In un’in­quie­tan­te se­rie tv fan­ta-hor­ror è una ma­dre che cer­ca il fi­glio sva­ni­to nel nul­la. E sa­rà di nuo­vo tra i fan­ta­smi con il se­quel di “Bee­tle­jui­ce”. Wi­no­na Ry­der rac­con­ta qui i mi­ste­ri del­la sua vi­ta. Tra im­prov­vi­se spa­ri­zio­ni e sor­pren­den­ti ri­tor­ni

Corriere della Sera - Io Donna - - Risalite - Ed­ward ma­ni di for­bi­ce, di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Eli­za­be­th Wein­berg Bee­tle­jui­ce Stran­ger Things, Bee­tle­jui­ce, Black Swan, Il ci­gno ne­ro, new fa­ce più qui Ali­ce non abi­ta Me a He­ro,

em­pre con quel­la sua aria fra­gi­le ed eva­ne­scen­te, a 44 an­ni ri­ma­ne l’em­ble­ma del cool. È sta­ta ti­ra­ta su in una co­mu­ni­tà hip­pie-ra­di­cal ca­li­for­nia­na, ha una fa­mi­glia di ori­gi­ne ebrai­ca con un pa­dre di­chia­ra­ta­men­te ateo e una ma­dre bud­di­sta, e Ti­mo­thy Lea­ry, il gu­ru dell’Lsd, per pa­dri­no. De­but­ta nel ci­ne­ma a 15 an­ni, John­ny Depp è il pri­mo fi­dan­za­to uf­fi­cia­le, e sull’on­da del suo suc­ces­so per­si­no una punk band pren­de il suo no­me. La­vo­ra con Tim Bur­ton, Jim Jar­mu­sch, Woo­dy Al­len, Mar­tin Scor­se­se, gi­ra e e si con­qui­sta poi due no­mi­na­tion all’Oscar: que­sta a gran­di li­nee è la sto­ria dell’ir­re­si­sti­bi­le asce­sa di Wi­no­na Ry­der. Cla­mo­ro­so ful­mi­ne a ciel se­re­no: nel 2001 vie­ne ar­re­sta­ta in uno dei gran­di ma­gaz­zi­ni più chic di Be­ver­ly Hills, Saks Fif­th Ave­nue, men­tre si por­ta via al­cu­ni ca­pi fir­ma­ti. «Sa­rò sem­pre mar­chia­ta da quel fat­to» ri­cor­da og­gi. «Ma se non al­tro so­no sta­ta co­stret­ta a fer­mar­mi, a ri­flet­te­re: fi­no ad al­lo­ra ave­vo sem­pre e so­lo re­ci­ta­to». Scom­pa­re dal­la sce­na hol­ly­woo­dia­na e si tra­sfe­ri­sce a San Fran­ci­sco. Quan­do nel 2010 riap­pa­re in sia­mo tut­ti fe­li­ci di ri­ve­der­la: quel suo sguar­do in­ten­so, pu­ro e in­quie­tan­te ci era man­ca­to. Ap­pro­da­ta sul pic­co­lo scher­mo è og­gi la pro­ta­go­ni­sta del­la for­tu­na­ta se­rie tv di Net­flix

un hor­ror so­pran­na­tu­ra­le am­bien­ta­to ne­gli an­ni Ot­tan­ta, la sto­ria di una ma­dre il cui fi­glio sva­ni­sce in cir­co­stan­ze mi­ste­rio­se. È sta­to poi an­nun­cia­to il se­quel di

do­ve l’at­tri­ce sa­rà di­ret­ta di nuo­vo da Tim Bur­ton, men­tre Marc Ja­cobs l’ha scel­ta co­me del­la sua li­nea di co­sme­ti­ci . Wi­no­na, an­che lei vit­ti­ma dell’at­tra­zio­ne fa­ta­le per le se­rie te­le­vi­si­ve? Gli an­ni pas­sa­no, vie­ne vo­glia di spe­ri­men­ta­re co­se nuo­ve, dif­fe­ren­ti, e fi­nal­men­te mi of­fro­no il ruo­lo di una don­na, una ma­dre, del­la mia età. Joy­ce è ve­ra, rea­le, uma­na e ha le sue de­bo­lez­ze. Uno di quei per­so­nag­gi che am­mi­ra­vo quan­do ero ra­gaz­zi­na, ti­po El­len Bur­styn in o Ge­na Ro­w­lands nei film di John Cas­sa­ve­tes. In Show la mi­ni­se­rie dram­ma­ti­ca di Paul Hag­gis, ave­vo un pic­co­lo ruo­lo, qui in­ve­ce è sta­to ogni gior­no un’al­ta­le­na di emo­zio­ni, un la­vo­ro im­pe­gna­ti­vo e

Wi­no­na Ry­der, 44 an­ni, è la pro­ta­go­ni­sta del­la se­rie tv di Net­flix E pre­sto sa­rà sul gran­de scher­mo con Tim Bur­ton in

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.