QUESTIONE DI IMMAGINI

Di Al­do Gras­so

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - Al­do Gras­so agras­so@cor­rie­re.it

LA ROBOTICA RIVOLUZI ON ERà IL MON­DO DEL LA­VO­RO

IN PO­SI­TI­VO? PARLIAMONE SUI O DON­NA.I T/ AUT H OR/

AL­DO GRAS­SO. LA RUBRICA TOR­NA IL 23 SET­TEM­BRE.

Un ro­bot di no­me Fu­tu­ro. Chis­sà, un gior­no que­sto ro­bot dal­le sem­bian­ze uma­noi­di che ve­de­te nella fo­to avrà an­che un co­gno­me. Di lui qual­cu­no for­se rac­con­te­rà vita, mor­te e mi­ra­co­li, de­scri­ve­rà sen­ti­men­ti e le­ga­mi amo­ro­si. O for­se no:d escri­ve­rà sol­tan­to le sue pre­sta­zio­ni. La cosa ve­ra è che i ro­bot so­no tra noi. Gli esper­ti so­no con­vin­ti che l’ in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le per­mee­rà ogni aspet­to del­la no­stra vita nel 2025. La sua dif­fu­sio­ne, in par­ti­co­la­re, si fa­rà sen­ti­re sul set­to­re del­la salute, dei tra­spor­ti, del­la lo­gi­sti­ca, dei ser­vi­zi ai con­su­ma­to­ri e del­la ma­nu­ten­zio­ne del­la ca­sa. Di re­cen­te, l’Onu ha ad­di­rit­tu­ra lan­cia­to un cam­pa­nel­lo d’ al­lar­me: i ro­bot so­sti­tui­ran­no il 66% del­le pro­fes­sio­ni.

Dob­bia­mo quin­di ave­re pau­ra dell’ar­ri­vo del­la robotica? Se­con­do di­ver­se ana­li­si non ne­ces­sa­ria­men­te si trat­te­rà di di­stru­zio­ne dip osti di­la­vo­ro,m adi t ras for­ma­zio­ne del­le pro­fes­sio­na­li­tà che po­treb­be an­che ri­por­ta­re a ca­sa al­cu­ne at­ti­vi­tà ne­gli scor­si an­ni de­lo­ca­liz­za­te, ol­trea mi­glio­ra­re i luo­ghi di la­vo­ro e l’im­pat­to am­bien­ta­le. Un esem­pio di que­sto cir­co­lo vir­tuo­so lo for­ni­sce Ama­zon:l’ azien­da diJef­fBe­zo­sn eg­li ul­ti­mi 3 an­ni ha au­men­ta­to da 1.400 a 15.000 il nu­me­ro di ro­bot nei pro­pri sta­bi­li­men­ti. Nel­lo stes­so pe­rio­do il tas­so­di cre­sci­ta del­le as­sun­zio­ni uma­ne è ri­ma­sto so­stan­zial­men­te in­va­ria­to e il nu­me ro­di di­pen­den­ti del co­los­so ame­ri­ca­no è pas­sa­to da 124.000 a 341.000. In tut­to il mon­do, si stan­no pro­get­tan­do ro­bot in gra­do di in­te­ra­gi­re con gli es­se­ri uma­ni: ro­bot che ci as­so­mi­glia­no, con ma­ni in gra­do di pren­de­re e usar eg­li og­get­ti. Ro­bot de­ri­va da“ro­bot a ”( la­vo­ro ), è il no­me con cui lo­scrit­tor ecèc oK ar el Ca­pek de­no­mi­na­va gli au­to­mi che la­vo­ra­no al po­sto de­gli ope­rai nel suo dram­ma fant asci enti fi­coR.ˇU.R.d el 1920. Il ro­bot era il nuo­vo ser­vo del­la gle­ba. Se­con­do il gran­de Isaac Asi­mov, «un ro­bot non può re­ca­re dan­no agli es­se­ri Uma­ni, né può per­met­te­re che, a cau­sa del suo man­ca­to in­ter­ven­to, gli es­se­ri Uma­ni ri­ce­va­no dan­no ». Il fat­to che una mac­chi­na­si a in gra­do di si­mu­la­re un com­por­ta­men­to in­tel­li­gen­te non si­gni­fi­ca che sia dav­ve­ro in­tel­li­gen­te. Tut­ta­via, pe­rK­lau­sS­ch­wab, ex e cu­ti ve­chair man de­lWorl­dEc on omi­cFo rum ,« c’ è il pe­ri­co­lo che­le tec­no­lo­gie ri­du­ca­no l’ oc­cu­pa­zio­ne a una ve­lo­ci­tà mag­gio­re ri­spet­to a quel­la con cui si crea­nuo­vo im­pie­go». Spe­ria­mo­so­lo­che ilFu­tu­ro, in­te­so­co­me­ro­bot, _ si ac­col­li le par­ti più mo­no­to­ne, no­io­se o pericolose del la­vo­ro e re­ga­li a noi quel­le più crea­ti­ve. In­sie­me a tan­to tempo li­be­ro.

I ro­bot dall’aspet­to uma­noi­de so­no de­sti­na­ti a so­sti­tuir­ci nella mag­gior par­te del­le pro­fes­sio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.