Sen­za nuo­vi bus il ri­lan­cio si fa dif­fi­ci­le

Il pun­to cri­ti­co nei pia­ni dell’azien­da: ci vor­rà al­me­no un an­no per rin­no­va­re la flot­ta

Corriere della Sera (Roma) - - DA PRIMA PAGINA - Di Andrea Ar­zil­li

Più pro­dut­ti­vi­tà, cioè più ore di la­vo­ro, e lot­ta all’eva­sio­ne tariffaria. Ma la chiave del pia­no di ri­lan­cio di Atac al va­glio del tri­bu­na­le è una nuo­va flot­ta di mez­zi. Il Cam­pi­do­glio ha an­nun­cia­to ai sin­da­ca­ti l’ar­ri­vo di 800 nuo­vi bus e 30 tre­ni, ma i tem­pi so­no lun­ghi: per al­me­no un an­no Atac lot­te­rà per non spro­fon­da­re.

Au­men­to della pro­dut­ti­vi­tà, lot­ta all’eva­sio­ne tariffaria e in­ve­sti­men­ti che, tra non me­no di un an­no, por­te­ran­no a un par­co mez­zi rin­no­va­to. I pa­let­ti del nuo­vo pia­no in­du­stria­le di Atac, le cui li­nee gui­da il­lu­stra­te su sli­de ai sin­da­ca­ti, ser­vo­no in teo­ria a sor­reg­ge­re l’ar­chi­tra­ve del con­cor­da­to in tri­bu­na­le: l’as­sen­so del giu­di­ce al­la pro­ce­du­ra pas­sa sia dal pro­get­to di ri­lan­cio azien­da­le che mi­ra all’obiet­ti­vo del con­trat­to di ser­vi­zio con Ro­ma Ca­pi­ta­le - 110 mi­lio­ni di km da ero­ga­re ogni an­no - sia, quin­di, dal pia­no di ri­strut­tu­ra­zio­ne del ma­xi de­bi­to (1,4 mi­liar­di di eu­ro). Nel­la pra­ti­ca, pe­rò, c’è un ele­men­to che com­pli­ca la stra­te­gia del Cam­pi­do­glio: per il pri­mo an­no sot­to l’egi­da del tri­bu­na­le sa­rà un’im­pre­sa qua­si im­pos­si­bi­le far sta­re in pie­di tut­ti i pa­let­ti.

E il mo­ti­vo è il più sem­pli­ce del mon­do: è una que­stio­ne di mez­zi. Per­ché pas­si per l’au­men­to della pro­dut­ti­vi­tà, cioè l’in­cre­men­to del­le ore di la­vo­ro (da 37 a 39) dei qua­si 12 mi­la di­pen­den­ti di Atac - un po’ mes­si su stra­da con man­sio­ni di ve­ri­fi­ca­to­re più una por­zio­ne di­rot­ta­ta in al­tre azien­de mu­ni­ci­pa­li o nel Co­mu­ne stes­so - sul qua­le i ver­ti­ci dell’azien­da, dal 2 no­vem­bre, ini­zie­ran­no a trat­ta­re con i sin­da­ca­ti. Pas­si an­che per la lot­ta all’eva­sio­ne, te­ma sul qua­le il Cam­pi­do­glio scom­met­te vi­sto l’in­ve­sti­men­to in nuo­vi ta­glian­di e che, at­tra­ver­so nuo­vi vi­gi­lan­tes pe­sca­ti tra gli am­mi­ni­stra­ti­vi, po­treb­be far re­gi­stra­re dei mi­glio­ra­men­ti in re­la­zio­ne agli at­tua­li tas­si spa­ven­to­si: un uten­te su quat­tro non pa­ga il bi­gliet­to, e il trend è in au­men­to co­me de­scrit­to nell’ar­ti­co­lo ac­can­to. Sull’ar­ri­vo di mez­zi nuo­vi in tem­pi bre­vi tan­to bre­vi da ga­ran­ti­re la fa­se d’av­vio del ri­lan­cio - l’ot­ti­mi­smo ca­la a pic­co, pe­rò. Il Cam­pi­do­glio ha pro­spet­ta­to l’ar­ri­vo di 800 di nuo­vi bus e di 30 nuo­vi tre­ni per la me­tro. Già, ma quan­do i nuo­vi mez­zi sa­ran­no in gra­do di ge­ne­ra­re pro­fit­to?

E in­fat­ti, do­po le au­di­zio­ni con il pre­si­den­te di Atac Pao­lo Si­mio­ni, i sin­da­ca­ti - tut­ti - fa­ce­va­no la stes­sa do­man­da: che sen­so ha au­men­ta­re le ore di la­vo­ro dei di­pen­den­ti se i mez­zi ad usci­re dal­le ri­mes­se so­no sem­pre me­no? La lo­gi­ca è schiac­cian­te. Co­sì co­me ap­pa­re evi­den­te ne­gli ul­ti­mi da­ti - ad ago­sto -22% del ser­vi­zio di su­per­fi­cie - che il ri­lan­cio di Atac non pos­sa non pas­sa­re da un par­co mez­zi nuo­vo di zec­ca.

Cer­to, il Cam­pi­do­glio ha mes­so nel mi­ri­no la ma­xi ope­ra­zio­ne che, at­tra­ver­so il ta­vo­lo per Ro­ma ap­pa­rec­chia­to al Mi­se, do­vreb­be por­ta­re una flot­ta di eco-bus nuo­va fiam­man­te. Il pro­ble­ma, pe­rò, è sui tem­pi: tra l’im­pie­go rea­le dei fon­di, la mes­sa a ga­ra, la chiu­su­ra del ban­do, l’at­tri­bu­zio­ne del la­vo­ro e l’ar­ri­vo dei nuo­vi mez­zi pas­se­rà non me­no di un an­no, for­se due, chis­sà se tre. E co­me si fa a pro­get­ta­re il ri­lan­cio di un’azien­da sull’or­lo del fal­li­men­to sen­za po­ter con­ta­re, so­prat­tut­to nel­la de­li­ca­ta fa­se di av­vio, su­gli stru­men­ti in­di­spen­sa­bi­li per ero­ga­re i 110 mi­lio­ni di chi­lo­me­tri fis­sa­ti sul con­trat­to di ser­vi­zio? Il per­cor­so in tri­bu­na­le sem­bra co­sì sem­pre più ap­pe­so al pun­to di equi­li­brio tra vo­le­re e po­te­re.

E for­se è per que­sto che an­co­ra non si fan­no per­cen­tua­li per il ri­sto­ro dei 1200 cre­di­to­ri, per ora in tri­bu­na­le so­no en­tra­te so­lo le sli­de che fis­sa­no gli obiet­ti­vi sen­za da­re un’idea esat­ta di co­me si in­ten­da rag­giun­ger­li. Il ma­xi de­bi­to sa­rà co­mun­que or­ga­niz­za­to in tre fi­lo­ni: i 500 mi­lio­ni di cre­di­ti del Cam­pi­do­glio so­no già og­get­to di un «mu­tuo» ven­ten­na­le; i 100 mi­lio­ni dei flus­si di cas­sa Me­tre­bus van­no ver­so l’ac­can­to­na­men­to per es­se­re re­sti­tui­ti al 100% a Co­tral e Tre­ni­ta­lia; men­tre il re­sto della som­ma, cir­ca 800 mi­lio­ni da ver­sa­re ai for­ni­to­ri, è la chiave del sì del tri­bu­na­le. Che, in as­sen­za di au­to­bus per il ri­lan­cio, po­treb­be ga­ran­ti­re ad Atac, ac­co­glien­do il con­cor­da­to, al­me­no un pia­no di gal­leg­gia­men­to.

Fiam­me Nel­la fo­to ac­can­to, il bus an­da­to a fuo­co sa­ba­to mat­ti­na a Ter­mi­ni; nel­la fo­to­gra­fia in basso, in­ve­ce, una pro­te­sta de­gli au­ti­sti dell’Atac in piaz­za del Cam­pi­do­glio nel 2015

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.