CIAO, LO­REN­ZO

Corriere della Sera - Io Donna - - Il Pane Le Rose - di Se­re­na Dan­di­ni

Lo­ren­zo mi sor­ri­de dal­la sua pa­gi­na fa­ce­book. È bel­lis­si­mo. Più ades­so che ha su­pe­ra­to i qua­ran­ta di quan­do era ra­gaz­zi­no e nel­lo sguar­do ave­va quell’aria di sfi­da un po’ truf­fal­di­na e in­co­scien­te che ac­com­pa­gna sem­pre chi ha de­ci­so di pun­ta­re al­to nel­la sua vi­ta. Ora ne­gli oc­chi c’è an­che una dol­cez­za che al­lar­ga il cuo­re e del­le ru­ghe di com­pren­sio­ne, quel­le che par­la­no e con­fes­sa­no che il do­lo­re e le sof­fe­ren­ze so­no pas­sa­te da lì, ma non han­no scal­fi­to la jo­ie de vi­vre e, so­prat­tut­to, l’iro­nia, quel­la be­ne­fi­ca at­ti­tu­di­ne che ti per­met­te di so­prav­vi­ve­re, no­no­stan­te tut­to. No­no­stan­te un in­ci­den­te su­gli sci, a po­co più di vent’an­ni, ti ab­bia tol­to la pos­si­bi­li­tà di cor­re­re, suo­na­re la chi­tar­ra, bal­la­re e fa­re le pen­ne con il mo­to­ri­no. An­che sul­la sua se­dia a ro­tel­le, Lo­ren­zo man­tie­ne in­tat­ta l’iro­nia e ti tra­vol­ge con i suoi gio­chi al­le­gri e i suoi rac­con­ti che, nel tem­po, di­stil­lan­do un ta­len­to pre­zio­so, si so­no tra­sfor­ma­ti in let­te­ra­tu­ra ve­ra. Pro­prio lui, il ra­gaz­zac­cio che “non si sa che fa­rà da gran­de”, ha stu­pi­to tut­ti e ha sfo­de­ra­to due ro­man­zi che la­scia­no di sas­so per co­me van­no di­rit­ti al­la me­ta. E ora scher­za­re sul suo omo­ni­mo te­le­vi­si­vo, li­be­ra­men­te trat­to dal­le sue av­ven­tu­re ado­le­scen­zia­li, il Lo­ren­zo di Cor­ra­do Guz­zan­ti, di­ven­ta per noi un al­tro di­ver­ti­men­to, un “amar­cord” gio­io­so per rac­con­tar­ci co­me la vi­ta sia in­cre­di­bi­le e sor­pren­den­te. Cru­de­le, cer­to, ma an­che me­ra­vi­glio­sa, gra­zie ai suoi sen­tie­ri im­pre­vi­sti che ti tra­sfor­ma­no in quel­lo che avre­sti sem­pre vo­lu­to es­se­re, ma fa­cen­do­ti pas­sa­re per di­re­zio­ni op­po­ste. Par­lo al pre­sen­te per­ché mi è dif­fi­ci­le ac­cet­ta­re l’ul­ti­mo pas­sag­gio di que­sta sto­ria o for­se per­ché so­no con­vin­ta che le per­so­ne che se ne van­no da que­sta ter­ra so­no so­lo in viag­gio in un’al­tra di­men­sio­ne.

La fo­to del­la sua pa­gi­na Fb mo­stra un car­tel­lo con un “Di­vie­to di ma­lin­co­nia”. È giu­sto co­sì. Lo­ren­zo Amur­ri ci ha la­scia­to il 12 lu­glio, ma non avreb­be mai ac­cet­ta­to pian­ti e tri­stez­ze. Ce lo ri­cor­da­no Va­len­ti­na, Fran­co, Ro­ber­ta e Mil­via, la gran­de fa­mi­glia che ve­glia sul­la sua in­tel­li­gen­za. Sa­reb­be of­fen­si­vo per la me­mo­ria di un gio­va­ne scrit­to­re che era riu­sci­to a tra­sfor­ma­re an­che il suo viag­gio a Lour­des in un mi­ci­dia­le pam­phlet pie­no di sen­se of hu­mour. Per il suo se­con­do ro­man­zo, Lo­ren­zo si era re­ga­la­to un nuo­vo ta­tuag­gio: una mac­chi­na da scri­ve­re in eru­zio­ne che sfor­na­va no­te a ri­pe­ti­zio­ne, la sin­te­si per­fet­ta del­le sue pas­sio­ni che par­ti­va­no da un cuo­re for­te, co­rag­gio­so e spa­val­do che, nell’ul­ti­mo an­no e mez­zo, ave­va su­pe­ra­to sof­fe­ren­ze in­di­ci­bi­li, ma al­la fi­ne ha de­ci­so di in­vo­lar­si in un’al­tra espe­rien­za. Mi pia­ce ora im­ma­gi­nar­lo che se la ri­de dall’al­to di qual­che pa­ra­di­so lai­co, con il gran­de An­to­nio, il pa­pà che ci ha cre­sciu­to tut­ti a pa­ne e umo­ri­smo e che, fi­nal­men­te, po­trà far­gli di per­so­na i com­pli­men­ti che si me­ri­ta. Ciao Lol­lo, al­la pros­si­ma...

fio­re con­si­glia­to: Ro­sa Jo­ie de Vi­vre, co­lor ma­dre­per­la e fio­ri­tu­ra pro­lun­ga­ta fi­no ai pri­mi ge­li, se si ha cu­ra di ri­muo­ve­re i fio­ri ap­pas­si­ti. Illustrazione di An­drea Pi­stac­chi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.