“MI SPA­VEN­TA­NO SO­LO LE OC­CA­SIO­NI PER­DU­TE Nell’ul­ti­mo film è una schia­va du­ran­te la guer­ra ci­vi­le ame­ri­ca­na. Ma il co­lo­re del­la pel­le non c’en­tra. Gu­gu, ma­dre in­gle­se e pa­dre su­da­fri­ca­no, non si è mai la­scia­ta eti­chet­ta­re: è sta­ta Giulietta e Ofe­lia, sa­rà

Corriere della Sera - Io Donna - - Sotto I Riflettori - Di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Yu Tsai Bea­st, Mea­su­re for Mea­su­re Beau­ty and the Free Sta­te of Jo­nes le Con­cus­sion, Bel-

Ave­va sei an­ni, e sul pal­co­sce­ni­co era una can­de­la. «Con una lu­cet­ta in te­sta per il­lu­mi­na­re una tor­ta di com­plean­no» rac­con­ta ri­den­do Gu­gu. «Ri­cor­do, co­me fos­se og­gi, che la lam­pa­di­na del­la mia ami­ca Man­dy si era spen­ta im­prov­vi­sa­men­te men­tre mi bi­sbi­glia­va un se­gre­to all’orec­chio, una co­sa proi­bi­tis­si­ma. Fu un mo­men­to ma­gi­co, in­di­men­ti­ca­bi­le: io col mio tu­tù bian­co al mio pri­mo bal­let­to, e un se­gre­to». Per die­ci an­ni an­co­ra dan­za­re fu la sua pas­sio­ne, la sua vi­ta; a se­di­ci si iscris­se a una scuo­la di re­ci­ta­zio­ne, a di­ciot­to vin­se una bor­sa di stu­dio al­la Royal Aca­de­my of Dra­ma­tic Art, e su­bi­to do­po ven­ne scel­ta per il ruo­lo di Isa­bel­la in di Sha­ke­spea­re. Non si è più fer­ma­ta: tea­tro, te­le­vi­sio­ne, ci­ne­ma, fi­gu­ria­mo­ci se Hol­ly­wood si la­scia­va sfug­gi­re un ta­len­to del ge­ne­re, fre­sco, vi­go­ro­so, e, so­prat­tut­to, sin­go­la­re. In tem­pi in cui il dibattito sui ruo­li dei per­so­nag­gi di co­lo­re e la cul­tu­ra afroa­me­ri­ca­na si è fat­to più ac­ce­so – ve­di le no­te po­le­mi­che dell’an­no pas­sa­to sul­le scel­te po­co “in­clu­si­ve” dei mem­bri dell’Aca­de­my - sem­bra es­ser­si la­scia­ta al­le spal­le ogni cli­ché et­ni­co: è sta­ta Ofe­lia e Giulietta nei dram­mi sha­ke­spea­ria­ni, sa­rà Plu­met­te nel mu­si­cal e, ora, è la schia­va di san­gue mi­sto di (con Mat­thew McCo­nau­ghey), il film che rac­con­ta un epi­so­dio rea­le del­la guer­ra

Gu­gu, 33 an­ni, è na­ta nel­la cit­ta­di­na di Wit­ney, nell’Ox­ford­shi­re. Ha in­ter­pre­ta­to

con Mat­thew McCo­nau­ghey.

ci­vi­le ame­ri­ca­na: la ri­vol­ta ar­ma­ta di ne­ri e bian­chi con­tro l’eser­ci­to con­fe­de­ra­to. Gu­gu­le­thu (“Il no­stro or­go­glio”, in zu­lu) Mba­tha-Raw è il no­me che suo pa­dre Pa­trick Mba­tha (me­di­co su­da­fri­ca­no) e sua ma­dre An­ne Raw (in­fer­mie­ra in­gle­se) ave­va­no scel­to per lei, quan­do nac­que 33 an­ni fa nel­la cit­ta­di­na di Wit­ney, Ox­ford­shi­re. Vi­va­ce, bril­lan­te, en­tu­sia­sta del suo la­vo­ro, no­ta per le in­ter­pre­ta­zio­ni in e l’at­tri­ce qua­si si pa­ra­liz­za quan­do ar­ri­vi a chie­der­le del suo pri­va­to. Se poi az­zar­di una do­man­da sui sen­ti­men­ti, ar­ros­si­sce co­me una tre­di­cen­ne, e bal­bet­ta. E di­re che ha un vi­so per­fet­to, gio­va­ne e ra­dio­so, e lab­bra ton­de e pie­ne; coi ca­pel­li rac­col­ti e un ve­sti­to a cam­pa­na ne­ro con maz­zet­ti di fio­ri co­lo­ra­ti, è as­so­lu­ta­men­te in­can­te­vo­le. Lei sem­bra ave­re sfi­da­to e su­pe­ra­to le bar­rie­re dell’at­to­re di co­lo­re: i suoi ruo­li so­no di­ver­sis­si­mi, e mai de­fi­ni­ti da to­na­li­tà di pel­le. Ri­mar­rò una don­na di san­gue mi­sto tut­ta la vi­ta, ma que­sto non mi ha im­pe­di­to di esplo­ra­re nel mio la­vo­ro cul­tu­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.