Pag, Croa­zia

Corriere della Sera - Io Donna - - Dove Andare Nuovi Approdi - Dan­ce bi­ke rou­te

Al­la fi ne de­gli an­ni ’80, la ri­dos­sa­ta spiag­gia di Zr­ce, ac­qua chia­ris­si­ma nell’am­pia ba­ia di Pag (croa­zia.hr, bo­ski­nac.com) l’iso­la che nel XV se­co­lo Ve­ne­zia ave­va for­tis­si­ma­men­te vo­lu­to per la va­sti­tà del­le sa­li­ne, era pra­ti­ca­men­te de­ser­ta. C’era un pic­co­lo chio­sco di bi­bi­te all’estre­mi­tà nord, sot­to i po­chi al­be­ri, do­ve una not­te, un po’ per scher­zo, si or­ga­niz­zò una fe­sta che at­ti­rò, a pie­di nu­di sul­la ghia­ia, un cen­ti­na­io di per­so­ne. Fu co­sì che un mo­de­sto chi­rin­gui­to si tra­sfor­mò in un bea­ch club di le­gno e roc­cia. Un ri­chia­mo di cui si so­no ac­cor­ti in mol­ti. Da My­ko­nos e Ibi­za è co­min­cia­to co­sì il pel­le­gri­nag­gio a Pag, la spiag­gia dell’Adria­ti­co. Il beat è in­ces­san­te in pie­na esta­te du­ran­te i più se­gui­ti fe­sti­val di mu­si­ca or­ga­niz­za­ti in­tor­no al­la cit­ta­di­na di No­va­l­ja. Usci­ti da quel cir­cui­to, l’iso­la sve­la la sua du­ris­si­ma bel­lez­za. A for­ma di gran­chio al­lun­ga­to, è for­te­men­te bat­tu­ta dal­la bo­ra d’in­ver­no. Sof­fian­do fi no a 200 km all’ora, il ven­to sol­le­va par­ti­cel­le di sa­le dal­la su­per­fi­cie del ca­na­le tra l’iso­la e la ter­ra fer­ma, al­ta e im­per­via a cau­sa dei mon­ti Ve­le­bit. Il che ren­de per lo più roc­cio­sa, brul­la e de­ser­ta la por­zio­ne orien­ta­le dell’iso­la. Nei co­sto­ni più ri­pa­ra­ti è cul­la di uli­vi e mac­chia mil­le­na­ri. Su tut­ta l’iso­la vi­vo­no inol­tre 40mi­la pe­co­re. In que­ste con­di­zio­ni estre­me bru­ca­no la mac­chia me­di­ter­ra­nea in­sa­po­ri­ta dal sa­le tra­spor­ta­to dal ven­to pro­du­cen­do lat­te, quin­di for­mag­gio, con que­sti aro­mi. L’in­di­riz­zo mi­glio­re per la not­te è la coun­try hou­se Bo­ški­nac, con una de­ci­na di ca­me­re tra le vi­gne. Fuo­ri sta­gio­ne è un al­tro mon­do. Ci so­no nu­me­ro­se se­gna­la­te, ster­ra­te o asfal­ta­te, non a uso esclu­si­vo del­le bi­ci­clet­te, per chi non si ac­con­ten­ta di un mo­ji­to con men­tuc­cia a chi­lo­me­tro ze­ro da sor­seg­gia­re vi­sta ma­re. Tra le più pa­no­ra­mi­che, la Stra­da Vec­chia per la cit­ta­di­na di Pag, una pi­sta bian­ca ta­glia­ta nel co­sto­ne cal­ca­reo, tra il ma­re e i mu­ret­ti a sec­co. Qui, un cip­po in mar­mo cin­to da un mu­ret­to a sec­co ad ar­co in­di­ca che pas­sa il 15° me­ri­dia­no est. Per un tuf­fo si va­da al­la spiag­gia di Ru­ci­ca, a Me­ta­j­na, det­ta an­che Ca­nyon per­ché si apre al ter­mi­ne di una val­la­ta ver­de tra due co­sto­ni di roc­cia cal­ca­rea.

Per­ché an­dar­ci: è senz’al­tro uno dei po­sti più spet­ta­co­la­ri del Me­di­ter­ra­no. Uni­sce, a se­con­da del­la di­re­zio­ne del­lo sguar­do, ac­qua chia­ris­si­ma, co­sto­ni al­pi­ni, geo­me­trie di mu­ret­ti a sec­co e un’oa­si ver­de di giun­chi, fi­chi e vi­gne­ti. Pag, ol­tre la mu­si­ca elet­tro­ni­ca.

Il por­tic­cio­lo di Pag e, sot­to, un sen­tie­ro dell’iso­la croa­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.