Il Ro­man­ti­ci­smo ita­lia­no è in­gle­se

Clas­si­ci/1 Esce il pri­mo vo­lu­me dell’opera di Per­cy Bys­she Shel­ley, edi­zio­ne che si an­nun­cia co­me la più com­ple­ta in as­so­lu­to: c’è an­che la tra­du­zio­ne di un «Sag­gio in ver­si» da po­co ri­sco­per­to. Pro­ta­go­ni­sti la no­stra cul­tu­ra e il no­stro Pae­se

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri - Di RO­BER­TO GALAVERNI

Ama­va com­por­re all’aper­to, sot­to la vol­ta del cie­lo, Per­cy Bys­she Shel­ley, ma­ga­ri stan­do­se­ne sul­la sua bar­ca or­meg­gia­ta in qual­che por­to tir­re­ni­co. È ve­ro in­fat­ti che per la par­te più con­si­sten­te, e di gran lun­ga più im­por­tan­te, del­la sua opera in ver­si, quel­lo di Shel­ley è sta­to un cie­lo ita­lia­no. Con la fa­mi­glia era ve­nu­to dall’In­ghil­ter­ra in Ita­lia nel 1818, per ri­ma­ner­vi inin­ter­rot­ta­men­te fi­no al­la mor­te, av­ve­nu­ta nel 1822 pro­prio per il nau­fra­gio del suo ama­to va­scel­lo non lon­ta­no da Via­reg­gio. «Di­ste­si le mie stan­che mem­bra sot­to il ra­mo ca­nu­to// che un an­ti­co ca­sta­gno slan­cia­va di tra­ver­so/ al pen­dio di un ver­de Ap­pen­ni­no: da­van­ti a me fug­gi­va/ la not­te; die­tro di me sor­ge­va il gior­no; il Ma­re/ / era ai miei pie­di, e il Cie­lo so­pra la mia te­sta»: so­no ver­si del Trionfo del­la vi­ta, la vi­sio­ne poe­ti­ca ri­ma­sta in­com­piu­ta che per mol­ti rap­pre­sen­ta co­mun­que il suo ca­po­la­vo­ro. Ba­sta for­se que­sto per sug­ge­ri­re quan­to il pae­sag­gio, la let­te­ra­tu­ra, più in ge­ne­re la cul­tu­ra ita­lia­na, sia­no im­pli­ca­te con la sua poe­sia, e di con­se­guen­za qua­le ri­lie­vo pos­sa ave­re la pub­bli­ca­zio­ne del­le sue Ope­re poe­ti­che nei«Me­ri­dia­ni» di Mon­da­do­ri. Pen­san­do an­che al­la lun­ga per­ma­nen­za in Ita­lia di Lord By­ron (ma non a John Kea­ts, che pu­re in Ita­lia mo­rì), si po­treb­be di­re, cer­to con un pa­ra­dos­so, che una par­te del no­stro in­cer­to ro­man­ti­ci­smo sia sta­ta scrit­ta in in­gle­se.

Cu­ra­te mol­to be­ne da Fran­ce­sco Ro­gno­ni, que­ste Ope­re poe­ti­che co­sti­tui­sco­no il pri­mo tem­po di un’edi­zio­ne con­ce­pi­ta in due vo­lu­mi. È pre­vi­sta in­fat­ti l’usci­ta an­che di una se­con­da sil­lo­ge, in­ti­to­la­ta Tea­tro, pro­se e let­te­re, e com­pren­si­va dun­que di quel­la Di­fe­sa del­la poe­sia (1821) che con­tie­ne l’af­fer­ma­zio­ne for­se più di­scus­sa del­la let­te­ra­tu­ra de­gli ul­ti­mi due se­co­li: «I poe­ti so­no i non ri­co­no­sciu­ti le­gi­sla­to­ri del mon­do». Co­me pre­ci­sa Ro­gno­ni, «l’im­pian­to ge­ne­ra­le dell’opera è ra­di­cal­men­te mu­ta­to» ri­spet­to all’edi­zio­ne shel­leya­na che ave­va cu­ra­to nel 1995 per la «Bi­blio­te­ca del­la Pléia­de» (Ei­nau­di-Gal­li­mard). In par­ti­co­la­re, il pre­sen­te vo­lu­me com­pren­de un nu­me­ro co­spi­cuo di te­sti pri­ma non con­si­de­ra­ti, tra cui so­prat­tut­to il Sag­gio in ver­si sul­lo sta­to at­tua­le del­le co­se (1811), ri­sco­per­to da po­co e fi­no­ra ine­di­to nel no­stro Pae­se. Un’edi­zio­ne im­por­tan­te e me­ri­te­vo­le che, quan­do com­piu­ta, of­fri­rà «la scel­ta più am­pia dell’opera di Shel­ley mai pub­bli­ca­ta non so­lo in Ita­lia, ma an­che nei Pae­si di lin­gua in­gle­se».

Nell’ul­ti­mo se­co­lo le quo­ta­zio­ni cri­ti­che di Shel­ley han­no rap­pre­sen­ta­to un po’ l’in­di­ce di Bor­sa com­ples­si­vo del Ro­man­ti­ci­smo. Nel­la pri­ma me­tà del No­ve­cen­to, so­prat­tut­to at­tor­no agli an­ni Tren­ta, so­no sce­se in­cre­di­bil­men­te in bas­so. Se in no­me dell’im­per­so­na­li­tà, dell’og­get­ti­vi­tà, del­la con­cen­tra­zio­ne espres­si­va, del clas­si­ci­smo for­ma­le, il No­ve­cen­to, o al­me­no una sua cor­ren­te fon­da­men­ta­le, ha ri­co­no­sciu­to sé stes­so pren­den­do le di­stan­ze dal Ro­man­ti­ci­smo, Shel­ley, che è sta­to il più im­ma­gi­na­ti­vo e at­mo­sfe­ri­co di quel grup­po for­mi­da­bi­le di poe­ti in­gle­si, non po­te­va non di­ven­ta­re una spe­cie di agnel­lo sa­cri­fi­ca­le. Pound e Eliot lo de­te­sta­va­no. Ri­spet­to al mo­del­lo al­lo­ra ri­sco­per­to dei poe­ti me­ta­fi­si­ci, Shel­ley ap­pa­ri­va al­lo­ra co­me un con­den­sa­to di mal­co­stu­mi poe­ti­ci: li­be­ra im­ma­gi­na­ti­va, pro­lis­si­tà, sen­ti­men­ta­li­smo, idea­li­smo, astrat­tez­za, scar­so sen­so e, di con­se­guen­za, scar­sa pre­sa di real­tà. Del re­sto già qual­che an­no pri­ma, Wal­ter Be­n­ja­min, che pu­re ap­prez­za­va la poe­sia di Shel­ley per la sua par­ti­co­la­re ca­ra­tu­ra al­le­go­ri­ca, di con­tro all’idea di re­den­zio­ne so­ste­nu­ta dall’este­ti­ca ro­man­ti­ca ave­va in­di­ca­to qua­le con­san­gui­neo dell’uo­mo con­tem­po­ra­neo il Sei­cen­to, il se­co­lo del Ba­roc­co, del­le ro­vi­ne e dell’al­le­go­ria, dell’in­di­vi­duo di­vi­so, ir­ri­sol­to, di­se­re­da­to. Nel se­con­do No­ve­cen­to tut­ta­via le co­se so­no pro­gres­si­va­men­te cam­bia­te, il giu­di­zio nel com­ples­so si è più che rie­qui­li­bra­to, e cri­ti­ci co­me Ha­rold Bloom o poe­ti co­me De­rek Wal­cott e Sea­mus Hea­ney han­no po­tu­to in­stau­ra­re un rap­por­to con la poe­sia ro­man­ti­ca, e dun­que an­che con Shel­ley, as­so­lu­ta­men­te fe­con­do.

In ogni caso, ci tro­via­mo già al pun­to. Qua­le ti­po di pre­sa di real­tà pos­sie­de an­zi­tut­to que­sto poe­ta, che ha po­sto al cen­tro del suo la­vo­ro di scrit­to­re i gran­di te­mi dell’amo­re, del­la poe­sia, del tem­po, dell’au­to­co­scien­za, del­la li­ber­tà dell’uo­mo dai vin­co­li del de­sti­no, ma an­che del per­do­no e del­la pa­ce, del­la con­cor­dia tra gli uo­mi­ni? Det­to per in­ci­so, quan­to a que­sto bi­so­gna sem­pre ri­cor­dar­ne la fie­ra pas­sio­ne de­mo­cra­ti­ca e la mai rin­ne­ga­ta pro­fes­sio­ne d’atei­smo (fu espul­so da Ox­ford per que­sto). Una del­le sue ope­re più riu­sci­te, com­po­sta an­che que­sta in Ita­lia, è non a caso il dram­ma li­ri­co Pro­me­teo in­ca­te­na­to. Tor­nia­mo pe­rò al no­do al cui ri­guar­do ha vi­sto be­nis­si­mo Ro­gno­ni, quan­do scri­ve che no­no­stan­te la sua in­na­ta, na­tu­ra­le di­spo­si­zio­ne poe­ti­ca, «Shel­ley non ha scrit­to una lirica im­por­tan­te che non sia an­che or­ga­niz­za­ta in­tel­let­tual­men­te, ar­go­men­ta­ta, spes­so qua­si sil­lo­gi­sti­ca nel suo svi­lup­po (per quan­to bre­ve) e nel­la sua ar­ti­co­la­zio­ne».

Di fat­to, que­sto poe­ta non è in­te­res­sa­to al­la fis­sa­zio­ne del­la co­sa in sé, quan­to in­ve­ce al mo­vi­men­to, al­la vi­cis­si­tu­di­ne del pen­sie­ro, che spes­so è un au­ten­ti­co com­bat­ti­men­to, nel suo in­con­tro con le sin­go­le spe­ci­fi­ca­zio­ni e fi­gu­re del­la no­stra vi­ta. È il mo­vi­men­to del­la men­te, è la ca­pa­ci­tà di cre­sci­ta dell’im­ma­gi­na­zio­ne — una cre­sci­ta che è tutt’uno con il ri­tro­va­men­to del­la sua mi­su­ra — la ve­ra real­tà su cui fa pre­sa il suo di­scor­so poe­ti­co, che di con­se­guen­za sta sem­pre un po’ pri­ma o un po’ do­po la fis­si­tà dell’og­get­to. Quan­do è al suo me­glio, que­sta ten­sio­ne e que­sta pre­sen­za si av­ver­to­no sem­pre: «I pe­ta­li di ro­sa, quan­do la ro­sa è mor­ta,/ so­no ac­cu­mu­la­ti per il let­to dell’ama­ta;/ co­sì sui tuoi pen­sie­ri, quan­do più non sa­rai,/ Amo­re stes­so s’as­so­pi­rà».

Shel­ley è dun­que un poe­ta ca­pa­ce di por­ta­re e sop­por­ta­re le con­trad­di­zio­ni, gli at­tri­ti, le an­ti­no­mie. Si era nu­tri­to non a caso dei dia­lo­ghi pla­to­ni­ci, di cui era an­che un au­to­re­vo­lis­si­mo tra­dut­to­re in in­gle­se. Mi­chail Ba­ch­tin, il gran­de teo­ri­co del­la let­te­ra­tu­ra rus­so, so­ste­ne­va che il ro­man­zo è un ge­ne­re so­cra­ti­co. Ed è cer­to ve­ro. Ma è al­tret­tan­to ve­ro che nell’opera in ver­si di Shel­ley que­sta in­trin­se­ca vo­ca­zio­ne dia­lo­gi­ca, con tut­to il dram­ma del­la co­no­scen­za (e del­la co­scien­za) che por­ta con sé, ap­pa­re pie­na­men­te espres­sa. La sua ca­pa­ci­tà di de­ter­mi­na­re que­sto tra­git­to, che non sem­pre è un in­con­tro, tra gli op­po­sti, ha in cer­ti ca­si qual­co­sa di stu­pe­fa­cen­te. Non a caso ha sa­pu­to met­te­re a frut­to, dav­ve­ro co­me po­chis­si­mi al­tri, il re­tag­gio del­la Com­me­dia dan­te­sca, sen­ten­do ap­pie­no il va­lo­re non sta­ti­co ben­sì di­na­mi­co, sem­pre in di­ve­ni­re, dell’espe­rien­za uma­na. Com­men­tan­do Il trionfo del­la

vi­ta, scrit­to tut­to in ter­za ri­ma, an­che Eliot do­vet­te ri­co­no­scer­lo: «Per una na­tu­ra­le af­fi­ni­tà con l’im­ma­gi­na­zio­ne poe­ti­ca di Dan­te — co­sì scri­ve­va — la sua men­te rag­giun­ge per ispi­ra­zio­ne al­cu­ni dei più gran­di e dei più dan­te­schi ver­si in in­gle­se».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.