COM’è SE­XY AVE­RE UNAMANTE (DI CAR­TA)

Corriere della Sera - Io Donna - - Oroscopo - Le no­stre ani­me di not­te. Ba­bi­lo­nia

Fio­re con­si­glia­to:

Hyd ran­ge ama­cro­phyl la Ro­man­ce.

Or­ten­sia a fio­ri dop­pi mol­to lar­ghi co­lor ro­sa in­ten­so

Che bel­lo og­gi ho sco­per­to che so­no una let­tri­ce li­be­ra. Me l’ ha ri­ve­la­to Ales­san­dro Pi­per­no nel­la sua ul­ti­ma rac­col­ta di sag­gi che s’in­ti­to­la ap­pun­to: Il ma­ni­fe­sto del li­be­ro let­to­re. Ot­to scrit­to­ri di cui non so fa­re ame­no. Li­bro go­di­bi­lis­si­mo per chi an­co­ra è af­fa­sci­na­to dal ma­gi­co po­te­re del­la let­tu­ra e non può fa rea­me­no­di ac­com­pa­gnar­si a que­sti ami­ci car­ta­cei che per for­tu­na so­no an­co­ra in ven­di­ta nei ne­go­zi in­sie­me a tan­ti al­tri gad­get che spes­so fan­no il ve­ro fat­tu­ra­to del­le vec­chie li­bre­rie.

Pi­per­no elo­gia il let­to­re che« si la­scia gui­da­re dal ca­pric­cio, dal­la se­te e dal­la ne­ces­si­tà» esi ci ba­di tut­to sen­za ver­go­gnar­si di as­sa­po­ra­re bas­sa let­te­ra­tu­ra e be­st-sel­ler snob­ba­ti dal­le ac­ca­de­mie.

Fi­nal­men­te un li­bro che rap­pre­sen­ta una ve­ra li­be­ra­zio­ne dai sen­si di col­pa che at­ta­na­glia­no chi non ha an­cor alet­to l’ Ulis­se di Joy­ce ema­ga­ri al suo po­sto ha di­vo­ra­to col­pe­vol­men­te tut­to Dan Bro­wn. Per­ché il li­be­ro let­to­re è« il tip oche im­mer­gen­do­si in un’ ora di nar­ra­ti­va non sta lì ad in­ter­ro­gar­si sul­lo spa­zi oche es­sa oc­cu­pa nel­la sto­ria let­te­ra­ria », ma leg­ge per pu­ro di­let­to, per il pia­ce­re an­che fi­si­co ol­tre che in­tel­let­tua­le che que­sta at­ti­vi­tà com­por­ta. Ev­vi­va so­no d’ ac­cor­do! An­che se poi i ca­po­la­vo­ri ri­man­go­no sem­pre i ca­po­la­vo­ri ma, co­me ci sug­ge­ri­sce Pi­per­no, è dif­fi­ci­le sta­bi­li­re re­go­le e ca­no­ni, me­glio la­scia­re que­ste in­com­ben­ze ai cri­ti­ci di pro­fes­sio­ne che si im­mo­la­no per­la cau­sa e go­der­ci il pu­ro pia­ce­re del­la let­tu­ra con­si­de­ran­do­la qua­si al la­stre gua­di un vi­zio pri­va­to: una pic­co­la dro­ga quo­ti­dia­na di cui­non­si può fa­re ame­no. Sa­rà ca­pi­ta­to an­che a voi di fre­me­re in com­pa­gnia di fi­dan­za­ti un­po’ no­io­set­ti e di­non­ve­de­re l’ora­di riab­brac­cia­re il ro­man­zo che vi aspet­ta sul co­mo­di­no co­me un aman­te pa­zien­te e di­scre­to.

For­se la let­tu­ra nel no­stro Pae­se an­dreb­be pro­mos­sa pro­prio in que­sti ter­mi­ni ero­ti­ci e sen­sua­li, o co­me un an­ti­do­to con­tro la so­li­tu­di­ne per­ché gli ami­ci che ci fac­cia­mo­ne i ro­man­zi so­no spes­so piùin­te­res­san­ti di quel­li che con­qui­stia­mo suFa­ce­book. Lo­di­ce an­che la scrit­tri­ce Eli­za­be­th Strout che co­me let­tri­ce af­fer­ma di aver tro­va­to ami­ci fan­ta­sti­ci nei li­bri che ha let­to: «Que­ste per­so­ne in­ven­ta­te pos­so­no sem­brar­ci tan­to rea­li quan­to quel­le tra cui cam­mi­nia­mo, che ci per­do­na­no co­me noi per­do­nia­mo lo­ro».

Io per esem­pio so­no ami­ca per­so­na­le diMrs Dal­lo­way e va­do spes­so a com­pra­re dei fio­ri con lei, poi ho avu­to un ap­par­ta­men­ti­no nel pa­laz­zo del­la pe­ri­fe­ria di Pa­ri­gi de­scrit­ta in da Ya­smi­na Re­zaean che se ho vi­sto il ca­da­ve­re usci­re dall’ascen­so­re non ho par­la­to con la po­li­zia per­ché ero ami­ca diJea n-Li­no che con tut­ti i suoi di­fet­ti è un ti­po a po­sto, ve­lo di­co i oche l’ ho co­no­sciu­to be­ne. Per non par­la­re di quan­do ho vis­su­to per qual­che gior­noaHolt in Co­lo­ra­do e ho ti­fa­to per­la te­ner asto­ria di Ad di e e Louis di Enon sa­pe­te quan­te vol­te gli ho det­to di non dar eret­ta a quell’ odio­so fi­gli oman on c’ è sta­to nien­te da fa­re; d’al­tron­de per quan­to si spro­fon­di in un ro­man­zo non si rie­sce an­co­ra a far­si ascol­ta­re dai per­so­nag­gi. Ma for­se è so­lo que­stio­ne di tem­po, vi sa­prò di­re.

Se­re­na Dan­di­ni il pa­ne e le ro­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.