Luis Al­ber­to, l’as­so nel­la ma­ni­ca

Lo spa­gno­lo nuo­va stel­la bian­co­ce­le­ste. Il suo ma­na­ger: «Gra­zie a In­za­ghi e a Ta­re»

Corriere della Sera (Roma) - - FRONT PAGE - Di Ste­fa­no Agre­sti

Luis Al­ber­to è la nuo­va stel­la del­la La­zio e quel­lo di sa­ba­to 18 sa­rà il suo pri­mo der­by da pro­ta­go­ni­sta. L’an­no scor­so lo spa­gno­lo ha sal­ta­to tut­te e quat­tro le sfi­de: tre vol­te in pan­chi­na, una vol­ta in tri­bu­na per in­for­tu­nio.

Vo­le­va mol­la­re tut­to, ha pen­sa­to ad­di­rit­tu­ra di ab­ban­do­na­re il calcio: se non gioco co­me vo­glio io, me­glio mol­la­re. Più con­cre­ta­men­te, ha chie­sto di cam­bia­re squa­dra: ba­sta con la La­zio, qui non ho spe­ran­ze. È suc­ces­so l’esta­te scor­sa, a 12 me­si dal suo ar­ri­vo a Ro­ma. Lo han­no fer­ma­to Ta­re, il di­ri­gen­te che lo ha vo­lu­to a ogni co­sto, e In­za­ghi, l’al­le­na­to­re che lo ha ca­ta­pul­ta­to ai ver­ti­ci: ca­ro Luis Al­ber­to, hai do­ti da cam­pio­ne e vo­glia­mo che tu le met­ta in mo­stra qui.

Non ci cre­de­va fi­no in fon­do, il gio­va­ne spa­gno­lo. Se non mi han­no da­to spa­zio nel­la scor­sa sta­gio­ne, per­ché mai do­vrei tro­var­ne ades­so? Per­ché qual­co­sa è cam­bia­to. Non c’è più Kei­ta, ad esem­pio, e nell’ul­ti­mo cam­pio­na­to era pro­prio lui a gio­ca­re qua­si sem­pre al­le spal­le di Im­mo­bi­le (vero, ma è ar­ri­va­to Na­ni a rim­piaz­zar­lo).

E poi c’è l’Eu­ro­pa Lea­gue, ci so­no più par­ti­te e più pos­si­bi­li­tà so­prat­tut­to per uno che può oc­cu­pa­re tut­te le po­si­zio­ni del cen­tro­cam­po: tre­quar­ti­sta, in­ter­no, per­fi­no re­gi­sta là do­ve c’era Bi­glia e ora c’è Lei­va. Gli han­no par­la­to, Ta­re e In­za­ghi. «E lo han­no con­vin­to, re­spin­gen­do le of­fer­te di tut­te le so­cie­tà che in quel­le set­ti­ma­ne lo han­no cer­ca­to», rac­con­ta og­gi Al­va­ro Tor­res, il suo pro­cu­ra­to­re.

La par­ti­ta del­la svol­ta, per Luis Al­ber­to, è sta­ta la Su­per­cop­pa con­tro la Ju­ve. L’in­for­tu­nio di Fe­li­pe An­der­son – inu­ti­le ne­gar­lo – gli ha aper­to una por­ta, In­za­ghi è sta­to in­tel­li­gen­te a in­di­car­glie­la, lui straor­di­na­rio a sfrut­ta­re l’oc­ca­sio­ne. Tan­to che og­gi Luis Al­ber­to è uno tra i cal­cia­to­ri mi­glio­ri del cam­pio­na­to: ha tecnica, cor­sa e sem­bra non sen­ti­re la fa­ti­ca (ti­to­la­re in 15 ga­re su 16, In­za­ghi gli ha ri­spar­mia­to so­lo la tra­sfer­ta di Niz­za nel­la qua­le l’ha but­ta­to den­tro nell’ul­ti­ma mezz’ora per vin­ce­re la ga­ra).

Luis Al­ber­to si sta go­den­do il mo­men­to di me­ri­ta­ta glo­ria. La con­vo­ca­zio­ne con la Spa­gna ha co­ro­na­to il suo so­gno di bam­bi­no, vuo­le gio­ca­re il Mon­dia­le, da­van­ti gli si spa­lan­ca la pos­si­bi­li­tà di far­lo con una Na­zio­na­le nient’af­fat­to ba­na­le ma pie­na di cam­pio­ni. Già, chi avreb­be mai det­to tre me­si fa che tra tut­ti quei fuo­ri­clas­se ci sa­reb­be sta­to an­che lui? E quan­do rien­tre­rà dal dop­pio im­pe­gno con la Spa­gna, si tuf­fe­rà nel suo pri­mo der­by ro­ma­no da pro­ta­go­ni­sta. An­zi, da... cal­cia­to­re, vi­sto che i quat­tro del­la pas­sa­ta sta­gio­ne li ha vi­sti tut­ti da fuo­ri: dal­la tri­bu­na il pri­mo di cam­pio­na­to,

Al­va­ro Tor­res «Al­le­na­to­re e d.s. lo han­no con­vin­to a re­sta­re, re­spin­gen­do ogni of­fer­ta ri­ce­vu­ta» De­but­tan­te L’an­no scor­so ha sal­ta­to tut­te le sfi­de: tre vol­te in pan­chi­na, una vol­ta ko per in­for­tu­nio

per­ché con­va­le­scen­te, e dal­la pan­chi­na gli al­tri tre, in­clu­si i due di Cop­pa Ita­lia. Sta­vol­ta è pron­to per la­scia­re il se­gno: fi­no­ra non ha sba­glia­to qua­si mai.

In­tan­to si con­ti­nua a di­scu­te­re de­gli epi­so­di di raz­zi­smo in La­zio-Ca­glia­ri. La po­si­zio­ne di Lo­ti­to per la fra­se sul­la «sce­neg­gia­ta», re­gi­stra­ta in ae­reo, è sta­ta ar­chi­via­ta, co­me pre­vi­sto. Il pre­si­den­te del­la La­zio con­ti­nua in­ve­ce a es­se­re in­da­ga­to per ave­re aper­to le por­te del­la cur­va Sud agli ab­bo­na­ti del­la Nord. In ar­ri­vo i de­fe­ri­men­ti: cer­to per la La­zio, non al­tret­tan­to per Lo­ti­to.

Ab­brac­cio Luis Al­ber­to, a si­ni­stra, con il tec­ni­co bian­co­ce­le­ste Si­mo­ne In­za­ghi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.