La ri­cer­ca­tri­ce che viag­gia nel­le ga­las­sie

Astro­fi­si­ca, 33 an­ni, ha ri­ce­vu­to il pre­mio Is­snaf

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - Di Elisabetta An­dreis

«Ho la­vo­ra­to in Fran­cia, in Ger­ma­nia, in Co­rea del Sud e ades­so ne­gli Sta­ti Uni­ti, al­la Na­sa. Pre­sto po­trò stu­dia­re co­me evol­vo­no le ga­las­sie con il te­le­sco­pio spa­zia­le più all’avan­guar­dia del mon­do, che sve­le­rà i mi­ste­ri dell’uni­ver­so gio­va­ne. Non al­tri so­gni, il mio si sta già rea­liz­zan­do». Camilla Pa­ci­fi­ci, 33 an­ni, è ap­pe­na sta­ta pro­cla­ma­ta tra i cin­que mi­glio­ri ri­cer­ca­to­ri ita­lia­ni in Nord Ame­ri­ca, in­si­gni­ta a Wa­shing­ton del pre­sti­gio­so pre­mio in­ter­na­zio­na­le Is­snaf. Lau­rea in astro­fi­si­ca al­la Bi­coc­ca, dot­to­ra­to a Pa­ri­gi, spe­cia­liz­za­zio­ne ad Hei­del­berg, im­pie­go a Seul e dall’apri­le 2015 as­sun­ta al Goo­dard spa­ce flight cen­ter del­la Na­sa, nel Ma­ry­land. Un cur­ri­cu­lum da pau­ra. «Hanno ini­zia­to ad as­sem­bla­re il te­le­sco­pio spa­zia­le Jw­st, che tut­ti gli astro­fi­si­ci aspet­ta­no, pro­prio di fian­co al mio uf­fi­cio. Ora l’hanno por­ta­to ad Hou­ston per gli ul­ti­mi te­st, dal 2019 po­tre­mo usar­lo. Non ve­do l’ora».

Ha col­le­zio­na­to il mas­si­mo dei vo­ti in ogni scuo­la che ha fre­quen­ta­to («An­che mio fra­tel­lo Fi­lip­po, in­ge­gne­re che ha la­vo­ra­to in Fran­cia, Giap­po­ne, San Fran­ci­sco. Per co­la­zio­ne da bam­bi­ni ci da­va­no il fo­sfo­ro», iro­niz­za lei). Aria sba­raz­zi­na, oc­chi tur­che­si: l’aspet­to non è cer­to quel­lo di una nerd. Ep­pu­re Camilla stu­dia qua­si sem­pre, gior­no e not­te, dor­men­do po­chis­si­mo: «Mi hanno con­ta­gia­to con la lo­ro pas­sio­ne i prof di Fi­lo­so­fia e Fi­si­ca del li­ceo. Quel lo­ro in­se­gna­men­to — “Nel­la vi­ta fai quel­lo che ti pia­ce” – non l’ho di­men­ti­ca­to. Nean­che all’ini­zio, quan­do le dif­fi­col­tà per en­tra­re nel mon­do del­la ri­cer­ca pa­re­va­no in­sor­mon­ta­bi­li». Per­ché an­da­re all’este­ro? « Mi hanno chia­ma­to ap­pe­na lau­rea­ta, par­ti­re mi è sem­bra­to na­tu­ra­le. La men­ta­li­tà ne­gli Usa è sem­pre più aper­ta: ve­de­re un nu­me­ro cre­scen­te di don­ne in un am­bien­te la­vo­ra­ti­vo in ge­ne­ra­le do­mi­na­to da uo­mi­ni è una ve­ra gio­ia, an­che se la stra­da è an­co­ra lun­ga». E a Mi­la­no tor­ne­rai? «Per il fu­tu­ro non lo esclu­do, è la mia cit­tà e sta fa­cen­do pas­si da gi­gan­te. In fon­do l’ idea di stu­dia­re da­ti spa­zia­li mi­si è ac­ce­sa lì—ri­spon­de Camilla —. Ero a uno spet­ta­co­lo di­vul­ga­ti­vo al pla­ne­ta­rio, du­ran­te il li­ceo. Quan­do hanno spen­to le lu­ci e ac­ce­so il pro­iet­to­re, e so­no sta­ta cir­con­da­ta da tut­te quel­le stel­le sul­la te­sta, mi so­no do­vu­ta ri­cor­da­re di re­spi­ra­re. Ero sen­za fia­to e lì ho de­ci­so che vo­le­vo co­no­sce­re l’uni­ver­so».

Da lì non si è mai smos­sa. Ca­par­bie­tà, co­stan­za. E un ma­ri­to che per se­guir­la dap­per­tut­to ha cam­bia­to an­che la­vo­ro: «Sen­za il suo so­ste­gno non sa­rei ar­ri­va­ta mai co­sì lon­ta­na», lo rin­gra­zia. La co­sa di cui va più or­go­glio­sa è un co­di­ce sta­ti­sti­co per in­ter­pre­ta­re i cam­bia­men­ti del­le ga­las­sie che ave­va mes­so a pun­to du­ran­te il dot­to­ra­to: «Ades­so ri­sul­ta uti­le nei no­stri stu­di … È una vit­to­ria per­so­na­le». Via da li­bri e te­le­sco­pi, le sue pas­sio­ni so­no il ma­re e il bal­lo: «La pri­ma co­sa che fac­cio, quan­do mi tra­sfe­ri­sco per la­vo­ro, è cer­ca­re una scuo­la di dan­za vi­ci­no a ca­sa. Mi rilassa».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.