Mi sen­to un mi­ra­co­la­to. Fa­re ciò che ami è un pri­vi­le­gio. E lo di­co per­ché so che co­sa vuol di­re al­zar­si al­le cin­que del mat­ti­no per an­da­re in fab­bri­ca

Corriere della Sera - Io Donna - - La Sfida - Fe­sti­val di San­re­mo.

mia vi­ta il bi­lan­cio pen­de più dal­la par­te del­la sfor­tu­na. Pe­rò quan­do le co­se van­no ma­le sem­bra qua­si la nor­ma­li­tà, quan­do hai un col­po di for­tu­na è tal­men­te bian­co ri­spet­to al ne­ro che stai vi­ven­do da spic­ca­re su tut­to. Par­lia­mo al­lo­ra di sfor­tu­ne: co­me l’oc­ca­sio­ne man­ca­ta del Ta­len­tie­re. È il 1982 e Ri­ta Pa­vo­ne pro­po­ne a lei e al suo grup­po, gli Al­ta Ten­sio­ne, di di­ven­ta­re la sua band per cin­que an­ni. «Ma lo dob­bia­mo de­ci­de­re ora, qui, in que­sto ca­me­ri­no» di­ce. Due dei suoi com­pa­gni ri­nun­cia­no, fa­cen­do sfu­ma­re l’op­por­tu­ni­tà. Al­lo­ra fu una sof­fe­ren­za cla­mo­ro­sa. Vi­di spa­lan­car­si da­van­ti a me un can­cel­lo al­di­là del qua­le c’era una vi­ta da so­gno in cui fai quel­lo che ti pia­ce e ti pa­ga­no per far­lo, e in­ve­ce… Pe­rò io quel­la vi­ta l’ho avu­ta co­mun­que e mi sen­to un mi­ra­co­la­to: fa­re ogni gior­no la co­sa che ami è un pri­vi­le­gio as­so­lu­to! E lo di­co per­ché so co­sa vuol di­re sve­gliar­si al­le cin­que del mat­ti­no per an­da­re a la­vo­ra­re in fab­bri­ca. Uno co­me lei che ha fat­to l’ope­ra­io e la ga­vet­ta, non si ar­rab­bia di fron­te ai tan­ti rac­co­man­da­ti e sen­za ta­len­to che po­po­la­no il mon­do del­la tv? Se so­no lì un mo­ti­vo giu­sto o sba­glia­to c’è. La ve­ri­tà è che se hai le ca­pa­ci­tà vai avan­ti, al­tri­men­ti ine­vi­ta­bil­men­te spa­ri­sci. E lei quan­do ha ca­pi­to di aver­ce­la fat­ta? Io ho pau­ra di spa­ri­re an­co­ra ades­so! Cre­do in quel­lo che fac­cio, ma ho sem­pre bi­so­gno di gra­ti­fi­ca­zio­ni da par­te di per­so­ne com­pe­ten­ti che ap­prez­za­no il mio la­vo­ro. Se nel 1998 l’al­lo­ra di­ret­to­re di Rai Due Car­lo Frec­ce­ro non fos­se sta­to co­sì lun­gi­mi­ran­te (o paz­zo!) da per­met­te­re a me re­gi­sta sco­no­sciu­to di di­ri­ge­re in di­ret­ta 17 te­le­ca­me­re al­lo Sta­dio Olim­pi­co per il tour di Ba­glio­ni non sa­rei mai ar­ri­va­to a fa­re quat­tro edi­zio­ni del Un al­tro col­po di for­tu­na! Sì, ma re­sto schi­fo­sa­men­te umi­le, ho an­co­ra un sac­co di co­se da im­pa­ra­re. Ci so­no mo­men­ti in cui mi sen­to co­me den­tro una stan­za che si sta riem­pien­do sem­pre più di ac­qua: una vol­ta che sa­rà ar­ri­va­ta al sof­fit­to o lo sfon­do e sal­go op­pu­re an­ne­go... Ma fin­ché avrò que­sta paz­zia che mi muo­ve den­tro non ho in­ten­zio­ne di fer­mar­mi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.