co­lo an­che una del­le ar­ti­ste più ver­sa­ti­li e ap­prez­za­te del­la sce­na ame­ri­ca­na. Ha spe­ri­men­ta­to nel­la mu­si­ca, nel­le in­stal­la­zio­ni mul­ti­me­dia­li, nel­la scrit­tu­ra (una mo­stra su di lei è in cor­so a Na­po­li all’ex- Chio­stro di S. Ca­te­ri­na a For­miel­lo:

tan­ti an­ni fa, era il 1981, la sua ar­ri­vò in ci­ma al­le clas­si­fi­che pop; si è de­di­ca­ta ad at­ti­vi­tà stram­pa­la­te co­me met­te­re al­le ta­stie­re al­cu­ni ca­ni in ve­ri e pro­pri con­cer­ti, e ne ha or­ga­niz­za­ti per lo­ro. L’ul­ti­mo a fi­ne lu­glio a Ti­mes Squa­re, New York, con al­to­par­lan­ti re­go­la­ti su fre­quen­ze udi­bi­li so­lo dai ca­ni e cuf­fie spe­cia­li per i lo­ro pa­dro­ni. An­che gi­ra­to nel­lo stu­dio di Lau­rie mi­xan­do ri­pre­se con lo smart­pho­ne a vec­chi fil­mi­ni di fa­mi­glia, car­to­ni ani­ma­ti, com­pu­ter art, «co­sta­to quan­to il lun­ch di una gran­de pro­du­zio­ne», ri­guar­da un ca­ne e il do­lo­re per la sua mor­te: Lo­la­bel­le, il ter­rier ado­ra­to da Lau­rie e Lou (nel­la pri­ma sce­na lei par­to­ri­sce la ca­gno­li­na: nien­te di hor­ror, lo rac­con­ta at­tra­ver­so di­se­gni sti­liz­za­ti). Ma è so­lo il pun­to di par­ten­za per par­la­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.