Ven­den­do li­bri (e spe­ran­za) nel de­gra­do to­ta­le

Corriere della Sera (Roma) - - LETTERE -

Non c’è nien­te da fa­re: leg­ge­re re­sta uno, for­se l’uni­co ve­ro, an­ti­do­to al­la man­ca­ta com­pren­sio­ne del­la real­tà e de­gli al­tri, nel ge­ne­ra­le de­ca­di­men­to del­la vi­ta a Ro­ma. Per que­sto og­gi ho scel­to due pic­co­le sto­rie, se­gna­la­te dai let­to­ri, che par­la­no di li­bri. Ci se­gna­la An­to­nel­la De Si­mo­ne: «A Cen­to­cel­le 10 an­ni fa ab­bia­mo aper­to una pic­co­la li­bre­ria per bam­bi­ni, “Cen­to­sto­rie”. Fra tan­te li­bre­rie che chiu­do­no ci sem­bra una buo­na no­ti­zia. Or­ga­niz­zia­mo let­tu­re ani­ma­te, la­bo­ra­to­ri, fe­ste e spet­ta­co­li: è la scom­mes­sa di por­ta­re la cul­tu­ra an­che in pe­ri­fe­ria». E Gian­ni De Do­mi­ni­cis: «Il il sot­to­pas­sag­gio dal­la Sta­zio­ne Tra­ste­ve­re a via­le Marconi è una del­le te­sti­mo­nian­ze più for­ti del de­gra­do del­la cit­tà. Ma lì sot­to c’è chi ha avu­to il co­rag­gio di im­prov­vi­sa­re una ri­ven­di­ta li­bri con 4 as­si di le­gno e due strac­ci di co­per­tu­ra. Mol­ti inor­ri­di­sco­no, io ci ve­do un se­gna­le di vi­ta di chi non vuo­le co­mun­que ar­ren­der­si al­la de­ca­den­za e al­lo sfa­ce­lo». Che ne pen­sa­te?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.