HO CHIU­SO CONILCINEMA

(ma for­se cam­bio idea...)

Corriere della Sera - Io Donna - - Gran Dame (Di Compagnia) - di An­drea D’Ad­dio fo­to di Jon Comp­son

Eroi­na ro­man­ti­ca in “Il pa­zien­te in­gle­se”, in­na­mo­ra­ta del ti­po sba­glia­to in “Quat­tro ma­tri­mo­ni e un fu­ne­ra­le”. Qua­le al­tro ruo­lo può de­si­de­ra­re que­sta gla­cia­le bel­lez­za in­gle­se? Per esem­pio, in­ter­pre­ta­re una mi­ni­stra (om­bra) la­bu­ri­sta o re­ci­ta­re nei pan­ni del­la MO­GLIE DI WINSTON CHUR­CHILL. Det­to, fat­to. Co­sì è tor­na­ta sul set. An­che se, giu­ra, non c’è nien­te di più lon­ta­no da lei del­la po­li­ti­ca: “Mai fat­to nem­me­no la rap­pre­sen­tan­te di clas­se”

o* MN DIF BNP di più so­no quel­li che, leg­gen­do­ne il co­pio­ne, mi fan­no pen­sa­re con pre­sun­zio­ne che sa­rei io l’at­tri­ce per­fet­ta per la par­te”

Mi so­no stan­ca­ta­del ci­ne­ma. La vi­ta è trop­po bre­ve per per­de­re tem­po con pel­li­co­le che han­no bi­so­gno di me più di quan­to io ab­bia bi­so­gno di lo­ro. Da ora in poi fa­rò so­lo film in cui cre­do mol­tis­si­mo».

So­no pas­sa­ti tre an­ni da quan­do Kristin Scott Tho­mas, ora 57en­ne, an­nun­ciò il suo (qua­si) ri­ti­ro dal­le sce­ne. Per ven­ti­quat­tro me­si ha man­te­nu­to la pa­ro­la. Da­van­ti al­la macchina da pre­sa non ha fat­to nul­la, o qua­si .« Po imi son osta­te pro­po­ste due sce­neg­gia­tu­re cui non ho po­tu­to di­re di no» ci ri­ve­la con to­no pa­ca­to, ma fer­mo, sce­vro da qual­sia­si bo­na­rio sor­ri­so au­to-in­dul­gen­te, te­nen­do fer­mi su di noi quei gran­di oc­chi az­zur­ri che le han­no­per­mes­so di es­se­re de­fi­ni­ta dal quo­ti­dia­no

TheGuar­dian «un­per­fet­to esem­pio di gla­cia­le bel­lez­za in­gle­se».

I due fil­m­di cui par­la so­no la black co­me­dy The Par­ty di Sal­ly Pot­ter e il dram­ma sto­ri­co L’ora più buia, in cui è la mo­glie di Winston Chur­chill, en­tram­bi in usci­ta tra au­tun­no e in­ver­no. Non è fi­ni­ta qui pe­rò. All’ oriz­zon­te c’ è an­che il suo pri­mo film da re­gi­sta. Si in­ti­to­la The Sea

Chan­ge, è trat­to dall’omo­ni­mo ro­man­zo di Eli­za­be­th Ja­ne Ho­ward del 1959 e rac­con­ta del viag­gio in Gre­cia di una vec­chia cop­pia in cri­si( apag.141,l’ in­ter­vi­sta ad Ar­te mis Coo­per, au­tri­ce del­la bio­gra­fia di Ho­ward). «Una man­cia­ta di at­to­ri, un’uni­ca lo­ca­tion, po­che set­ti­ma­ne per gi­ra­re e una pic­co­la trou­pe: a vol­te pen­so che ave­re un grup­po di la­vo­ro ri­dot­to sia ne­ces­sa­rio per ti­ra­re­fuo­ri il­me­glio­da tut­ti». So­no le stes­se pre­mes­se che l’ han­no spin­ta ada cc et ta­reT­he Par­ty, pic­co­lo film, ma con ca­st su­per( Ti­mo­thy Spall, Cil­lia­nMur­phy, Emi­lyMor­ti­mer e Bru­no Ganz), sto­ria di un’in­ti­ma­fe­sta tra ami­ci per ce­le­bra­re la no­mi­na del suo per­so­nag­gio a“mi­ni­stra om­bra” del­la sa­lu­te pe­ri la­bu­ri­sti­che si tra­sfor­ma in un“gran­de fred­do” all’ in­gle­se pie­no di col­pi di sce­na. «Di­re che mi so­no tro­va­ta be­ne sul set sa­reb­be ba­na­le. Chi par­la ma ima le­dei suoi col­le­ghi du­ran­te la pro­mo­zio­ne di un film? Pe­rò è an­da­ta co­sì. A vol­te la ve­ri­tà è an­che ba­na­le». Ogni ri­spo­sta è l’oc­ca­sio­ne per un afo­ri­sma, qua­si che si sia stan­ca­ta non so­lo del ci­ne­ma, ma an­che di pa­ro­le det­te più per con­ven­zio­ne che per con­vin­zio­ne. Ema­na ca­ri­sma, ma an­che un piz­zi­co di sog­ge­zio­ne, Kristin Scott Tho­mas. Qual­che me­se fa ha in­ter­pre­ta­to un cor­to­me­trag­gio di quat­tro mi­nu­ti su co­me i pa­ven­ta­ti ef­fet­ti po­si­ti­vi del­la Bre­xit si stia­no ri­ve­lan­do una bu­gia. No­nè­la­pri­ma vol­ta che si espri­me aper­ta­men­te su que­stio­ni di­stret­ta at­tua­li­tà: a ini­zio 2016 fu una del­le fir­ma­ta­rie dell’ ap-

“Ben ven­ga­no le pau­se se poi si è più lu­ci­di per ca­pi­re do­ve in­di­riz­za­re la pro­pria vi­ta. E cercare di go­der­se­la il più pos­si­bi­le”

pel­lo a Da­vid Ca­me­ron per as­si­ste­re i bam­bi­ni ri­chie­den­ti asi­lo giun­ti in con­di­zio­ni di­spe­ra­te aCa­lais. Mai pen­sa­to di dar­si al­la po­li­ti­ca? Non ho­nean che­mai fat­to il rap­pre­sen­tan­te di clas­se a scuo­la. Sem­bre­rà un pa­ra­dos­so per un’at­tri­ce, ma mi pia­ce­reb­be es­se­re in­vi­si­bi­le. Ha­pau­ra del­la po­po­la­ri­tà? Ne so­no un po’ an­no­ia­ta. Non mi pia­ce che pos­sa es­se­re vi­sta co­me un mo­del­lo com­por­ta­men­ta­le. Non che fac­cia mai qual­co­sa di ec­ce­zio­na­le e de­gno d’ at­ten­zio­ne, ma vor­rei po­ter­mi espri­me­re co­me ar­ti­sta so­lo at­tra­ver­so i pro­get­ti che scel­go. Che co­sa ha pen­sa­to quan­do Dav id Ca­me­ron ha in­det­to il re­fe­ren­dum sul­la Bre­xit? Che fos­se un pes­si­mo gior­no, ma no ne­ro co­sì pes­si­mi­sta sul ri­sul­ta­to. Un tem­po sem­bra che ab­bia det­to di sen­tir­si più fran­ce­se che in­gle­se... For­se nel mo­do di pen­sa­re: ho­vis­su- to a Pa­ri­gi per 35 an­ni e i miei fi­gli so­no per me­tà fran­ce­si( è sta­ta spo­sa­ta per 17 an­ni con il­lu­mi­na­re del­la gi­ne­co­lo­gia Fra­nçois Oli­venn es, poi il di­vor­zion el 2005, ndr), io­stes­sa ho la dop­pia cit­ta­di­nan­za, ma la Bre­xit ri­guar­da tut­ta l’Eu­ro­pa e gli eu­ro­pei, non so­lo i bri­tan­ni­ci. Co­me fu­ro­no all’ epo­ca i suoi pri­mi an­ni aPa­ri­gi? Ave­vo la­scia­to Lon­dra per­ché ave­vo la sen­sa­zio­ne che ri­ma­nen­do non avrei mai pro­va­to dav­ve­ro a di­ven­ta­re at­tri­ce. A Pa­ri­gi tro­vai la­vo­ro­co me ra­gaz­za al­la pa­ri per una cop­pia di can­tan­ti di ope­ra li­ri­ca, ma do­po po co­mi re­si con­to che sta­vo per­den­do di vi­sta il mio obiet­ti­vo. Mi fe­ci co­rag­gio e pro­vai ad en­tra­re all’Eco­le Na­tio­na­le Su­pé­rieu­re des Arts et Tech­ni­ques du Théâ­tre. Fu l’ini­zio del­la mia car­rie­ra. Che par­tì pro­prio in Francia a 24 an­ni… Con una par­te nel la­ser ietv sul com­mis­sa­rio Mai­gr et in­ter­pre­ta­to daJea­nRic hard. Re­ci­tai in fran­ce­se ... Con­ti­nua a dop­pia­re lei in fran­ce­se i film­che re­ci­ta in in­gle­se? Se­me­lo chie­do­no sì. Ha 33 an­ni di car­rie­ra al­le spal­le, qua­li i film cui è più af­fe­zio­na­ta? Ce­ne so­no al­cu­ni che men­tren eleg­ge­vo i co­pio­ni pen­sa­vo con pre­sun­zio­ne che sa­rei sta­ta l’ at­tri­ce per­fet­ta per­la par­te. È ca­pi­ta­to pro­prio co­ni film di mag­gio­re suc­ces­so che ab­bia­mai gi­ra­to co­me Quat­tro­ma

tri­mo­ni e un fu­ne­ra­le (era Fio­na, l’ami­ca se­gre­ta­men­te in­na­mo­ra­ta di Hu­gh Grant, ndr) e con Il pa­zien

te in­gle­se (per il qua­le ri­ce­vet­te un Gol­den Glo­be e la can­di­da­tu­ra agli Oscar, ndr). Spe­ro la sto­ria si ri­pe­ta con The Par­ty. Il suc­ces­so di un film fa ve­nir evo­glia di far­ne di più? L’adre­na­li­na con­ta­mol­tis­si­mo, ma più che il buon esi­to di una pel­li­co­la con­ta la gen­te che­hai in­tor­no­men­tre lo gi­ri. Il di­scor­so pe­rò va­le per tut­to, non so­lo per il la­vo­ro. Al­lo­ra ben ven­ga­no le pau­se se poi si è più lu­ci­di per ca­pi­re do­ve in­di­riz­za­re la pro­pria vi­ta. E cercare di go­der­se­la il più pos­si­bi­le.

Kristin Scott Tho­mas,

57 an­ni. L’at­tri­ce bri­tan­ni­ca è sta­ta spo­sa­ta dall’87 al 2005 al me­di­co fran­ce­se Fra­nçois OMiWen­nes )Bn­nP Ure HMi

Il 2018 sa­rà l’an­no del de­but­to al­la re­gia di Kristin Scott Tho­mas con il dram­ma The Sea Chan­ge, da lei in­ter­pre­ta­to con Mark Strong e Anya Tay­lor-Joy.

Qui so­pra, Kristin Scott Tho­mas, a si­ni­stra, con Bru­no Ganz e, sul­lo sfon­do, Pa­tri­cia Clark­son in una sce­na di The Par­ty di Sal­ly Pot­ter. In al­to, con Ga­ry Old­man-Wi­ston Chur­chill in L’ora più buia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.