La pi­sta de­va­sta­ta

LA CI­VIL­TÀ CHE BAT­TE I VAN­DA­LI

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - Di Isa­bel­la Bos­si Fe­dri­got­ti

C’è da sor­ri­de­re o da pian­ge­re? Da pian­ge­re — cer­ta­men­te e con gran­de rab­bia — per la pi­sta di atle­ti­ca di San Do­na­to ap­pe­na ri­mes­sa a nuo­vo e su­bi­to sel­vag­gia­men­te van­da­liz­za­ta. Da sor­ri­de­re c’è in­ve­ce per la ri­mes­sa a nuo­vo di giar­di­no e stac­cio­na­ta del­la scuo­la di via Sa­pri al Mu­soc­co per ope­ra di un grup­po di vo­lon­ta­ri. Le due no­ti­zie, la cat­ti­va e la buo­na, ar­ri­va­no con­tem­po­ra­nea­men­te, ed en­tram­be dal­la me­de­si­ma me­tro­po­li. È for­se, al­lo­ra, que­sto dua­li­smo co­sì mar­ca­to che at­tra­ver­sa la no­stra cit­tà — van­da­li­smi da un la­to e cu­ra amo­re­vo­le per i pro­pri luo­ghi dall’al­tro — lo spec­chio del con­tra­sto che in­ne­ga­bil­men­te si co­glie tra quar­tie­ri e quar­tie­ri, quel­li or­di­na­ti e con­trol­la­ti e quel­li in­si­cu­ri e tra­scu­ra­ti? In teo­ria po­treb­be es­se­re co­sì, non nel­la pra­ti­ca, pe­rò, per­ché sap­pia­mo be­ne co­me, per esem­pio, gli im­brat­ta­to­ri si dia­no da fa­re an­che nei rio­ni cen­tra­li e co­me in dif­fi­ci­li zo­ne pe­ri­fe­ri­che ca­pi­ti di ve­de­re mi­ra­co­li di im­pe­gno in no­me di vi­vi­bi­li­tà e de­co­ro. Chi la­vo­ra nei gior­na­li sa be­ne che le cat­ti­ve no­ti­zie col­pi­sco­no di più di quel­le buo­ne ed è pro­ba­bil­men­te per que­sta ra­gio­ne che sul­la fe­li­ce soddisfazione cui in­du­co­no gli in­ter­ven­ti sul­la scuo­la di via Sa­pri pre­va­le il pro­fon­dis­si­mo sgo­men­to per la de­va­sta­zio­ne in­flit­ta al­la pi­sta di atle­ti­ca. Cio­no­no­stan­te, so­prav­vi­ve — de­ve so­prav­vi­ve­re — osti­na­ta la spe­ran­za che, al­la lun­ga — co­me suc­ce­de nei mondi mi­glio­ri — il ci­vi­le e il gen­ti­le ab­bia­no ra­di­ci più re­si­sten­ti, più svi­lup­pa­te e più frut­ti­fe­re che non il sel­va­ti­co e l’in­ci­vi­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.