Maschile o fem­mi­ni­le?

Corriere della Sera - Io Donna - - Da Prima Pagina -

Quan­do qual­cu­no mi chie­de per­ché mi fir­mo “di­ret­tri­ce”, mi pia­ce ri­spon­de­re, fa­cen­do la mi­ste­rio­sa: “Per­ché, non si ve­de?”. Se mi scru­ta­no con aria an­co­ra più in­ter­ro­ga­ti­va, pro­se­guo: “Non ho i baf­fi, mi pa­re”. Se lo scon­cer­to cre­sce, spie­go: “So­no una fem­mi­na, spe­ra­vo si ve­des­se”. E poi sor­ri­do un po’, giu­sto per sdram­ma­tiz­za­re.

Non so­no sem­pre sta­ta di­ret­tri­ce. Per lun­go tem­po so­no sta­ta, co­me mol­te di noi, “di­ret­to­re”. Poi un bel gior­no una pro­fes­so­res­sa di ita­lia­no mi ha scrit­to ri­cor­dan­do­mi che, nel­la no­stra bel­la lin­gua, i ge­ne­ri esi­sto­no e non con­cor­da­re ge­ne­re e de­si­nen­za non è so­lo far­le un tor­to, ma an­che com­met­te­re un er­ro­re di gram­ma­ti­ca. So­no di­ven­ta­ta all’istan­te di­ret­tri­ce e da al­lo­ra fac­cio pro­pa­gan­da, gar­ba­ta­men­te, sen­za ec­ces­si ma con con­vin­zio­ne, all’idea sem­pli­ce che quan­do cam­bia la so­cie­tà, è nor­ma­le che le pa­ro­le cam­bi­no.

È co­sì che le lin­gue si evol­vo­no: mio non­no da­va del voi a sua ma­dre, du­ran­te il fa­sci­smo il “lei” era vie­ta­to, og­gi si dà del “tu”, all’ame­ri­ca­na, un po’ a tut­ti. Se le don­ne so­no ar­ri­va­te a in­tra­pren­de­re pro­fes­sio­ni che pri­ma era­no de­gli uo­mi­ni, è nor­ma­le che la lin­gua si ade­gui. Non c’è da stu­pir­si. Se qual­cu­no obiet­ta “suo­na ma­le”, “è ca­co­fo­ni­co” è so­lo per­ché si trat­ta di pa­ro­le a cui non sia­mo an­co­ra abi­tua­ti. Se qual­cu­no di­ce, peg­gio an­co­ra, “è me­no au­to­re­vo­le”, mi sen­to in do­ve­re di met­ter­lo in guar­dia: aiu­to, che au­to­gol! Ma co­me, con tut­te le bat­ta­glie fat­te per ot­te­ner­lo, quel po­sto, poi ci sa­bo­tia­mo da so­le? Ma­quel­la­che­mi­la­scia­sem­pre­più­per­ples­sa èla po­si­zio­ne dei “be­nal­tri­sti”, quel­li che ta­glia­no cor­to con “ci so­no ben al­tri pro­ble­mi”. Cer­to: esi­sto­no un sac­co di pro­ble­mi ben più gra­vi e ben più ur­gen­ti. Ma il bel­lo dei pic­co­li pro­ble­mi è che ri­chie­do­no pic­co­le soluzioni. Si ri­sol­vo­no su­bi­to. È per que­sto che, nel pie­no ri­spet­to del­le re­go­le del­la gram­ma­ti­ca ita­lia­na e at­te­nen­do­mi al ses­so che esi­bi­sco sui miei do­cu­men­ti d’iden­ti­tà e in cui og­gi an­co­ra mi ri­co­no­sco, sen­to di es­se­re nel giu­sto di­chia­ran­do­mi “di­ret­tri­ce”. E ag­giun­go, or­go­glio­sa: vi­va il fem­mi­ni­le!

Si di­ce mi­ni­stro o mi­ni­stra? La po­le­mi­ca è tor­na­ta d’at­tua­li­tà con la no­mi­na del­le 5 don­ne (su 18 mi­ni­stri in tut­to) scel­te da Giu­sep­pe Con­te per fa­re par­te del suo go­ver­no (fo­to so­pra): ab­bia­mo chie­sto a lo­ro co­me vo­glio­no far­si chia­ma­re nell’ar­ti­co­lo a pag. 115.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.