LE­ZIO­NI DI VI­TA (EXTRACONIUGALE) Per sin­gle che so­gna­no di spo­sar­si. Con un uo­mo già spo­sa­to

Corriere della Sera - Io Donna - - Momento Divino - Un Racconto - Di Ca­mil­la Ba­re­sa­ni

uan­do una don­na si tro­va sin­gle a una cer­ta età - di­cia­mo tra i tren­ta e i qua­ran­ta -, è qua­si ine­vi­ta­bi­le che in­cap­pi in una re­la­zio­ne con un uo­mo spo­sa­to. No­no­stan­te i buo­ni pro­po­si­ti e tut­ti gli “a me non suc­ce­de­rà” del mon­do, pro­nun­cia­ti do­po aver ascol­ta­to de­ci­ne di sto­rie sul­le av­vi­len­ti fru­stra­zio­ni de­gli amo­ri clan­de­sti­ni, qua­si tut­te ci ca­sca­no a ca­po­fit­to. Il cor­re­do è no­to: va dall’«è so­lo una sto­riel­la, non mi in­na­mo­re­rò», all’«era­va­mo pre­de­sti­na­ti, mi ha det­to che la­sce­rà la mo­glie». Con il con­tor­no del co­ro del­le ami­che, fat­to di «la­scia­lo, non ve­di che il fi­ne set­ti­ma­na sei sem­pre so­la? La mo­glie non gli per­met­te­rà di an­dar­se­ne». Ma la sin­gle in­na­mo­ra­ta ri­ba­di­rà che lui ha giu­ra­to che sta per se­pa­rar­si, e si ri­pe­te­rà il so­li­to cli­ché che si pen­sa di po­ter in­fran­ge­re, il­lu­den­do­si di es­se­re l’ec­ce­zio­ne che con­fer­ma la re­go­la. E co­sì ar­ri­via­mo a ie­ri: sta­vo chiac­chie­ran­do con un’ami­ca in­na­mo­ra­ta di un uo­mo in via di se­pa­ra­zio­ne - co­sì di­ce Ca­ro­li­na -, e sor­seg­gia­va­mo uno spu­man­te dal pro­fu­mo di ma­gno­lia e gel­so­mi­no, de­ci­sa­men­te be­nau­gu­ran­te.

La sche­da di Ge­la­sio Gae­ta­ni d’Ara­go­na

Era­va­mo al ta­vo­lo di una trat­to­ria dei Col­li Eu­ga­nei, quan­do è so­prag­giun­to uno dei mi­glio­ri ami­ci del pa­dre del­la mia ami­ca. Il suo com­men­sa­le non era an­co­ra ar­ri­va­to, co­sì, nell’at­te­sa, si è se­du­to con noi. Lui, un ga­gà che pa­re fac­cia stra­ge di don­ne no­no­stan­te l’età, quan­do ha sa­pu­to che non so­no spo­sa­ta, ha pen­sa­to be­ne di dar­mi un’af­fet­tuo­sa le­zio­ne di vi­ta: «Stia at­ten­ta, si­gno­ri­na: si­cu­ra­men­te per­de­rà la te­sta per uo­mi­ni che non so­no li­be­ri. Ma vo­glio dir­le che un uo­mo non la­scia la mo­glie nean­che se lo ha an­no­ia­to, per­ché le mo­gli ser­vo­no per svi­gnar­se­la sia dai più de­te­sta­bi­li im­pe­gni for­ma­li, ti­po le inu­ti­li ce­ne azien­da­li di so­li ma­schi, sia per non im­pe­gnar­si con le aman­ti op­pres­si­ve (per esem­pio: “Non pos­so più ve­der­ti, mia mo­glie ha ten­ta­to il sui­ci­dio”)». In­som­ma, quel bel­lim­bu­sto dei Col­li Eu­ga­nei ha par­la­to a me ma le sue con­si­de­ra­zio­ni han­no col­pi­to la mia ami­ca. La co­sa più de­pre­ca­bi­le, pe­rò, è che si è be­vu­to tut­ta la no­stra bot­ti­glia di spu­man­te e, do­po la le­zio­ne di vi­ta extraconiugale, si è al­za­to sen­za nem­me­no pa­ga­re il con­to.

(l’in­ten­di­to­re)

Eli­sa Di­la­van­zo è sta­ta mia al­lie­va al Ma­ster in Scien­ze eno­ga­stro­no­mi­che pres­so le can­ti­ne di Gian­lu­ca e De­si­de­rio Bi­sol. Era la più bra­va, mol­to bel­la e ave­va già co­no­sciu­to il la­to gla­mour del­la vi­ta. Mo­da, te­le­vi­sio­ne, ci­ne­ma, viag­gi... ma poi (so­no pa­ro­le sue) «ho as­sag­gia­to il vi­no. E l’ani­ma, la boc­ca le ma­ni si so­no tin­te di ros­so». Ha rea­liz­za­to il suo so­gno e ha crea­to l’azien­da Ter­re del Pi­rio nel ver­san­te più a nord dei Col­li Eu­ga­nei, su ter­re­ni bian­chi cal­ca­rei do­ve si me­sco­la­no mar­ne e li­mo, da qui il no­me Mae­li. Il suo vi­no è ric­co di emo­zio­ni. Il co­lo­re è do­ra­to, re­so bril­lan­te da bol­li­ci­ne fi­ne e per­si­sten­ti. Al na­so spri­gio­na no­te flo­rea­li e quel­le frut­ta­te di li­mo­ne man­da­ri­no. Si ac­com­pa­gna a cro­sta­te di frut­ta, bi­scot­ti sec­chi e pic­co­la pa­stic­ce­ria, a 6/8 °C.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.