Il set è co­me il cam­peg­gio esti­vo: con­di­vi­di bel­lis­si­me espe­rien­ze, ti sa­lu­ti di­cen­do ci scri­ve­re­mo e ci ri­ve­dre­mo, poi non lo fai più

Corriere della Sera - Io Donna - - Faccia Da Teenager -

Ca­na­da a me­no 30 gra­di, un fred­do paz­ze­sco, ed es­ser­mi adat­ta­to a si­tua­zio­ni estre­me, quel­lo che il fi lm sug­ge­ri­sce è ap­prez­za­re ogni mo­men­to, non so­lo di una sto­ria d’amo­re ma an­che del pro­prio viag­gio per­so­na­le: è sem­pre pos­si­bi­le la­sciar­si al­le spal­le quel che è sta­to, non pre­oc­cu­par­ci di quel che sa­rà, so­lo gu­sta­re il pre­sen­te. Pe­rò spes­so sia­mo bloc­ca­ti dal­le no­stre pau­re. Qua­li so­no le sue? una que­stio­ne di equi­li­brio. Un’al­tra pro­va di co­rag­gio so­no sta­te le sue sce­ne con l’or­so in Two Lo­vers and a Bear (Due aman­ti e un or­so). O era­no ef­fet­ti spe­cia­li? No no, era un or­so po­la­re ve­ro, an­zi un’orsa, l’uni­ca am­mae­stra­ta di tut­to il Nord Ame­ri­ca: è nel­lo sho­w­biz da vent’an­ni, quin­di ha mol­ta più espe­rien­za di me. Non ave­vo ca­pi­to che co­sa vuol di­re sta­re vi­ci­no a una al­la vi­ta pos­si­bi­le e sa­reb­be biz­zar­ro rac­con­ta­re una pas­sio­ne sen­za sce­ne d’amo­re: gli aman­ti fan­no ses­so, no? Re­sta ami­co di chi co­no­sce sul set? Suc­ce­de un po’ co­me al cam­peg­gio esti­vo: con­di­vi­di bel­lis­si­me espe­rien­ze, ti sa­lu­ti di­cen­do ci scri­ve­re­mo ci ri­ve­dre­mo e poi non lo fai mai più. È stra­no, per­ché hai una spe­cie di pe­rio­do di lut­to quan­do un pro­get­to fi­ni­sce: sei sta­to con un per­so­nag­gio e con un grup­po per set­ti­ma­ne e poi ba­sta, fi­ni­to. Un po’ co­me una mor­te. I me­dia a vol­te la de­scri­vo­no co­me uno che in­ter­pre­ta per­so­nag­gi cu­pi e di­stur­ba­ti: che co­sa ne pen­sa? Che le de­fi­ni­zio­ni som­ma­rie so­no più

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.