IL BU­SI­NESS CHE FA MA­LE AL­LA SA­LU­TE

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Giu­sep­pe Re­muz­zi

Gli er­ro­ri me­di­ci ci so­no, so­no tan­ti, e tut­te le vol­te che si è di fron­te a col­pa gra­ve o ne­gli­gen­za que­ste van­no per­se­gui­te e ci sa­ran­no con­se­guen­ze pe­na­li. Ma di re­cen­te si è par­la­to d’al­tro: di de­nun­ce pre­sen­ta­te con l’in­ten­to di ot­te­ne­re risarcimenti (an­che quan­do i me­di­ci han­no fat­to tutto quel­lo che do­ve­va­no) o per­ché i pa­ren­ti «non ac­cet­ta­no la per­di­ta di un con­giun­to e la ad­de­bi­ta­no ai dot­to­ri». Va an­che det­to, a onor del ve­ro, che mol­te del­le de­nun­ce con­tro i me­di­ci di­pen­do­no pro­prio da noi me­di­ci, è pa­ra­dos­sa­le ma è co­sì. Quan­ti di noi san­no spie­ga­re a ma­la­ti e fa­mi­lia­ri co­sa sta suc­ce­den­do quan­do le co­se pren­do­no una brut­ta piega, e lo fan­no con gar­bo e sen­si­bi­li­tà? Quan­ti san­no re­si­ste­re al­la ten­ta­zio­ne di scre­di­ta­re l’ope­ra­to dei col­le­ghi («vor­rei pro­prio sa­pe­re chi è il fur­bo che ha fat­to que­sto e que­st’al­tro» ma ba­sta an­che mol­to me­no, un ge­sto di di­sap­pun­to o un si­len­zio al mo­men­to sba­glia­to) ? Il pro­cu­ra­to­re ag­giun­to Tiziana Si­ci­lia­no di­chia­ra al Cor­rie­re con gran­de ele­gan­za che nel «ca­ri­co in­sen­sa­to di fa­sci­co­li» in­tra­ve­de an­che una «pic­co­la re­spon­sa­bi­li­tà» de­gli av­vo­ca­ti. Per quan­to mi ri­guar­da ci ve­do qual­co­sa di più: me­di­ci le­ga­li, con­su­len­ti e av­vo­ca­ti sen­za scru­po­li che, con la scu­sa di aiu­ta­re, pub­bli­ciz­za­no la lo­ro mis­sio­ne co­sì: «Of­fria­mo as­si­sten­za gra­tui­ta per ot­te­ne­re risarcimenti, pa­ghe­rai so­lo se vin­cia­mo». E an­co­ra: «Evi­ta il fai da te, ri­vol­gi­ti su­bi­to a un av­vo­ca­to». So­no per­so­ne che non han­no cer­to gran­de di­me­sti­chez­za con la com­ples­si­tà del­la me­di­ci­na di og­gi ma que­ste co­se i me­di­ci non le do­vreb­be­ro più tol­le­ra­re.

Uti­liz­zia­mo an­che noi la Re­te e fac­cia­mo­lo per di­re la ve­ri­tà, su quel­lo che si fa ogni gior­no nei no­stri ospe­da­li, per esem­pio, e del­le vi­te sal­va­te in si­len­zio sen­za che nes­su­no ci fac­cia nem­me­no più ca­so. Gli am­ma­la­ti, poi, so­no le pri­me vit­ti­me di que­sto si­ste­ma che sot­trae al­le di­re­zio­ni sa­ni­ta­rie ener­gie, sol­di e tan­tis­si­mo tem­po. E pen­sa­re che il 90 per cen­to del­le de­nun­ce fi­ni­sco­no in nien­te. Po­trem­mo an­che chie­de­re a chi ci go­ver­na che il Ser­vi­zio sa­ni­ta­rio na­zio­na­le as­si­cu­ri tut­ti i suoi me­di­ci con una po­liz­za unica. Ve la fi­gu­ra­te una ga­ra del ge­ne­re? Le gran­di com­pa­gnie fa­reb­be­ro di tutto per vin­cer­la e con quel­lo che si ri­spar­mie­rà si po­treb­be­ro fi­nal­men­te as­su­me­re me­di­ci e in­fer­mie­ri di cui in que­sto mo­men­to gli ospe­da­li han­no estre­mo bi­so­gno. A tu­te­la dei me­di­ci e de­gli in­fer­mie­ri la leg­ge Gel­li — quel­la che sta­bi­li­sce che, sal­vo in ca­so di col­pa gra­ve, l’one­re del­la pro­va è di chi de­nun­cia e che se uno si at­tie­ne al­le li­nee gui­da non sa­rà con­dan­na­to — è cer­ta­men­te un pas­so avan­ti. Sal­vo che nes­su­na del­le so­cie­tà scien­ti­fi­che di­spo­ni­bi­li a re­di­ge­re le li­nee gui­da è sta­ta an­co­ra abi­li­ta­ta a far­lo (l’Isti­tu­to su­pe­rio­re di sa­ni­tà che va­lu­te­rà me­to­do­lo­gia e con­te­nu­ti aspet­ta da tem­po l’ar­ri­vo de­gli elen­chi dal mi­ni­ste­ro). E non il­lu­de­te­vi che le li­nee gui­da ri­sol­va­no tutto, cer­te invecchiano an­cor pri­ma di es­se­re pub­bli­ca­te. Sen­za con­ta­re che chi le com­pi­la di so­li­to si in­ten­de di una ma­lat­tia men­tre og­gi an­zia­ni, car­dio­pa­ti­ci e dia­be­ti­ci di ma­lat­tie ne han­no tan­te in­sie­me. Per cu­ra­re be­ne que­sti pa­zien­ti ci si de­ve sa­per di­stri­ca­re fra tan­te pos­si­bi­li­tà e sa­per­le met­te­re in or­di­ne di prio­ri­tà; per que­sto le li­nee gui­da so­no pre­zio­se ma ser­vo­no an­co­ra di più gran­di co­no­scen­ze, buon sen­so e... tem­po. Chi aves­se la bon­tà di leg­ge­re que­ste ri­ghe non di­men­ti­chi che il tem­po del suo dot­to­re ha un gran­de va­lo­re, co­strin­ger­lo a per­der­ne fra car­te e udien­ze qua­si sem­pre inu­ti­li ne­gan­do­gli an­che quel mi­ni­mo di se­re­ni­tà che ser­ve per far be­ne que­sto la­vo­ro, è col­pa gra­ve.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.