Il Puff fe­steg­gia cin­quant’an­ni e pen­sa al fu­tu­ro

Fran­ce­sco Fio­ri­ni, fi­glio del fon­da­to­re Lan­do: «Obiet­ti­vo per il fu­tu­ro, far­ne un tem­pio della ro­ma­ni­tà»

Corriere della Sera (Roma) - - DA PRIMA PAGINA - di Na­ta­lia Di­ste­fa­no

Ogni ro­ma­no in­na­mo­ra­to della sua cit­tà ci ha mes­so pie­de al­me­no una vol­ta nel­la vi­ta. Per gli spet­ta­co­li di ca­ba­ret, cer­to, ma an­che per quell’ir­re­pli­ca­bi­le at­mo­sfe­ra da ca­fé-chan­tant in sal­sa ro­ma­ne­sca. Per il gu­sto della ri­sa­ta ac­co­mo­da­ti al ta­vo­li­no con vi­sta pal­co­sce­ni­co, ma so­prat­tut­to per in­con­tra­re Lan­do Fio­ri­ni: ani­ma e roc­ca­for­te non so­lo di quel suo lo­ca­le (che non vol­le ven­de­re nean­che nei mo­men­ti di cri­si e nean­che di fron­te ai 9 mi­lio­ni di eu­ro of­fer­ti da un’ac­qui­ren­te ara­bo) ma di una Ro­ma ac­co­glien­te e go­liar­di­ca che ma­ga­ri ti sfot­te ma non ti tra­di­sce.

Il Puff, aper­to a Tra­ste­ve­re da Fio­ri­ni con l’aiu­to del fra­tel­lo Fer­di­nan­do e dell’ami­co En­ri­co Mon­te­sa­no, in cin­que de­ca­di ha pro­dot­to 101 spet­ta­co­li, ospi­ta­to 10.013 re­pli­che e 1.602.080 spet­ta­to­ri. Nu­me­ri che rap­pre­sen­ta­no il ter­mo­me­tro di una vi­ta de­di­ca­ta al tea­tro e che la­scia­no immaginare l’eser­ci­to di at­to­ri pas­sa­ti per quel pal­co. Ta­len­ti che Lan­do fiu­ta­va pri­ma de­gli al­tri in gi­ro per Ro­ma per por­tar­li al suc­ces­so – co­me ca­pi­tò con Lino Ban­fi, Gian­fran­co D’An­ge­lo, Leo Gul­lot­ta, Fio­ret­ta Ma­ri, Mau­ri­zio Mat­tio­li – o a cui da­va un la­vo­ro per man­te­ner­si gli stu­di nel­le scuo­le di re­ci­ta­zio­ne. «Ales­sio Bo­ni fu as­sun­to co­me ca­me­rie­re – ri­cor­da il fi­glio Fran­ce­sco Fio­ri­ni – e nel ser­vi­zio fra un ta­vo­lo e l’al­tro si chiu­de­va in ba­gno a stu­dia­re Sha­ke­spea­re». Poi Lan­do se li la­scia­va ru­ba­re sen­za ran­co­ri dal­la tv o dai tea­tri più gran­di. Per­ché la ve­ri­tà è che in po­chis­si­mi so­no ve­ra­men­te riu­sci­ti a ta­glia­re il cor­do­ne om­be­li­ca­le col Puff, «mol­to più di una sem­pli­ce sa­la – com­men­ta il fi­glio - è una ca­sa». Co­sì la vi­ve­va Fio­ri­ni, scom­par­so due me­si fa. E co­sì con­ti­nua­no a vi­ver­la i tra­ste­ve­ri­ni e gli ar­ti­sti, che lunedì fe­steg­ge­ran­no le cin­quan­ta can­de­li­ne con una se­ra­ta-evento or­ga­niz­za­ta dal­la fa­mi­glia di Fio­ri­ni in suo ono­re nel­la clas­si­ca for­mu­la di ca­sa-Puff: si par­te dal­la ce­na, os­sia la «sa­la da pran­zo», per ar­ri­va­re al­lo spet­ta­co­lo, il «sa­lot­to». Una fe­sta per ri­cor­da­re la sto- ria del lo­ca­le di via Gig­gi Za­naz­zo in­sie­me ai suoi pro­ta­go­ni­sti: Pi­no In­se­gno, An­to­nio Giu­lia­ni, Lu­cia­no Lem­bo, Pablo & Pe­dro, Lino Ban­fi, Gian­fran­co D’An­ge­lo, Fio­ret­ta Ma­ri, Mau­ri­zio Mat­tio­li e Leo Gul­lot­ta, che rac­con­ta: “Lan­do mi sco­prì ca­sual­men­te al vec­chio lo­ca­le del Ba­ga­gli­no e mi scrit­tu­rò per po­chi me­si, in­ve­ce re­stai due an­ni sco­pren­do gra­zie a lui al­cu­ni aspet­ti della mia co­mi­ci­tà che non co­no­sce­vo e che mi fu­ro­no pre­zio­si in quel me­stie­re tan­to im­pe­gna­ti­vo che è il tea­tro leg­ge­ro».

Ma an­che per trac­ciar­ne il fu­tu­ro. «L’in­ten­zio­ne è non la­scia­re mo­ri­re il Puff – annuncia Fran­ce­sco – ma an­zi far­lo di­ven­ta­re un ve­ro e pro­prio tem­pio della ro­ma­ni­tà in estin­zio­ne. Ol­tre alla pro­gram­ma­zio­ne vo­glia­mo ac­co­glie­re spet­ta­co­li per scuo­le, cor­si di cu­ci­na ro­ma­ne­sca e di sto­ria della can­zo­ne po­po­la­re. Per rea­liz­zar­lo ser­vi­ran­no sol­di e la­vo­ro, lunedì pre­sen­te­re­mo il pro­get­to e lan­ce­re­mo una rac­col­ta fon­di».

Ri­cor­ren­ze Lan­do Fio­ri­ni alla fe­sta per i 40 an­ni con, da si­ni­stra, Gul­lot­ta, Tro­va­jo­li, Mon­te­sa­no, Ban­fi, Mat­tio­li, D’An­ge­lo. So­pra: Lan­do con Al­do Fa­bri­zi all’apertura del lo­ca­le, 1968

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.