Fer­lin­ghet­ti no stop co­me se og­gi fos­se ie­ri

Di pa­dre ita­lia­no, com­pi­rà cent’an­ni nel 2019. È sta­to una del­le fi­gu­re di ri­fe­ri­men­to di una ge­ne­ra­zio­ne leg­gen­da­ria, mol­to più che au­to­re fra gli au­to­ri. Un’an­to­lo­gia da lui stes­so ap­pro­va­ta ne met­te in lu­ce il ta­len­to e la coe­ren­za

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri - Di RO­BER­TO GALAVERNI

Ogni vol­ta che si torna a par­la­re del­la poe­sia del­la Beat Ge­ne­ra­tion, si ri­pre­sen­ta­no in­fal­li­bil­men­te le stes­se que­stio­ni: la di­spa­ri­tà tra il di­ret­to im­pat­to esi­sten­zia­le e quel­lo poe­ti­co, la pre­ce­den­za dei con­te­nu­ti, an­che que­sti di­ret­ti, sul­la mediazione for­ma­le, e an­che la no­to­rie­tà, sen­za dubbio sin­go­la­re, di cui il mo­vi­men­to ha go­du­to nel no­stro Pae­se. È for­se ine­vi­ta­bi­le, del re­sto. Quei poe­ti e nar­ra­to­ri i cui no­mi so­no sta­ti nien­te me­no che leg­gen­da­ri (da qual­che tem­po la loro for­tu­na è in­ve­ce un po’ in ri­bas­so) han­no pro­vo­ca­to­ria­men­te in­ne­sta­to la pro­pria azio­ne poe­ti­ca nel pun­to di giun­tu­ra tra vi­ta e for­ma, tra esi­sten­za e let­te­ra­tu­ra, con l’intento di smuo­ver­ne i con­fi­ni e rin­no­var­le en­tram­be. Da un pun­to di vi­sta stret­ta­men­te poe­ti­co, la Beat Ge­ne­ra­tion non so­lo ha ge­ne­ra­to do­man­de e pa­ra­dos­si ma è sta­ta es­sa stes­sa un pa­ra­dos­so.

È una pic­co­la leg­gen­da an­che la vi­ta di La­w­ren­ce Fer­lin­ghet­ti (New York, 1919), che del mo­vi­men­to è sta­to ed è a tutt’og­gi uno dei pro­ta­go­ni­sti in­di­scus­si: le ra­di­ci e il co­gno­me ita­lia­no (da cui lo stret­to le­ga­me con l’Italia; il pa­dre era di Bre­scia e mo­rì qual­che me­se pri­ma del­la sua na­sci­ta), la for­ma­zio­ne new­yor­ke­se ma an­che eu­ro­pea (fran­ce­se so­prat­tut­to), quin­di il pas­sag­gio all’ove­st e la fon­da­zio­ne a San Fran­ci­sco del­la li­bre­ria e del­la casa edi­tri­ce Ci­ty Lights (ri­spet­ti­va­men­te nel 1953 e nel 1955), che del­la Beat Ge­ne­ra­tion di­ven­ne un pun­to di rac­cor­do e di pro­mo­zio­ne fon­da­men­ta­le (nel 1956 pub­bli­cò ad esem­pio l’Urlo di Al­len Gin­sberg, che in qua­li­tà di edi­to­re gli pro­cu­rò un pro­ces­so per osce­ni­tà).

Di Fer­lin­ghet­ti esce ora in tra­du­zio­ne ita­lia­na una rac­col­ta di poe­sie scel­te che sem­bra fat­ta ap­po­sta per scom­bi­na­re l’im­ma­gi­ne un po’ sta­ti­ca del clas­si­co poe­ta beat­nik: si trat­ta di Grea­te­st Poems (Mon­da­do­ri), cu­ra­to da Nan­cy J. Pe­ters e tra­dot­to da Leo­pol­do Car­ra. È que­sta una ri­ca­pi­to­la­zio­ne im­por­tan­te dell’ope­ra poe­ti­ca di Fer­lin­ghet­ti (l’edi­zio­ne in lin­gua ori­gi­na­le è dell’an­no scor­so), tan­to più che la scel­ta è sta­ta condotta e ap­pro­va­ta dall’au­to­re stes­so. An­che la con­ser­va­zio­ne del ti­to­lo in in­gle­se in­ten­de for­se sot­to­li­near­lo. In ogni ca­so, ne esce un poe­ta sor­pren­den­te­men­te ni­ti­do e ri­go­ro­so dal pun­to di vi­sta espres­si­vo, sempre mol­to con­cen­tra­to nell’eser­ci­zio del­la pro­pria lin­gua poe­ti­ca e nell’ap­pro­fon­di­men­to del pro­prio im­ma­gi­na­rio. Dal pri­mo li­bro del 1955,

Im­ma­gi­ni del mondo an­da­to, alle ul­ti­mis­si­me poe­sie an­to­lo­giz­za­te, que­sto vo­lu­me si svi­lup­pa in­fat­ti con estre­ma coe­ren­za, e so­prat­tut­to con una ri­co­no­sci­bi­li­tà sti­li­sti­ca, con un sen­so di ra­di­ca­men­to e d’ap­par­te­nen­za let­te­ra­ria for­se in­so­spet­ta­bi­li. Grea­te­st Poems è una rac­col­ta an­to­lo­gi­ca, ep­pu­re pre­sen­ta un’uni­tà e una li­nea di svi­lup­po in­ter­no che spin­go­no a leg­ger­la co­me fos­se un ca­pi­to­lo nuo­vo.

Per pri­ma co­sa, ad esem­pio, si può ri­le­va­re l’equi­li­brio com­ples­si­vo tra te­sti più di­ret­ta­men­te im­pe­gna­ti, al­tri più li­ri­co-vi­sio­na­ri (e per­so­na­li, dun­que), e al­tri an­co­ra di più mar­ca­ta ma­tri­ce let­te­ra­ria. So­no dav­ve­ro mol­tis­si­me le poe­sie in­se­ri­te nel vo­lu­me che, in mo­di più o me­no espli­ci­ti, ten­do­no a in­trec­cia­re il de­sti­no di Fer­lin­ghet­ti con quel­lo de­gli au­to­ri più ama­ti del­la tra­di­zio­ne poe­ti­ca, so­prat­tut­to in­gle­se, fran­ce­se e ita­lia­na (sen­za di­men­ti­ca­re Pa­blo Ne­ru­da). Ma an­che qui non si trat­ta di ri­chia­mi dot­ti o sa­pien­zia­li, quan­to del­la let­te­ra­tu­ra che en­tra e si con­fon­de con la vi­ta. Si può di­re an­zi che pro­prio que­sto sia un procedimento di rap­pre­sen­ta­zio­ne tra i suoi più ef­fi­ca­ci. Il poe­ta sta leg­gen­do Ez­ra Pound du­ran­te una par­ti­ta di ba­se­ball, e da lì, stan­do esat­ta­men­te den­tro i ter­mi­ni del gio­co, ne de­ri­va un di­scor­so per nul­la ideo­lo­gi­co sul­la di­spa­ri­tà tra bianchi e ne­ri. In un’al­tra, in­ve­ce, ri­por­ta la let­tu­ra di Yea­ts nel bel mez­zo del­lo sce­na­rio cit­ta­di­no, co­sa che gli con­sen­te di con­cre­tiz­za­re la spin­ta epi­co-ca­val­le­re­sca dell’ori­gi­na­le nel­la real­tà du­ra e con­trad­dit­to­ria del­le si­tua­zio­ni e dei volti che gli ca­do­no di­ret­ta­men­te sot­to agli oc­chi: «Leg­gen­do Yea­ts non pen­so/ all’Ir­lan­da/ ma a New York di mez­za esta­te/ e a me stes­so al­lo­ra/ men­tre leg­go quel­la co­pia tro­va­ta/ sul­la so­pre­le­va­ta del­la Ter­za Ave­nue».

Pro­prio qui sta il pun­to più im­por­tan­te, va­le a di­re nel­la par­te­ci­pa­zio­ne del­lo sguar­do del poe­ta, a sua vol­ta uo­mo tra gli uo­mi­ni, all’oriz­zon­te del­la gen­te co­sid­det­ta co­mu­ne. Ba­sti per tutti il «ti­zio in ca­not­tie­ra/ che si don­do­la­va sul­la se­dia a don­do­lo/ guar­dan­do pas­sa­re la so­pre­le­va­ta/ co­me se si aspet­tas­se che fos­se di­ver­sa/ ogni vol­ta». La cri­ti­ca po­li­ti­ca e so­cia­le, i gran­di te­mi del pa­ci­fi­smo, dell’am­bien­ta­li­smo, del­la li­ber­tà dei co­stu­mi, so­prat­tut­to il pun­to in­ter­ro­ga­ti­vo po­sto sul gran­de so­gno ame­ri­ca­no, pas­sa­no sì at­tra­ver­so le ar­mi poe­ti­che tra­di­zio­nal­men­te ri­co­no­sciu­te a Fer­lin­ghet­ti: l’iro­nia, la leg­ge­rez­za e la gio­co­si­tà (coi tan­ti ri­cor­di dei gio­chi d’in­fan­zia che ne de­ri­va­no), il gu­sto del pa­ra­dos­so, cer­to fu­nam­bo­li­smo dell’im­ma­gi­na­rio, ma an­che espres­si­vo («il poe­ta co­me un acro­ba­ta/ si ar­ram­pi­ca sui ver­si»), che fa pen­sa­re ad Apol­li­nai­re o al sur­rea­li­smo.

Tut­to que­sto è senz’al­tro ve­ro. Ep­pu­re ciò che più con­fe­ri­sce a que­ste poe­sie la for­za di affrontare i gran­di te­mi e sce­na­ri po­li­ti­co-so­cia­li è la par­ten­za dal bas­so, in me­dias res, cioè da un di­scor­so che si svol­ge sempre e comunque ad al­tez­za d’uo­mo. Se vo­glia­mo, è il pun­to di vi­sta del ca­ne che nel­la poe­sia omo­ni­ma ( Ca

ne, ap­pun­to) «trot­te­rel­la libero per stra­da / e ve­de la real­tà». Pas­sa an­zi­tut­to di qui, per que­sto oriz­zon­te di uma­ni­tà e fra­ter­ni­tà con­di­vi­sa, l’azio­ne poe­ti­ca, ch’è an­che un’uto­pia, di Fer­lin­ghet­ti e dei suoi com­pa­gni di stra­da del­la Beat Ge­ne­ra­tion: «E in­to­na­ro­no le loro san­te sa­cri­le­ghe vo­ci/ a una so­cie­tà spa­lan­ca­ta/ che non esi­ste­va an­co­ra».

Con­ta­mi­na­zio­ni La scrit­tu­ra si con­fon­de con la vi­ta, Ez­ra Pound s’in­trec­cia con una par­ti­ta di ba­se­ball, Yea­ts si ca­la nel­lo sce­na­rio cit­ta­di­no

LA­W­REN­CE FER­LIN­GHET­TI Grea­te­st Poems A cu­ra di Nan­cy J. Pe­ters Tra­du­zio­ne di Leo­pol­do Car­ra MON­DA­DO­RI Pa­gi­ne 328, € 22 In li­bre­ria dall’11 set­tem­breL’au­to­re La­w­ren­ce Fer­lin­ghet­ti (New York, 24 mar­zo 1919) fi­glio di un emi­gra­to bre­scia­no, or­fa­no di pa­dre, adot­ta­to dai da­to­ri di la­vo­ro del­la zia, riu­scì a com­pie­re gli stu­di al­la Co­lum­bia e al­la Sor­bo­na; at­trat­to dal­la sce­na un­der­ground di San Fran­ci­sco, vi si im­mer­se ed esor­dì con i ver­si di Pic­tu­res of the go­ne world (1955), fon­dan­do la li­bre­ria e casa edi­tri­ce Ci­ty Lights, un tem­pio del­la con­tro­cul­tu­ra che pub­bli­cò i gran­di del­la beat ge­ne­ra­tion. Lo stes­so Fer­lin­ghet­ti af­fron­tò il car­ce­re nel 1956 per aver pub­bli­ca­to Urlo di Al­len Gin­sberg. Tra le ope­re: la rac­col­ta A Co­ney Island of the mind, rie­di­ta di re­cen­te (tra­du­zio­ne di Da­mia­no Abe­ni e Moi­ra Egan, mi­ni­mum fax, 2017) e il me­moir Scri­ven­do sul­la stra­da. Dia­ri di viag­gio e di let­te­ra­tu­ra (a cu­ra di Mat­tew Glee­son, tra­du­zio­ne di Gia­da Dia­no, il Sag­gia­to­re, 2017)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.